skip to Main Content

Petrolio e gas, scoperte mondiali nel 2021 al livello più basso in 75 anni: lo studio Rystad Energy

Petrolio

Alla fine di novembre, i volumi totali globali di petrolio e gas scoperti quest’anno sono calcolati a 4,7 miliardi di barili di petrolio equivalente (boe) e, senza grandi scoperte annunciate finora questo mese, l’industria è in corsa per il suo peggior bilancio dal 1946.

Le scoperte globali di petrolio e gas nel 2021 sono sulla buona strada per raggiungere il livello più basso degli ultimi 75 anni se il resto di dicembre non dovesse produrre risultati significativi. È quanto emerge da un’analisi di Rystad Energy.

I NUMERI DELLE SCOPERTE

Alla fine di novembre, i volumi totali globali scoperti quest’anno sono calcolati a 4,7 miliardi di barili di petrolio equivalente (boe) e, senza grandi scoperte annunciate finora questo mese, l’industria è in corsa per il suo peggior bilancio dal 1946. Ciò rappresenterebbe anche un calo considerevole rispetto ai 12,5 miliardi di boe rinvenuti nel 2020.

I liquidi continuano a dominare il mix di idrocarburi, costituendo il 66% dei ritrovamenti totali. Sette nuove scoperte sono state annunciate nel novembre 2021, portando alla luce circa 219 milioni di boe di nuovi volumi. La media mensile dei volumi scoperti quest’anno è ora di 424 milioni di boe. Una riduzione del volume cumulato evidenzia l’assenza di grandi reperti individuali, come avvenuto negli anni precedenti.

SHENGA (RYSTAD ENERGY): DIFFICILE CHE POZZI PERFORATI ENTRO L’ANNO SIANO IN GRADO DI CONTRIBUIRE AI VOLUMI 2021

“Sebbene alcuni dei prospetti siano programmati per essere perforati prima della fine dell’anno, anche una scoperta sostanziale potrebbe non essere in grado di contribuire ai volumi scoperti del 2021 poiché questi pozzi potrebbero non essere completati nell’anno solare. Pertanto, il volume cumulativo scoperto per il 2021 è destinato a essere il più basso degli ultimi decenni”, ha affermato Palzor Shenga, vicepresidente della ricerca upstream presso Rystad Energy.

LUKOIL IN MESSICO

Tra i giacimenti che potrebbero contribuire in quest’ultimo scorcio dell’anno, la più grande scoperta nel novembre 2021 è stata Yoti West del gruppo russo Lukoil al largo delle coste del Messico, che si stima contenga circa 75 milioni di boe di risorse recuperabili. La scoperta rafforza i volumi cumulativi scoperti da Lukoil nel paese nordamericano. Tuttavia, questi volumi sono ancora insufficienti per lo sviluppo commerciale e richiederebbero ulteriori scoperte di scala comparabile prima di poter elaborare un concetto di sviluppo. Queste scoperte, tuttavia, danno speranza al Messico che il paese possa arrestare o rallentare il declino della produzione. Diversi pozzi saranno perforati in blocchi offerti in varie gare d’appalto, molti da importanti compagnie petrolifere internazionali.

LA MALESIA E LA NORVEGIA

Al largo della Malesia, Nangka-1 è diventato il secondo pozzo esplorativo consecutivo perforato all’interno del Blocco SK 417. Il gatto selvatico è stato perforato dall’operatore statale thailandese PTTEP a una profondità di 3.758 metri e ha scoperto gas dolce all’interno dei giacimenti clastici del ciclo VI del Miocene medio e tardo. Infine, la Norvegia chr continua a portare alla luce reperti di piccole e medie dimensioni, offrendo l’opportunità di materializzare queste scoperte con le infrastrutture disponibili, ha concluso l’analisi della società di consulenza energetica.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore