Scenari

Per la Banca Mondiale petrolio a 44 dollari nel 2021

petrolio

A differenza del petrolio, i prezzi del gas naturale, tuttavia, dovrebbero aumentare nel 2021 con la ripresa dei consumi in linea con l’economia globale

I prezzi dell’energia sono quelli che hanno sofferto di più tra le materie prime nella pandemia, in particolare i prezzi del petrolio, che non aumenteranno di molto nemmeno l’anno prossimo, con una media di soli 44 dollari al barile. È quanto prevede la Banca Mondiale nel suo rapporto semestrale sulle prospettive dei mercati delle materie prime.

SI DEVE ATTENDERE IL 2022 PER IL RECUPERO

Mentre le materie prime agricole e metalliche hanno già recuperato le perdite da COVID-19, i prezzi del petrolio non torneranno ai livelli pre-pandemici almeno fino al 2022, secondo la Banca Mondiale.

“Nonostante i forti tagli alla produzione, la ripresa dei prezzi del petrolio si è arrestata di recente tra le preoccupazioni per le nuove infezioni da Covid-19 e il loro impatto sul consumo di petrolio”, ha affermato la banca nel suo rapporto.

L’anno prossimo, la domanda di petrolio in quasi tutti i paesi sarà ancora inferiore rispetto al 2019, tranne in Cina, e di conseguenza, i prezzi del petrolio non si muoveranno molto al di sopra dei livelli attuali di 40 dollari.

MEDIA DI 44 DOLLARI AL BARILE

La Banca Mondiale prevede che il petrolio raggiungerà in media 44 dollari al barile il prossimo anno, leggermente in aumento rispetto alla media prevista di 41 dollari al barile quest’anno. La media prevista per il 2021 sarà ancora significativamente inferiore al livello medio del prezzo del petrolio del 2019 di 61 dollari al barile.

“Si prevede che gli alti livelli di scorte continueranno a diminuire rispetto alle previsioni e manterranno i prezzi del petrolio al di sotto dei 50 dollari fino al 2022”, ha affermato la Banca mondiale. Inoltre, i paesi Opec+ hanno livelli significativi di capacità di produzione inutilizzata, il che riduce ulteriormente la probabilità di prezzi nettamente più alti nel breve termine.

IN AUMENTO I PREZZI DEL GAS

I prezzi del gas naturale, tuttavia, dovrebbero aumentare nel 2021 con la ripresa dei consumi in linea con l’economia globale. Come molti altri previsori, la Banca Mondiale vede i rischi per il petrolio al ribasso. Per la domanda, la pandemia è il rischio maggiore, mentre il ritorno della produzione libica è un rischio per i prezzi del petrolio dal lato dell’offerta.

Un potenziale rialzo potrebbe essere dettato da un mancato allentamento dei tagli di Opec+da gennaio come previsto, ma tagli estesi ai livelli attuali potrebbero essere politicamente difficili da ottenere, poiché molti produttori di petrolio che hanno aderito al patto hanno registrato pesanti perdite nelle loro finanze a causa del crollo del prezzo del petrolio e dalla pandemia, ha concluso la Banca mondiale.