Advertisement Skip to content
Riscaldamento Globale

Perché ridurre le emissioni di metano può essere una soluzione economica al global warming

Secondo Bloomberg ed Ember, se tutto il gas fuoriuscito dal settore energetico del Turkmenistan fosse recuperato e bruciato, si avrebbe lo stesso effetto climatico dell’eliminazione di 290 milioni di tonnellate di CO2 l’anno

Il sostegno globale ad una delle azioni per il clima più economiche e potenti sta accelerando, e non potrebbe arrivare in un momento più urgente. I Paesi stanno iniziando a prendere sul serio la riduzione delle emissioni di metano evitabili dalla produzione di combustibili fossili, poiché il pianeta in rapido riscaldamento costringe i leader a raddoppiare le soluzioni che possono resistere a temperature torride per decenni.

I COLLOQUI SUL METANO TRA USA E TURKMENISTAN

Il mese scorso Bloomberg Green ha riferito che i funzionari statunitensi stanno discutendo con le loro controparti del Turkmenistan dei metodi per aiutare il Paese dell’Asia centrale a limitare alcune delle peggiori emissioni di metano del mondo, che derivano dalle sue vecchie operazioni di petrolio e gas. Separatamente, le regole dell’Unione europea potrebbero aprire la strada a dei tagli ai gas serra che fuoriescono dalle miniere di carbone del continente.

Secondo i calcoli di Bloomberg e del think tank energetico Ember, se tutto il gas fuoriuscito o scaricato dal settore energetico del Turkmenistan fosse invece recuperato e bruciato e le norme Ue entrassero in vigore, le misure combinate avrebbero all’incirca lo stesso effetto climatico a breve termine dell’eliminazione di circa 290 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno. È come cancellare le emissioni di Taiwan, il principale produttore di chip al mondo e il suo 21° peggior inquinatore.

Negli Stati Uniti, nelle prossime settimane anche l’Environmental Protection Agency dovrebbe delineare il suo piano per emettere una nuova tassa sulle emissioni di metano, imposta dalla radicale legge sul clima emanata lo scorso anno.

GLI EFFETTI SUL CLIMA DI UNA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI METANO

Sebbene siano ancora necessarie delle massicce riduzioni delle emissioni di gas dal settore energetico da molti altri Paesi a livello globale – inclusi i principali emettitori come Cina e Russia – le misure potrebbero segnare uno spostamento verso un’azione concreta per il clima. “Il potenziale accordo tra Stati Uniti e Turkmenistan e la nuova legge Ue mostrano dei progressi dimostrabili nella riduzione dell’inquinamento globale da metano, dimostrando che il Global Methane Pledge del 2021 è più che una semplice promessa”, ha dichiarato Alice C. Hill, senior fellow presso il Council on Foreign Relations.

L’arresto del metano che viene rilasciato intenzionalmente o fuoriuscito accidentalmente dalle miniere di carbone o dalla produzione di gas naturale e petrolio è una delle opzioni più semplici nella lotta contro il cambiamento climatico, perché ridurre al minimo tali emissioni spesso è semplice come aggiornare le infrastrutture e renderle più efficienti.

Queste operazioni possono generare più prodotti che gli operatori possono vendere. L’Agenzia Internazionale dell’Energia stima che circa il 40% delle emissioni di petrolio e gas potrebbe essere implementato senza costi netti. Secondo l’AIE, c’è anche un potenziale significativo per frenare i rilasci di metano dalle grandi miniere di carbone sotterranee porose. Sebbene la combustione del metano – il componente principale del gas naturale – produca ancora anidride carbonica, l’impatto sul riscaldamento è significativamente inferiore rispetto a quando il gas incombusto fuoriesce direttamente nell’atmosfera.

LE EMISSIONI DI METANO IN EUROPA

In Europa, le miniere di carbone già controllano o catturano gran parte del metano che fuoriesce, ma spesso non riescono a bruciarlo o elaborarlo e spedirlo ai mercati. L’analista del metano di Ember Sabina Assan stima che le nuove regole Ue entro il 2040 potrebbero ridurre drasticamente le emissioni di metano delle miniere di carbone dei Paesi Ue di quasi il 40%. I regolamenti devono ancora passare attraverso i negoziati finali con i Paesi Ue, quindi potrebbero cambiare. “In pratica – ha spiegato Assan – si tratta solo di chiedere alle miniere di migliorare i sistemi che hanno già in atto. È qualcosa che dovrebbero già fare, e non costerà molto”.

Sebbene alcuni attivisti per il clima abbiano espresso disappunto per il fatto che le regole Ue non siano più ambiziose, queste ultime si concentrano sulla misurazione e mitigazione delle emissioni sia delle miniere attive che di quelle abbandonate, il che è importante perché sono molti i pozzi che continuano a perdere metano anche diverso tempo dopo aver interrotto la produzione.

L’IMPORTANZA DEL TURKMENISTAN

Anche se scarsamente popolato e raramente coperto dai media internazionali, il Turkmenistan è un elemento cruciale del puzzle climatico globale, poiché si trova in cima alla quarta più grande riserva mondiale di gas naturale ed emette più metano per unità di produzione di petrolio e gas rispetto a qualsiasi altro grande Paese produttore di petrolio o di gas. La maggior parte dei 500 rilasci globali di metano più intensi dal 2019 riconducibili al settore oil & gas sono avvenuti in Turkmenistan, secondo l’analisi dei dati satellitari di Kayrros SAS.

Il presidente turkmeno, Serdar Berdymukhamedov, ha approvato una roadmap che include misure per studiare come il Paese potrà aderire al Global Methane Pledge, un’iniziativa guidata da Stati Uniti e Unione europea impegnata a ridurre le emissioni globali di gas del 30% entro la fine del decennio. Si ritiene che attualmente circa il 7% del gas del Turkmenistan venga sprecato attraverso sfiati, flaring deliberati o perdite accidentali.

Secondo alcune fonti, gli Stati Uniti potrebbero fornire assistenza finanziaria, eventualmente attraverso la Export-Import Bank, con fornitori di servizi petroliferi come Halliburton e SLB, che lavorano per rintracciare le perdite e sostituire le infrastrutture in Turkmenistan.

I PIANI DEGLI STATI UNITI PER RIDURRE LE EMISSIONI

Anche il governo americano si sta muovendo su più fronti per attaccare le emissioni di metano dai giacimenti petroliferi. Un piano che l’Environmental Protection Agency dovrebbe finalizzare a fine 2023 richiederà il monitoraggio di routine delle perdite anche in piccoli pozzi, dei progetti aziendali per tapparli e ridurre l’uso del flaring, quando il gas nei pozzi petroliferi viene bruciato come CO2 meno potente.

I regolatori statunitensi affermano che gli operatori di petrolio e gas pretenderanno oltre l’80% delle entrate derivanti dalla vendita di gas naturale, che in base ai requisiti verrebbe nuovamente catturato. Le riduzioni previste delle emissioni di metano dai mandati proposti dall’EPA non sono lineari, e l’agenzia non ha fornito una ripartizione annuale.

Tuttavia, la media dei tagli stimati nel periodo di 12 anni fornito dall’agenzia mostra che le regole impedirebbero ogni anno a circa 2,7 milioni di tonnellate di metano di entrare nell’atmosfera. Poiché il metano è un potente gas serra, l’impatto climatico a breve termine equivarrebbe all’eliminazione di 225 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno, pari a cancellare le emissioni del Pakistan.

LE EMISSIONI DI METANO AI VERTICI COP SUL CLIMA

Nel 2021 gli Stati Uniti e l’Ue hanno reso il metano una questione importante in vista della COP26, coinvolgendo circa 150 Paesi nell’impegno globale. Quasi due anni dopo la presentazione del patto, l’attenzione si è spostata a far aderire all’iniziativa ancora più Paesi.

Secondo David Oxley, responsabile economia climatica presso di Capital Economics, l’obiettivo di una riduzione del 30% delle emissioni globali di metano entro il 2030 probabilmente non verrà raggiunto. Tuttavia, in una recente nota Oxley ha scritto che gli sforzi per affrontare le emissioni di metano “ci danno fiducia” che in questo decennio le emissioni inizieranno a diminuire.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su