Scenari

Norvegia, accelera la produzione di gas e petrolio nel II semestre

eni

Al 30 giugno, 88 campi erano in produzione; 66 nel Mare del Nord, 20 nel Mare di Norvegia e due nel Mare di Barents.

Nella prima metà del 2020, l’attività sullo shelf norvegese è stata in qualche modo ‘strozzata’ dalla pandemia di coronavirus con restrizioni delle attività, un calo della domanda e un prezzo del petrolio in calo. Questa primavera, sulla base della straordinaria situazione del mercato petrolifero, il governo norvegese aveva deciso di tagliare la produzione di petrolio a partire da giugno e per tutto il resto dell’anno per contribuire a una più rapida stabilizzazione del mercato petrolifero rispetto a quanto il solo meccanismo di mercato avrebbe garantito.

C’È LA BASE PER CREARE VALORE

“C’è ancora la base per un’elevata creazione di valore a lungo termine sulla piattaforma norvegese. Le decisioni politiche hanno contribuito a stabilizzare una situazione straordinaria e impegnativa. Il cambiamento temporaneo contribuirà a mantenere alto il livello di attività, alla pari con quanto previsto prima della pandemia e del calo del prezzo del petrolio”, ha affermato il Direttore Generale Ingrid Sølvberg secondo quanto riportato da WorldOil.
Subito dopo le modifiche al Petroleum Tax Act norvegese, sono stati presentati alle autorità per l’approvazione due piani di sviluppo e di funzionamento. Si tratta dell’elettrificazione parziale del giacimento di Sleipner e di Hod. Mentre i partner dell’area di Krafla/Askja si sono accordati sui piani di sviluppo delle risorse. “Allo stesso tempo, abbiamo notato che l’attività di esplorazione è diminuita e sarà inferiore quest’anno rispetto a quanto ipotizzato a gennaio. Tuttavia, stiamo sperimentando che le società non stanno cancellando i pozzi di esplorazione, ma piuttosto li stanno rinviando al prossimo anno”, ha ammesso Sølvberg.

A QUANTO AMMONTA LA PRODUZIONE

Alla fine di aprile, le autorità hanno deciso di ridurre la produzione petrolifera norvegese di 250.000 barili al giorno a giugno e di 134.000 barili al giorno nella seconda metà dell’anno. Ciò è stato fatto per contribuire a stabilizzare più velocemente il mercato petrolifero, cosa importante per una sana gestione delle risorse e per l’economia norvegese. La produzione dai giacimenti di gas e condensati, dai giacimenti transfrontalieri con una vita produttiva residua breve e dai giacimenti maturi non sarà tagliata.

La produzione totale di petrolio nella prima metà del 2020 è stata pari a 115,2 milioni di metri cubi standard (Sm3) di petrolio equivalente (o.e.). Questa cifra è stata distribuita tra circa 49,1 milioni di Sm3 di petrolio, 56,7 miliardi di Sm3 di gas e 9,4 milioni di Sm3 di LGN e condensa.

BENE LA PRODUZIONE GRAZIE AL CAMPO JOHAN SVERDRUP

Nonostante le conseguenze di Covid 19 e della regolamentazione della produzione, la produzione di petrolio è stata superiore di circa 11 milioni di Sm3 rispetto alla prima metà del 2019. Ciò è stato causato principalmente dallo sviluppo della prima fase di Johan Sverdrup che questa primavera ha iniziato la piena produzione. Il campo ha dimostrato di fornire idrocarburi oltre le previsioni iniziali.

VEDNITE GAS INFERIORI RISPETTO ALLO SCORSO ANNO

Le vendite di gas per la prima metà del 2020 sono inferiori di 4,6 miliardi di Sm3 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. I prezzi del gas sono stati recentemente bassi e la produzione si è adattata a tali fluttuazioni del mercato.

PERFORATI 84 POZZI IN NORVEGIA

Quest’anno sono stati perforati finora 84 nuovi pozzi di sviluppo; si tratta di un livello prossimo a quello dell’anno scorso e importante soprattutto per mantenere stabile la produzione con il pensionamento dei pozzi più vecchi.
“Le aziende stanno facendo un buon lavoro per creare valore sui campi. Questo lavoro deve continuare, i campi devono essere gestiti in modo efficiente, le aziende devono anche sviluppare, testare e utilizzare nuove tecnologie per migliorare il recupero e ridurre le emissioni”, ha detti il Direttore per lo sviluppo e le operazioni della Norwegian Petroleum Directorate (NPD), Kalmar Ildstad secondo quanto riferito da WorldOil.

Al 30 giugno, 88 campi erano in produzione; 66 nel Mare del Nord, 20 nel Mare di Norvegia e due nel Mare di Barents. Quest’anno sono stati messi in produzione due nuovi campi, Skogul nel Mare del Nord e Ærfugl nel Mare di Norvegia. Entrambi sono sviluppi sottomarini legati ai campi esistenti. La Skogul è legata alla nave di produzione e stoccaggio di Alvheim attraverso il campo di Vilje. Ærfugl, che si sviluppa in due fasi, è legata alla nave di produzione e stoccaggio Skarv (FPSO). Entrambi i campi sono gestiti da Aker BP.