Fact checking e fake news

Nucleare, via libera del regolatore francese a estensione vita reattori per 10 anni

Nucleare

La revisione dell’estensione della durata di vita riguarda la flotta di centrali nucleari da 900 MW

Il regolatore nucleare francese ASN ha completato una revisione generica per estendere la durata di vita di 32 reattori della flotta da 900 MW per 10 anni oltre i 40 anni inizialmente previsti.

32 REATTORI VIVRANNO PER ALTRI 10 ANNI

I trentadue reattori da 900 MW di EDF sono i più vecchi in funzione in Francia e sono stati inizialmente progettati per una vita di 40 anni di funzionamento.

“ASN ritiene che le misure pianificate da EDF combinate con quelle prescritte da ASN aprano la prospettiva di un funzionamento continuato di questi reattori per altri 10 anni dopo la loro quarta revisione periodica della sicurezza”, ha detto l’ASN.

PREVISTE UNA SERIE DI MISURE DA APPLICARE DURANTE LA REVISIONE

Il funzionamento continuato ha richiesto l’aggiornamento degli studi di progettazione o la sostituzione delle apparecchiature, ha affermato ASN. La risoluzione stabilisce miglioramenti e misure da applicare durante la quarta revisione decennale dei reattori.

Due sono già stati completati a Tricastin 1 e Bugey 2. Il programma completo dovrebbe essere eseguito fino al 2031.

L’ALLUNGAMENTO DELLA VITA DEI REATTORI COSTA 49,4 MLD DI DOLLARI FINO AL 2025

Secondo il rapporto annuale di EDF, il programma Grand Carenage di EDF per estendere la durata della flotta da 900 MW dovrebbe costare 49,4 miliardi di euro per il periodo fino al 2025.

La revisione e le misure pianificate da EDF sono state oggetto di una consultazione pubblica nell’ambito dell’HCTISN (Alto Comitato francese per la trasparenza e l’informazione sulla sicurezza nucleare), ha affermato l’ASN.

PRODUZIONE NUCLEARE FRANCESE AL MINIMO NEL 2020

La produzione nucleare francese è scesa nel 2020 al minimo record di 335 TWh, principalmente a causa degli aggiustamenti di manutenzione relativi al coronavirus, ma anche della chiusura dei due reattori da 900 MW a Fessenheim e delle interruzioni prolungate a Flamanville, Paluel e Bugey.

La Francia nel 2017 ha rinviato i piani per ridurre la quota di nucleare nel suo mix di energia al 50% entro 10 anni fino al 2035, consentendo l’estensione della durata della flotta da 900 MW.

Secondo una nuova roadmap energetica, da quattro a sei reattori dovrebbero chiudere entro il 2028 e 14 entro il 2035. EDF ha nominato sette siti in cui chiudere unità (Blayais, Bugey, Chinon, Cruas, Dampierre, Gravelines, Tricastin).