skip to Main Content

Perché Austria, Belgio, Lituania, Lussemburgo e Spagna hanno chiesto più solare all’Ue

Solare

Il Solar Act da 1 TW entro il 2030 andrebbe inserito all’interno del piano REPowerEU secondo i cinque paesi firmatari

I ministri dell’Energia di Austria, Belgio, Lituania, Lussemburgo e Spagna hanno firmato una lettera alla Commissione europea chiedendo una maggiore ambizione dell’UE nel settore solare, e di raggiungere almeno 1 TW entro il 2030.

COSA DICE LA LETTERA

“Come conseguenza dell’aggressione militare non provocata della Russia contro l’Ucraina, l’UE dovrebbe fornire sostegno all’Ucraina e accelerare la transizione energetica in Europa per eliminare gradualmente la nostra dipendenza energetica dalla Russia il più presto possibile. L’energia solare ha un enorme potenziale per l’UE. Come già sottolineato nella comunicazione REPowerEU, ogni pannello fotovoltaico riduce immediatamente e direttamente la nostra dipendenza energetica dalla Russia. Oltre a questo, la sua diffusione accelerata riduce l’esposizione ai prezzi elevati dell’energia e crea posti di lavoro locali, il tutto riducendo le emissioni di gas serra e raggiungendo i nostri obiettivi climatici”, si legge nella missiva inviata alla Commissione europea.

OBIETTIVO 1 TW DI SOLARE ENTRO IL 2030

“Il mercato solare dell’UE sarà in realtà il doppio rispetto a quanto previsto dai piani nazionali per l’energia e il clima in uno scenario di ‘business as usual’. Crediamo che ci sia ancora il potenziale per aumentare questi obiettivi alla luce della mutata situazione geopolitica e per sbloccare il potenziale dell’energia solare come importante fonte di energia rinnovabile sui tetti o sulle facciate degli edifici – comprendendo il solare fotovoltaico e il solare termico e una combinazione di entrambi e il fotovoltaico integrato nell’edificio. Entro l’anno 2030, l’obiettivo è di avere almeno 1 TW di fotovoltaico installato nell’UE”, è l’ambizione dei cinque paesi manifestata nella lettera.

RISCHIO DIPENDENZA HARDWARE DALLA CINA

“L’UE ospita ancora la migliore ricerca e sviluppo al mondo sulla produzione del fotovoltaico e considerando la nuova tecnologia, possiamo ristabilire un’industria di produzione del fotovoltaico solare competitiva in Europa. Senza affrontare adeguatamente le sfide attuali e i fallimenti del mercato della produzione europea del fotovoltaico, l’UE rischia di trasformare la dipendenza dal petrolio e dal gas russo in una crescente dipendenza a lungo termine dalle materie prime e dalle importazioni di hardware fotovoltaico dalla Cina o da altri fornitori emergenti di fotovoltaico globale”, si legge ancora.

70 MLN DI TETTI SOLARI ENTRO IL 2030

“L’UE può installare almeno 70 milioni di tetti solari in Europa entro il 2030. Questo genererà 1100 TWh di elettricità e creerà milioni di posti di lavoro locali. L’onda di rinnovamento europea dovrebbe essere combinata con un’Onda Solare. Vi chiediamo quindi di includere un Solar Act europeo nel vostro prossimo piano REPowerEU” con alcuni avvertimenti.

LE RACCOMANDAZIONI

I tetti solari dovrebbero essere la norma per le case di nuova costruzione e per le case in fase di ristrutturazione importante, o una ristrutturazione che tocchi il tetto. I tetti solari obbligatori dovrebbero essere essere richiesti dalla legislazione dell’UE, in particolare sui tetti piani, sugli edifici pubblici, sui supermercati e su negozi, supermercati e negozi al dettaglio, così come aree industriali e aree dismesse; effettuare un uso migliore ed efficiente in termini di costi di tutti gli strumenti finanziari per finanziare la diffusione dell’energia rinnovabile e in particolare l’energia solare, comprese le garanzie di credito statali per sbloccare il capitale finanziario per la produzione. Il meccanismo europeo di finanziamento delle energie rinnovabili deve essere rafforzato; la Commissione dovrebbe fornire una maggiore assistenza agli Stati membri per sfruttare appieno il potenziale di coinvolgimento dei cittadini nel sistema energetico come autoconsumatori, autoconsumatori collettivi e comunità di energia rinnovabile.

SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE

Infine “al fine di intraprendere azioni immediate nella parte a monte della catena del valore del fotovoltaico, chiediamo il lancio di un meccanismo di sostegno dedicato che miri a incrementare le capacità di produzione solare esistenti e promuovere l’innovazione. Questo potrebbe avvenire attraverso diversi mezzi, per esempio un invito un bando dedicato nell’ambito del Fondo per l’innovazione o di altri strumenti UE pertinenti, un mandato alla BEI per fornire sostegno finanziario alle fabbriche, esplorando la fattibilità di istituire un IPCEI per la produzione in Europa. Questo approccio fornirebbe la necessaria sicurezza degli investimenti, faciliterebbe la procedura di notifica nell’ambito del CEEAG, promuoverebbe la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione nell’intera catena del valore e creerebbe migliaia di posti di lavoro sostenibili in Europa”, sottolineano i cinque paesi nella lettera.

“La Commissione dovrebbe fissare l’obiettivo che il 75% delle capacità fotovoltaiche dispiegate o installate siano prodotte all’interno UE entro il 2030” e “adottare un’analisi di accompagnamento sulla corrispondente produzione industriale dell’UE industriale e le esigenze di investimento, così come le capacità di ricerca e innovazione per i tetti solari all’interno dell’UE, tenendo presente la necessità di assicurare l’efficienza delle risorse e un’economia circolare”.

LA POSIZIONE DI SOLAR POWER EUROPE

Walburga Hemetsberger, CEO di SolarPower Europe, ha dichiarato: “Mentre la guerra russa non provocata all’Ucraina continua, l’UE sa che dobbiamo allontanarci dalla dipendenza russa dal gas il più rapidamente possibile. Una maggiore ambizione solare sosterrà l’indipendenza energetica dell’UE, proteggerà gli europei dagli aumenti dei prezzi dell’energia , creare milioni di posti di lavoro ecologici e contribuire massicciamente ai nostri obiettivi climatici. Attraverso questa iniziativa, Austria, Belgio, Lituania, Lussemburgo e Spagna stanno aprendo la strada all’era europea dei terawatt solari”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore