Scenari

Petrolio, sulla domanda 2021 pesano vaccini e Opec+

Petrolio

Sui vaccini Rystad Energy prevede un lancio lento e graduale che richiederà tempo prima che si traduca in revisioni dei blocchi e cambiamenti comportamentali nella popolazione in grado di aumentare la domanda di petrolio

Dopo un 2020 devastante sotto il profilo economico, i produttori di petrolio si affacciano al 2021 guardando a quella che potrebbe essere la domanda. L’attuale accordo in vigore nel quadro Opec+ ha salvato il mercato dal collasso per il momento. Ma molto dipenderà da quali saranno le decisioni del cartello visto che se la produzione aumenterà come previsto dall’intesa di questa estate, Rystad Energy prevede un surplus di produzione di 200 milioni di barili fino a maggio.

OPEC+ DIVISA SU TAGLI, RIUNIONE RINVIATA A GIOVEDÌ

Per il momento Opec+ non ha deciso alcuna mossa. La due giorni di incontri si è conclusa con un rinvio a giovedì prossimo, segno che i paesi rimangono divisi sull’ipotesi di rinviare l’aumento della produzione di greggio da gennaio. A quanto riferiscono le cronache a complicare le cose sarebbero state le tensioni tra Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti.

In ogni caso Arabia Saudita e Russia, i due Paesi leader che coordinano l’alleanza tra esportatori Opec e non-Opec, premono per una proroga fino al secondo trimestre del prossimo anno degli attuali livelli dei tagli produttivi, che ora procedono sui 7,7 milioni di barili al giorno.

PREZZI IN CALO MA WTI RESTA SOPRA I 45 DOLLARI

I prezzi del petrolio per il momento riducono le perdite e il barile di Wti torna sopra quota 45 dollari, in attesa di una decisione dell’Opec+. Il Brent cede lo 0,36% a 47,71 dollari al barile.

L’ECCESSO DI OFFERTA NEL 2021

I calcoli di Rystad Energy mostrano che se l’Opec+ non riuscirà a modificare l’accordo esistente e ad aumentare la sua produzione, il mondo a gennaio dovrà affrontare il più grande eccesso mensile da aprile 2020 con un surplus giornaliero medio di 3,1 milioni di barili per il mese. Le eccedenze più piccole dovrebbero continuare fino a maggio, costruendo un eccesso totale che supererà i 200 milioni di barili per i primi cinque mesi del 2021, prima di iniziare finalmente a ridursi da giugno.

LE POSSIBILI IPOTESI IN CAMPO

Modellando una possibile decisione di OPEC+ di posticipare l’aumento di produzione, Rystad Energy ha anche calcolato l’effetto sui bilanci petroliferi globali di scenari di estensione di tre e sei mesi.

Se OPEC+ dovesse posticipa di tre mesi il previsto aumento della produzione di gennaio, assisteremo ancora a surplus mensili consecutivi fino a maggio, ma la dimensione totale sarà limitata a circa 115 milioni di barili. Se, tuttavia, OPEC+ accettasse l’appello di estendere l’attuale status quo per sei mesi, le eccedenze finiranno dopo marzo, lasciando dietro un eccesso di tre mesi più piccolo di soli 90 milioni di barili, che sarà cancellato entro la fine di giugno.

“Riteniamo che mantenere l’attuale accordo – che prevede un aumento della produzione target di 1,9 milioni di b/g da gennaio 2021 – potrebbe riportare il Brent a 40 dollari al barile o meno. Un’estensione di tre mesi fornirebbe solo un supporto marginale ai prezzi, ma aiuterebbe a stabilire 50 dollari come un floor più robusto, mentre un’estensione di sei mesi potrebbe aiutare a ridurre in modo significativo l’eccedenza di stoccaggio e sovraccaricare i prezzi a metà dei 50 dollari”, ha affermato Bjornar Tonhaugen, Responsabile dei mercati petroliferi di Rystad Energy. Che ha aggiunto: In un certo senso, OPEC+ è già impegnata a prolungare i suoi attuali tagli per un certo periodo nel 2021 e probabilmente sa che sarà punita dal mercato se non lo farà.

SECONDA ONDATA AVRA’ EFFETTO RESIDUO SULLA DOMANDA 2021

“Prevediamo che la seconda ondata di casi di Covid-19 continuerà a crescere fino alla fine del 2020 e avrà un effetto residuo sulla domanda di petrolio nel 2021, causando una lenta ripresa. Al momento, prevediamo che la domanda di liquidi totali non supererà i 93 milioni di barili al giorno prima della fine del 2020”, ha evidenziato Rystad Energy.

LO SHALE OIL IL PRINCIPALE BENEFICIARIO

Se l’estensione del taglio OPEC + dovesse passare, il principale beneficiario della decisione sarà ovviamente la fonte di approvvigionamento marginale più flessibile sul mercato: lo shale oil. Gli ultimi mesi hanno dimostrato che un Brent a 40 dollari è stato sufficiente per rallentare le prospettive di crescita della produzione di petrolio nella zona shale degli Stati Uniti, ma allo stesso tempo, non è stato un ambiente di prezzo abbastanza alto da consentire ai player di prosperare, come evidenziato dal aumento dell’attività di consolidamento e fallimento.

“La rottura dell’accordo OPEC + nel marzo 2020, quando i partecipanti non sono riusciti a concordare ulteriori 1,5 milioni di barili al giorno di tagli, ha innescato un crollo completo dei prezzi del petrolio con un calo di 10 dollari al barile dal momento in cui la decisione è stata resa pubblica fino all’apertura dei mercati. Queste erano ovviamente circostanze speciali, ma un voto di sfiducia da parte dell’OPEC + questa settimana sarebbe sicuramente schiacciante per i prezzi del petrolio, anche se forse questa volta in misura più lieve”, ha concluso Tonhaugen.

IL NODO VACCINI

“C’è l’ipotesi di un possibile rialzo nelle previsioni in particolare per il secondo trimestre del 2021, poiché ai fini dei calcoli, Rystad Energy non ha ancora incluso alcun effetto positivo materiale dei vaccini sulla domanda di petrolio nella prima metà del 2021. Il motivo è che il lancio delle campagne di vaccinazione rimane ancora incerto a causa delle approvazioni normative richieste. Rystad Energy prevede inoltre che i primi ad essere vaccinati saranno gli operatori sanitari e i gruppi di anziani della popolazione mondiale. La nostra ipotesi è per un lancio lento e graduale che richiederà tempo prima che si traduca in revisioni dei blocchi e cambiamenti comportamentali nella popolazione”.