Sostenibilità

Perché le rinnovabili rosicchiano quote alle fonti fossili

rinnovabili

Malgrado la crescita delle rinnovabili i combustibili fossili saranno ancora necessari per decenni. Non significa che smetteremo di usare il petrolio, significa che l’uso del petrolio smetterà di crescere anno dopo anno

Le energie rinnovabili sono destinate a diventare la fonte di energia in più rapida crescita nei prossimi decenni, esautorando i combustibili fossili come il carbone e il petrolio in molte parti del mondo. Certo, il mondo continuerà ad avere bisogno di petrolio, carbone e gas naturale anche in futuro, perché i sistemi energetici non possono passare completamente a fonti di energia a basse emissioni di carbonio in tempi brevi.

Dati e analisi recenti suggeriscono, tuttavia, che le fonti di energia rinnovabili come l’energia solare ed eolica e la maggiore penetrazione dei veicoli elettrici stanno diventando sempre più competitive con le fonti energetiche tradizionali dominanti nel XX secolo.

L’aumento dei tassi di elettrificazione e di industrializzazione nei mercati emergenti sosterrà l’aumento del consumo di energia di ogni tipo, ma tutte le analisi indicano un rallentamento della crescita del consumo di petrolio e di gas. D’altra parte, le energie rinnovabili sono state la fonte di energia in più rapida crescita negli ultimi anni e si prevede che continueranno ad esserlo anche nei prossimi decenni.

RINNOVABILI IL 41% DELL’AUMENTO DELLA DOMANDA NEL 2019

L’anno scorso, le rinnovabili hanno rappresentato il 41 per cento dell’aumento della domanda di energia, la più grande di tutte le fonti energetiche, secondo quanto riporta la BP Statistical Review of World Energy 2020.

Per fare un confronto, il gas naturale ha rappresentato il 36% dell’aumento della domanda di energia, e il petrolio ha rappresentato solo il 21% dell’aumento della domanda totale di energia globale, secondo le stime dell’editorialista di Reuters John Kemp.

Secondo BP, la crescita dell’energia primaria nel 2019 è stata trainata dalle energie rinnovabili, seguita dal gas naturale, che insieme hanno contribuito a oltre tre quarti dell’aumento netto. “La quota sia delle energie rinnovabili che del gas naturale nell’energia primaria è aumentata fino a raggiungere livelli record. Nel frattempo, il consumo di carbone è diminuito, con la sua quota nel mix energetico che è scesa al livello più basso dal 2003”, ha detto BP nella sua Review.

RINNOVABILI IN CRESCITA MA GAS, CARBONE E PETROLIO ANCORA PRINCIPALI FONTI NEI PROSSIMI ANNI

Il gas naturale, il carbone e il petrolio continueranno ad essere le principali fonti di energia nei prossimi anni, ma le rinnovabili e i veicoli elettrici invaderanno il loro territorio.

Secondo l’Energy Outlook 2020 di BP pubblicato in settimana, le energie rinnovabili – guidate dal solare e dall’eolico – saranno le fonti di energia in più rapida crescita nei prossimi tre decenni, con l’uso di energie rinnovabili nel settore energetico in rapida crescita in tutti e tre gli scenari che BP ha esaminato: Rapid, Net Zero e Business As Usual. La crescita delle energie rinnovabili sarà accelerata dal calo dei costi e dalle politiche in tutto il mondo per incoraggiare il passaggio a fonti energetiche a più basso tenore di carbonio, ha detto BP.

LE STIME BNEF

La tendenza delle energie rinnovabili che domina l’aumento della capacità di produzione di energia è già iniziata. Secondo le stime della società di ricerca BloombergNEF (BNEF), l’energia solare ed eolica insieme hanno rappresentato il 67% di tutte le nuove capacità di energia che il mondo ha aggiunto l’anno scorso, mentre la quota di combustibili fossili nelle nuove capacità è scesa al 25%. Con un record di 118 gigawatt (GW), il fotovoltaico (PV) ha rappresentato il 45% della capacità di nuova costruzione ed è stata la tecnologia più diffusa in un terzo delle nazioni, ha sottolineato BNEF.

Compresa l’energia idroelettrica, le rinnovabili hanno rappresentato tre quarti di tutta la capacità installata a livello globale lo scorso anno.

L’uso del carbone nelle economie sviluppate sta rallentando perché le vecchie centrali a carbone non possono competere economicamente con il nuovo gas naturale e la capacità rinnovabile, ha ammesso Ethan Zindler, responsabile per le Americhe di BNEF. In futuro, la competitività dei costi sarà la chiave per capire la quantità di petrolio, gas e carbone che le energie rinnovabili sposteranno.

RINNOVABILI SEMPRE PIU’ ECONOMICHE SECONDO IRENA

L’energia rinnovabile è sempre più economica di qualsiasi nuova capacità elettrica basata sui combustibili fossili, ha detto l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili (IRENA) a giugno. Nella domanda di carburante per il trasporto su strada, maggiore è la penetrazione dei veicoli elettrici nei principali mercati automobilistici, maggiore è la domanda di petrolio (benzina) che potrebbe essere spostata.

I VEICOLI ELETTRICI

Le vendite di veicoli elettrici sono destinate a beneficiare dei piani di “ripresa verde” di molti governi, soprattutto in Europa. Anche la Cina sta cercando di incrementare l’uso dei veicoli elettrici e ha esteso i sussidi fino alla fine del 2022, ha dichiarato il mese scorso Ram Chandrasekaran, Principal Analyst – Transportation & Mobility di Wood Mackenzie.

WoodMac prevede che la flotta globale di veicoli elettrici salirà a 323 milioni nei prossimi 20 anni, 35 volte il livello attuale, dato che la recessione di quest’anno “ha lasciato una crepa nel settore dei veicoli elettrici (EV), ma è un graffio sulla vernice, non un grande lavoro di riparazione”.

La transizione energetica insomma è concretamente in atto, ma sarà un graduale spostamento verso fonti di energia sostenibile quando i sistemi di alimentazione e le reti elettriche saranno pronti ad accogliere tale spostamento. Nel frattempo, i combustibili fossili saranno ancora necessari per decenni. Anche se abbiamo superato i picchi della domanda di petrolio – come la BP stima nel suo rapporto in due dei tre scenari – ciò non significa che smetteremo di usare il petrolio, significa che l’uso del petrolio smetterà di crescere anno dopo anno.