skip to Main Content

Perché realizzare parchi solari sta diventando più costoso

L’aumento dei prezzi delle materie prime e dei costi di spedizione stanno erodendo i margini di profitto. A ciò si aggiungono i costi di manodopera dei parchi solari

Il costo della costruzione di parchi solari è in calo da diversi anni, e ciò ha reso la tecnologia rinnovabile sempre più popolare con progetti di tutte le dimensioni che si stanno moltiplicando in tutto il mondo. Il trend, tuttavia, sta cambiando, perché da qualche tempo a questa parte i nuovi progetti fotovoltaici delle utility stanno iniziando a diventare più costosi a causa dell’aumento dei costi per moduli, spedizione e manodopera. È quanto rivela un rapporto di Rystad Energy.

I MOTIVI DEGLI AUMENTI E DELL’EROSIONE DEI MARGINI DI PROFITTO

Secondo la società di ricerca, “l’aumento dei prezzi delle materie prime e dei costi di spedizione stanno erodendo i margini dei progetti fotovoltaici delle utility, portando potenzialmente a ritardi per gli sviluppi prossimi alla chiusura finanziaria. I moduli rappresentano la più grande singola voce di investimento dei progetti fotovoltaici delle utility, il che significa che anche modeste variazioni dei costi possono portare a sfide significative per l’economia del progetto”.

Negli ultimi 10 anni, il settore ha registrato un calo dell’80% dei prezzi dei moduli su base dollaro per watt, da oltre 1 dollaro per watt di picco nel 2011 a meno di 0,20 dollari nel 2020. Quest’anno, tuttavia, i costi dei moduli FOB (Free on board) dalla Cina sono già saliti oltre 0,22 dollari invertendo una tendenza in atto da sette anni. “Questo sviluppo è stato causato da un aumento dei prezzi delle materie prime chiave utilizzate per produrre celle solari in silicio, tra cui polisilicio, argento, alluminio e vetro, nonché da costi di spedizione più elevati”, ha spiegato Rystad Energy.

MENO ARGENTO NELLE CELLE MA I PREZZI AUMENTANO

Uno dei prodotti chiave utilizzati nella produzione di celle solari è l’argento, che grazie alle sue proprietà elettriche è ideale per la parte anteriore e posteriore della cella. Tra il 2012 e il 2016, l’industria ha ridotto drasticamente l’uso di argento da oltre 200 milligrammi a circa 100 mg per cella. Attualmente si trova nell’intervallo di 80-90 mg.

Tuttavia, il contributo dell’argento ai costi totali dei moduli è ora di nuovo in aumento “poiché l’utilizzo dell’argento per cella si è stabilizzato mentre i prezzi aumentano. Il settore fotovoltaico rappresenta il 10% della domanda globale di argento, mentre la crescita aggiuntiva prevista indotta dall’industria automobilistica causata dall’aumento dei veicoli ibridi ed elettrici potrebbe spingere la domanda di argento da questo settore da 51 MMoz nel 2020 a 88 MMoz nel 2025, spingendo i prezzi ancora più in alto”, osserva la società di consulenza.

I COSTI DI SPEDIZIONE

Storicamente, il costo del trasporto di una spedizione dalla Cina ai mercati chiave di tutto il mondo è stato di 0,006 dollari per watt, ma nel 2021, all’indomani del Covid-19, è salito a 0,02 dollari / Wp. “Questo è un altro aumento significativo dei costi per gli sviluppatori fotovoltaici poiché la spedizione ora rappresenta poco meno del 10% del costo del modulo FOB (prima della spedizione). Fino al 2019, questo rappresentava solo il 3%. Sebbene questo aumento possa essere un effetto a breve termine della pandemia, la produzione di moduli incentrati sull’Asia significa che i costi di spedizione rimarranno un fattore chiave da tenere d’occhio per gli sviluppi in altri continenti”, ha spiegato Rystad Energy.

IN CHE MODO I COSTI DEI MODULI PIÙ ELEVATI RENDONO I PROGETTI PIÙ COSTOSI

“L’aumento dei costi avrà un impatto significativo sull’economia del progetto nelle strutture ad alta capacità che beneficiano delle economie di scala. Per un tipico progetto fotovoltaico su larga scala da 100 megawatt (MW), un aumento dei costi di un modulo da 0,18 a 0,24 dollari / Wp rappresenta un aumento del 9% degli investimenti del progetto su base dollaro per watt”, ammette la società di consulenza.

Non solo. Per i moduli che in precedenza rappresentavano il 25% degli investimenti del progetto, “la loro quota di costi salirebbe a circa il 30%, aumentando così il costo dell’energia del progetto di 3 dollari / MWh. L’implicazione dell’aumento dei costi porterà ritardi nei progetti” a causa della “riduzione dei margini per sviluppatori, società di ingegneria, approvvigionamento e costruzione (EPC) e produttori di apparecchiature originali (OEM)”.

L’AUMENTO DEI SALARI AGGIUNGE ULTERIORE PRESSIONE

La quota di investimenti spesi in ingegneria, approvvigionamento, costruzione e installazione (EPCI) è aumentata nel tempo rispetto ai costi delle apparecchiature fotovoltaiche. I moduli fotovoltaici sono stati storicamente la più grande voce di costo per le risorse solari di utilità, ma con la diminuzione dei prezzi dei moduli, il costo relativo delle apparecchiature è diminuito di 16 punti percentuali tra il 2016 e il 2020.

Tuttavia, la costruzione di un asset fotovoltaico richiede personale qualificato diverso come operai edili, elettricisti, ingegneri, operatori di macchine e personale logistico, oltre al lavoro dei colletti bianchi relativo all’acquisizione e alla preparazione legale del sito. Gran parte di questo lavoro consiste in attività che non possono essere facilmente automatizzate o ridimensionate e l’industria solare continuerà a dipendere da questo lavoro per nuovi progetti.

Tra i primi 10 paesi in fila per effettuare investimenti significativi nel settore del solare fotovoltaico tra il 2021 e il 2023, la Cina e gli Stati Uniti dovrebbero rappresentare la quota maggiore.

“I tassi di manodopera in questi mercati possono aiutare a rivelare le tendenze alla base del potenziale aumento dei costi delle risorse solari fotovoltaiche – evidenzia Rystad Energy -. Negli ultimi cinque anni, il tasso di crescita annuale composto (GAGR) per i meccanici e gli installatori di apparecchiature elettriche è aumentato di quasi il 7% su base annua in Cina. Sebbene la crescita dei salari sia stata stagnante nel 2020 a causa della pandemia, il governo cinese è determinato a continuare a espandere la sua economia, che a nostro avviso porterà anche a salari più alti”.

Rystad Energy prevede che i salari medi cinesi “aumenteranno di oltre il 20% dal 2020 al 2023, visto che la crescita potrebbe anche coprire parte del rallentamento causato dalla pandemia. Supponendo che la percentuale tra attrezzature e costo del lavoro rimanga costante ai livelli odierni, questo aumento salariale del 20% potrebbe da solo aumentare il costo totale della costruzione di un progetto solare fotovoltaico di oltre il 5% nei prossimi tre anni”.

Per fare un confronto, Rystad Energy prevede che i salari medi negli Stati Uniti “cresceranno solo del 6% nello stesso periodo, il che si tradurrebbe in un aumento del costo totale dell’1,7% per i progetti solari come risultato del solo costo del lavoro”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore