Scenari

Nord Stream 2, labbra serrate sul progetto dopo le sanzioni Usa

Nord Stream 2

Il 20 ottobre, gli Stati Uniti hanno ampliato la portata della minaccia di sanzioni su Nord Stream 2 che al momento non commenta

Bocche cucite da Nord Stream 2 Ag, la società che sta realizzando l’omonimo gasdotto tra Russia e Germania da 55 mld di mc / anno, dopo la nuova minaccia di sanzioni contro il progetto arrivata dagli Usa.

DAGLI USA INASPRIMENTO DELLE SANZIONI

Nelle scorse ore il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha infatti ampliato la portata delle sanzioni contro il gasdotto e ha avvertito le aziende coinvolte nell’installazione finale che dovranno affrontare delle punizioni se non interromperanno le loro attività, scrive il Wsj.

Al momento, restano da posare poco più di 150 km di Nord Stream 2 nelle acque danesi e tedesche dopo che la minaccia di sanzioni statunitensi lo scorso dicembre ha costretto la Allseas, l’azienda incaricata di osare i tubi, a sospendere i lavori.

LA RISPOSTA DI NORD STREAM 2 AG

“Siamo a conoscenza delle nuove linee guida emesse dal Dipartimento di Stato americano”, ha detto un portavoce di Nord Stream 2 secondo quanto riferito da S&P Global Platts aggiungendo che la società non commenterà alcun possibile impatto delle nuove linee guida sulle società che sostengono il progetto, ma facendo notare che qualsiasi minaccia di sanzioni mirata a Nord Stream 2 ha colpito “un ampio gruppo di appaltatori e investitori occidentali”. “Se imposti, potrebbero colpire direttamente più di 120 aziende di più di 12 paesi europei”, ha affermato.
Alla domanda su quando prevede di riprendere i lavori di posa delle condotte, il portavoce ha detto che la società annuncerà i suoi piani a tempo debito.

LE NUOVE LINEE GUIDA USA

Le nuove linee guida, presenti sul sito web dell’organo americano, ampliano l’interpretazione del Dipartimento di Stato del Protecting Europe’s Energy Security Act del 2019, che prende di mira le navi che posano tubi ad almeno 100 piedi sotto il livello del mare per Nord Stream 2, TurkStream o qualsiasi progetto successivo. Nel documento si afferma che anche le società che forniscono “strutture per l’aggiornamento o l’installazione di attrezzature per quelle navi” o il finanziamento per tale lavoro possono incorrere in potenziali sanzioni.

In sostanza, a rischiare è qualsiasi entità che può aiutare a svolgere il suo lavoro alla Akademik Cherskiy, considerata la nave con più probabilità di completare il lavoro di posa delle condotte.

L’Akademik Cherskiy, ancorato nel Mar Baltico al largo della costa di Kaliningrad, si è trasferito dal porto tedesco di Mukran – dove era stato per quasi cinque mesi – il 1 ottobre, secondo Platts cFlow. Mukran ospita il tubo rimanente necessario per completare il progetto.

LA REAZIONE DELL’UCRAINA

La mossa degli Stati Uniti è stata accolta con favore dalla compagnia di gas statale ucraina Naftogaz Ukrayiny, critica verso il progetto sin dal suo concepimento. “Naftogaz sostiene la decisione degli Stati Uniti di aumentare le sanzioni contro Nord Stream 2”, si legge in un comunicato. “Naftogaz continuerà a lavorare a stretto contatto con i suoi partner a Washington, Bruxelles, Berlino e in altre regioni per impedire il completamento del Nord Stream 2”.
L’amministratore delegato di Naftogaz Andriy Kobolev all’inizio di marzo aveva auspicato che l’intervento Usa avrebbe scongiurato per sempre il completamento del progetto. “Le sanzioni sul Nord Stream 2 sono state uno dei principali passi compiuti e speriamo che il governo degli Stati Uniti continui nella stessa direzione”, erano state le sue parole.

Nord Stream 2 – che è stato criticato da Stati Uniti, Commissione Europea, Ucraina e altri paesi dell’Europa orientale per aver concentrato troppa capacità di importazione di gas europeo su una rotta e una fonte – raddoppierebbe l’esportazione di gas Russia-Germania corridoio a 110 mld di mc / anno se completato. Tuttavia, i sostenitori del progetto – comprese cinque società energetiche dell’Europa occidentale che hanno anche contribuito a finanziare il progetto (Engie, OMV, Shell, Uniper e Wintershall Dea) – affermano che la messa in servizio del gasdotto è nell’interesse della sicurezza, dei consumatori, della competitività economica e degli impegni di protezione del clima europei.

ALTRE SANZIONI POSSIBILI ENTRO FINE ANNO

Il mese scorso, l’International Group of Protection and Indemnity Clubs, uno dei principali gruppi di assicurazione e indennizzo marittimo, ha annunciato che a causa della minaccia di sanzioni statunitensi “non ci sarà alcuna copertura del club per qualsiasi attività che coinvolga o correlata a” Nord Stream 2. Altre sanzioni dovrebbero essere incluse nel disegno di legge sull’autorizzazione delle spese per la difesa entro la fine dell’anno, si legge su Wsj.