Sostenibilità

Per Saipem prima commessa chiavi in mano nell’eolico offshore

eolico offshore

I francesi di Edf hanno dato a Saipem l’appalto per la costruzione di un parco al largo della costa est della Scozia. Il gruppo si è anche aggiudicato i lavori per un’altra struttura eolica a Formosa. I due contratti valgono 750 milioni, il 15% degli ordini 2019 della divisione E&C offshore

La prima commessa chiavi in mano nell’eolico offshore di Saipem parla scozzese e francese. Saipem si è aggiudicata un contratto da parte della società francese Edf Renewables per la costruzione del parco eolico offshore di Neart na Gaoithe, in Scozia. A cui si aggiunge anche un nuovo contratto per la realizzazione del parco eolico offshore Formosa 2 sulla costa occidentale di Taiwan per un valore complessivo di circa 750 milioni di euro, pari a oltre il 15% degli ordini acquisiti dalla Divisione E&C Offshore da inizio anno.

PRIMO PROGETTO CHIAVI IN MANO PER SAIPEM

Quello in Scozia è però più importante perché si tratta del primo progetto chiavi in mano assegnato a Saipem nel settore dei parchi eolici offshore. Lo scopo del lavoro comprende ingegneria, approvvigionamento, costruzione e installazione di 54 jacket per un equivalente numero di turbine eoliche con una capacità di circa 8MW ciascuna, delle 2 fondazioni per le sottostazioni elettriche ed il relativo trasporto e installazione di queste ultime. Le fondazioni saranno realizzate in parte in un cantiere di proprietà Saipem e in parte presso cantieri di fabbricazione in Scozia e saranno posizionate ad una profondità compresa tra 40 e 60 metri. Le attività di installazione offshore saranno eseguite, invece, dalla nave di sollevamento Saipem 7000, che vanta una consolidata esperienza di operazioni nel Mare del Nord.

RACHELI (SAIPEM): POSSIBILE GRAZIE ALLE NOSTRE CAPACITÀ E COMPETENZE DI INGEGNERIA, FABBRICAZIONE E INSTALLAZIONE

Il parco eolico NnG, situato a 15 km al largo della costa orientale della Scozia, si svilupperà su un’area di circa 105 km2 e sarà in grado di generare circa 450 megawatt di elettricità. “Questo contratto EPCI assegnato da EDF Renewables segna un passaggio chiave nella nostra strategia per diventare un riferimento di mercato nello sviluppo di grandi parchi eolici offshore e, più in generale, nel processo di transizione energetica – ha dichiarato Francesco Racheli, Chief Operating Officer della Divisione E&C Offshore di Saipem – . Questo importante risultato è stato possibile grazie alle nostre capacità e competenze di ingegneria, fabbricazione e installazione, oltre che ai nostri mezzi navali, particolarmente adatti a progetti di questo tipo. La nostra collaborazione con EDF Renewables e con l’intera catena di approvvigionamento ci consentirà di contribuire alla generazione di 450 megawatt di energia verde, promuovendo l’utilizzo di fornitori e competenze locali per fornire la soluzione più competitiva ai nostri stakeholder e clienti, e realizzare un progetto di successo”.

A TAIWAN UN ALTRO CONTRATTO PER 32 STRUTTURE

Saipem si è inoltre aggiudicata un nuovo contratto per la realizzazione del parco eolico offshore Formosa 2. Lo scopo del lavoro di Saipem include la fornitura di materiale e la fabbricazione di 32 strutture di fondazione per altrettante turbine eoliche. Il parco eolico sarà sviluppato da una partnership tra Green Investment Group del fondo Macquarie e Swancor Renewable Energy, al largo di Miaoli County, sulla costa occidentale di Taiwan. I lavori di costruzione del progetto partiranno all’inizio del 2020.