skip to Main Content

Perché la crisi di approvvigionamento del fotovoltaico mette in dubbio il target dell’Accordo di Parigi

Fotovoltaico

Per mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5 gradi, i produttori di pannelli solari e fotovoltaico dovrebbero idealmente crescere del 10% all’anno per soddisfare la capacità di produzione di moduli necessaria di 1.200-1.400 GW entro il 2035

La grid parity, la resilienza delle reti e le partnership strategiche hanno stimolato la crescita della capacità di produzione mondiale di pannelli solari negli ultimi anni, a 330 gigawatt (GW) a metà del 2021. In questo ambito, un’analisi di Rystad Energy rivela che per soddisfare lo scenario di 1,5 gradi di riscaldamento massimo delle temperature terrestri nel 2050 previsto dall’accordo di Parigi, la capacità di produzione dovrà quadruplicare fino a 1.200-1.400 GW entro il 2035 per gestire le installazioni di punta necessarie. “Questo sarà un compito impegnativo, tuttavia, poiché i produttori vedono il loro utilizzo precipitare a causa dell’aumento dei costi e del Covid-19, una svolta di eventi che potrebbe scoraggiare gli investimenti necessari per espandere ulteriormente la capacità”, sottolinea l’analisi della società di consulenza.

I DATI DEL FOTOVOLTAICO

Il tasso di utilizzo aggregato dei moduli solari (la differenza tra capacità produttiva e spedizioni) è stato dell’84% nel 2018 ed è diminuito da allora, al 71% nel 2019 e al 58% nel 2020, quando l’efficienza della logistica e dei trasporti è stata ostacolata dalla pandemia in maggior parte del mondo, ha evidenziato Rystad Energy. “La diffusione di Covid-19 ha creato una grave perturbazione economica nel mercato e si prevede che continuerà a incidere sui tassi di utilizzo per la maggior parte del 2021”.

DIFFICILE MANTENERE BASSI I COSTI DEL SOLARE

In particolare, ha spiegato la società di consulenza “nel breve e medio termine sarà difficile mantenere bassi i costi del solare poiché i prezzi di alcuni fattori di input sono aumentati negli ultimi mesi. Il costo dei progetti solari è diminuito considerevolmente negli ultimi anni, ma le riduzioni dei costi hanno iniziato a ridursi e ad avvicinarsi a un livello minimo, attualmente definito dal prezzo di fattori di input come manodopera, silicio policristallino, argento, rame, alluminio e acciaio”, ha spiegato la società nelle ricerca.

I PREZZI DEGLI INGREDIENTI CHIAVE DEI MODULI FOTOVOLTAICI

Questi fattori hanno visto un chiaro aumento dei prezzi nel 2020 e nel 2021. “Il mono-polisilicio, l’ingrediente chiave dei pannelli fotovoltaici, è passato da 7,6 dollari per chilogrammo nel 2019 a 9 per kg nel 2020, ed è probabile che raggiunga una media di 18 dollari per kg nel 2021 Il prezzo dell’argento, importante per i collegamenti dalla cella di silicio ai fili di rame, è passato da 550 dollari al kg nel 2019 a 850 dollari al kg (in media) nel 2021 – ha proseguito Rystad Energy -. L’effetto combinato di tutti i fattori di input è che i prezzi globali dei pannelli solari sono aumentati del 16% finora nel 2021 dal 2020. L’inflazione ponderata dei prezzi per i progetti solari, compresa la manodopera, dall’installazione e altre attrezzature ai lavori di costruzione, che rappresenta un aumento quota dei costi complessivi – significa che i costi totali sono aumentati del 12%, limitando potenzialmente la crescita della domanda per i prossimi anni”.

MARTINSEN (RYSTAD ENERGY): L’INTERO SETTORE STA VIVENDO CARENZE NELLA FORNITURA DI MATERIE PRIME E AUSILIARIE

“L’intero settore sta vivendo carenze nella fornitura di materie prime e ausiliarie, in particolare polisilicio e argento. Le restrizioni legate al Covid-19 non hanno solo creato carenze di approvvigionamento di materie prime essenziali, ma hanno anche portato a prezzi più alti, con conseguente riduzione delle spedizioni e impatto sui ricavi per i partecipanti al settore”, ha affermato Audun Martinsen, Head of Energy Service Research presso Rystad Energy.

I PRODUTTORI DI PANNELLI SOLARI DOVREBBERO CRESCERE DEL 10% ALL’ANNO PER SODDISFARE LA CAPACITÀ DI PRODUZIONE DI MODULI NECESSARIA AL 2035

La riduzione di minerali e metalli “potrebbe essere la chiave per aumentare la capacità di produzione e affrontare la sfida della catena di approvvigionamento”, ha aggiunto Martinsen. Infatti, a lungo termine, l’industria solare deve aumentare la capacità e continuare a combattere l’escalation dei costi per raggiungere gli obiettivi del cambiamento climatico. Rystad Energy stima che per mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5 gradi, i produttori di pannelli solari dovrebbero idealmente crescere del 10% all’anno per soddisfare la capacità di produzione di moduli necessaria di 1.200-1.400 GW entro il 2035.

“In passato, la capacità dei moduli è cresciuta a un ritmo simile, tuttavia, con l’attuale carenza di approvvigionamento di materie prime essenziali come polisilicio, argento e vetro e l’aumento dei prezzi delle materie prime ausiliarie, una crescita del 10% sarebbe un obiettivo molto ambizioso per società solari. Infatti, entro il 2035, l’industria del solare fotovoltaico dovrebbe procurarsi sette volte più argento di quanto fa oggi, quando consuma già il 10% della produzione globale di argento”, ha sottolineato il report.

SCENARIO PIU’ REALIZZABILE CON RISCALDAMENTO GLOBALE A 1,7 GRADI

“Limitare il riscaldamento globale a 1,7°C è invece uno scenario più realizzabile con gli attuali vincoli di offerta. Poiché c’è una capacità sufficiente per altri otto anni, questo dovrebbe dare alle aziende solari più tempo per espandere la capacità di produzione. Per realizzare lo scenario a 1,7 gradi, le aziende dovrebbero essere in grado di espandere la capacità di produzione a 1.000-1.200 GW entro il 2045, consumando comunque gran parte di argento e policristallino, in un lasso di tempo che consenta di adeguare l’offerta”, ha concluso Rystad Energy.

live
Back To Top