Scenari

Opec+, segni di insofferenza sui tagli nel 2021

Opec+

L’alleanza OPEC+ si riunirà il 30 novembre e l’1 dicembre per formulare la sua strategia 2021

L’alleanza OPEC+, che si riunirà il 30 novembre e l’1 dicembre per formulare la sua strategia di output per il 2021, mostra segni di frattura, con voci di dissenso che si fanno più forti.

SEGNI DI INSOFFERENZA DA IRAQ ED EMIRATI

L’Iraq, a corto di fondi, sta mostrando segni di insofferenza per l’approccio “taglia unica” del gruppo alla riduzione della produzione. E gli Emirati Arabi Uniti, alleati chiave dell’Arabia Saudita, potrebbero prendere in considerazione una uscita dal gruppo. Specialmente considerando le crescenti ambizioni upstream della compagnia petrolifera statale Adnoc.

Con una mossa insolita, il comitato di monitoraggio ministeriale congiunto che sovrintende all’accordo OPEC+ terrà colloqui informali online dell’ultimo minuto il 28 novembre prima della riunione della prossima settimana. “Si prega di notare, data la natura esclusiva di queste consultazioni informali, chr queste consultazioni si svolgeranno solo con i capi delegazione del JMMC”, ha detto il Segretario generale dell’OPEC Mohammad Barkindo in una lettera visionata da S&P Global Platts.

Il JMCC è co-presieduto dal principe Abdulaziz bin Salman e dal vice primo ministro russo Alexander Novak. Il JMMC comprende Russia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Algeria, Nigeria, Iraq, Venezuela e Kazakistan.

PROBABILE UN’ESTENSIONE DEGLI TAGLI ANCHE AL 2021

È probabile che OPEC + estenda al prossimo anno il taglio di 7,7 milioni di barili al giorno. Sul mercato ha pesato l’incertezza sulla domanda nei prossimi mesi, aggravata da una seconda ondata di infezioni da coronavirus e blocchi europei.

Ma i prezzi del greggio sono recentemente aumentati, sostenuti da una forte ripresa della domanda in Cina e India, insieme a notizie positive sull’efficacia dei vaccini COVID-19.

Gli analisti prevedono un’estensione degli attuali tagli alla produzione fino al 2021 come scenario più probabile. Con l’attuale accordo il taglio dovrebbe scendere a 5,8 milioni di barili al giorno da gennaio, dagli attuali 7,7 milioni di barili al giorno.

NIGERIA CHIEDE DI RICONSIDERARE I TAGLI

Anche la Nigeria si è aggiunta al gruppo di produttori che chiede di considerare le implicazioni economiche dei forti tagli alla produzione sui suoi membri prima della riunione formale OPEC+ della prossima settimana.

“Con sfide peculiari che il paese deve affrontare tra la sua grande popolazione e l’immenso deficit di infrastrutture, il presidente Muhammadu Buhari ha esortato l’OPEC a considerare il peso della responsabilità della nazione con 200 milioni di poveri, con un grave deficit di infrastrutture quando condivide il petrolio tagli alla produzione”, ha affermato un portavoce dell’ufficio del presidente della Nigeria.

Anche la produzione di petrolio della Nigeria è diminuita drasticamente negli ultimi mesi, a causa dei pesanti tagli legati agli obblighi OPEC +, che ha ridotto drasticamente le sue entrate petrolifere.