Scenari

Petrolio, aprile il mese peggiore di sempre per la domanda

petrolio

Gli analisti prevedono scenari catastrofici, anche per i prezzi del petrolio. Prevista anche un’ondata di licenziamenti nel settore petrolifero

Il coronavirus sta mettendo le compagnie produttrici di petrolio di fronte a quella che probabilmente verrà ricordata come la peggiore crisi della storia. Ma a quanto pare il peggio deve ancora arrivare se è vero, come dicono diversi analisti, che il mercato non ha ancora toccato il fondo.

AD APRILE SI TOCCA IL FONDO

I milioni di barili di approvvigionamento aggiuntivo promessi dall’Arabia Saudita impiegheranno del tempo per raggiungere la loro destinazione. Dal lato della domanda, le principali economie hanno appena iniziato a rallentare e si stima una recessione di cui ancora non si conoscono i confini.

“Anche solo una settimana fa, era difficile immaginare come le condizioni del mercato petrolifero potessero diventare significativamente più deboli – ha scritto Standard Chartered in una nota -. Tuttavia, la scorsa settimana le restrizioni imposte alla mobilità dai governi europei e nordamericani come risposta al coronavirus hanno notevolmente amplificato lo shock negativo della domanda”.

LE PREVISIONI DI STANDARD CHARTERED

In sostanza, secondo gli analisti di Standard Chartered, il mese di aprile vedrà il peggiore calo nella storia del mercato petrolifero. “Prevediamo che la perdita della domanda anno su anno raggiungerà il picco in aprile a 10,4 milioni di barili al giorno (mb / g) e che la domanda annuale scenderà della cifra record di 3,39 mb / g nel 2020”, ha scritto Standard Chartered.

A breve termine, inoltre, il surplus del mercato petrolifero potrebbe raggiungere il picco di 13,7 mb / g proprio ad aprile, secondo Standard Chartered, con un surplus medio di 12,9 mb / g nel secondo trimestre. L’accumulo di scorte potrebbe raggiungere i 2,1 miliardi di barili entro la fine dell’anno, “estendendo il midstream del settore ai suoi limiti”, ha scritto la banca. Quella cifra rappresenta una revisione al rialzo del 50 per cento rispetto al surplus di scorte di 1,4 miliardi di barili previsto dalla banca solo una settimana fa.

COSA DICE EURASIA GROUP SUL CALO DELLA DOMANDA. SCORTE AL LIMITE

Ancora più drammatici gli scenari tracciati da altri analisti. Eurasia Group ha affermato che la domanda potrebbe diminuire fino a 25 mb / g nelle prossime settimane e mesi. La sovrabbondanza di greggio, è il loro giudizio, potrebbe addirittura far esaurire lo spazio di immagazzinamento delle scorte petrolifere: “La combinazione di un indebolimento della domanda e dell’eccesso di offerta non sarà quasi mai compensata dallo stoccaggio”, ha detto a FT Giovanni Serio, responsabile dell’analisi di Vitol. “Ad un certo punto dovremo riempire tutte le petrolifere”.

FALLIMENTI E LICENZIAMENTI SUL PIATTO

Non solo. La recessione potrebbe portare anche a oltre 200 fallimenti solo nel settore europeo dei servizi petroliferi, secondo Rystad Energy, o il 20 per cento delle imprese totali nel settore. Goldman Sachs ha dichiarato che il WTI potrebbe scendere ai livelli di 23-26 dollari al barile, e di fatto ha ridotto il prezzo previsto per il secondo trimestre del Brent a 20 dollari al barile, scendendo dai 30 previsti in precedenza. Nelle prime negoziazioni di mercoledì, il WTI è precipitato dell’11% a circa 24 dollari al barile e i prezzi sono crollati durante il giorno, scendendo del 25% prima di recuperare terreno.

“Poiché i prezzi del front-end si indeboliscono sotto il peso delle eccedenze di scorte petrolifere accumulate, prevediamo che la contrazione dell’attività nell’industria petrolifera statunitense sarà accelerata”, ha affermato Standard Chartered. La banca prevede una produzione di petrolio Usa a 11,87 mb / g nel dicembre 2020, in calo di 1,1 mb / g dai livelli attuali. Nel 2021, Standard Chartered ha affermato che gli Stati Uniti potrebbero raggiungere una media di 11,2 mb / g.

Gli annunci, in effetti, non sono tardati ad arrivare visto che mercoledì scorso Halliburton ha annunciato il licenziamento di 3.500 lavoratori.

DOPO LA PANDEMIA? PERSISTENTE PERDITA DELLA DOMANDA E MODIFICA DEI COMPORTAMENTI DEI CONSUMATORI

Insomma, si preannunciano tempi duri anche perché se ad aprile potrebbe verificarsi il peggior calo della domanda di petrolio di sempre, Standard Chartered ha affermato che la domanda su base annua potrebbe diminuire di 8,8 mb / g a maggio e 7,4 mb / g a giugno. E anche dopo che la pandemia sarà passata, ci sarà un “elemento di persistente perdita di domanda … guidata da cambiamenti permanenti nel comportamento dai viaggi aerei alle implicazioni della domanda delle imprese incapaci di riprendersi dallo shock iniziale”.