skip to Main Content

Il G7 lavora al tetto al prezzo del petrolio. Il 5 dicembre scatta l’embargo Ue

Petrolio

Oggi i prezzi del greggio hanno registrato un calo di circa il 3% sia per il West Texas Intermediate che per il Brent

Non sono giorni caldi soltanto sul fronte del gas. I Paesi membri del G7 sono impegnati nella formulazione di un tetto al prezzo del petrolio importato dalla Russia. Il 5 dicembre scatterà l’embargo relativo agli acquisti da parte dei paesi europei mentre il cap riguarderà gli scambi da Mosca agli Stati terzi tramite i Grandi Sette. Intanto, per il Cremlino, gli effetti sanzionatori mossi da Bruxelles si fanno sentire.

LIMITI AI PREZZI DEL GREGGIO, IL G7 LAVORA

Proviamo a fare ordine. Oggi, come ha riferito Bloomberg, l’Ue ha lavorato su un limite di prezzo del petrolio russo tra 65 e 70 dollari al barile. Trattative in corso ma che fanno emergere già segnali di eccessiva benevolenza comunitaria verso Mosca: un tetto troppo alto potrebbe incidere poco sui commerci. L’incontro con gli ambasciatori del G7 può portare già a risposte definitive.

“Polonia, Lituania ed Estonia lo considerano troppo alto perché vogliono il prezzo fissato al costo della produzione, mentre Cipro, Grecia e Malta lo trovano troppo basso, a causa del rischio di un maggiore deflagging delle loro navi, il che potrebbe significare che il G7 ha trovato un buon mezzo”, ha riferito a Reuters un diplomatico europeo.

E come ricorda la stessa agenzia, “circa il 70%-85% delle esportazioni di greggio della Russia sono trasportate da petroliere piuttosto che da oleodotti. L’idea del massimale di prezzo è quella di vietare alle compagnie di spedizione, assicurazione e riassicurazione di gestire carichi di greggio russo in tutto il mondo, a meno che non venga venduto per non più del prezzo massimo fissato dal G7 e dai suoi alleati”.

WTI E BRENT IN CALO

Alcune risposte alle trattative odierne sono arrivate anche dai mercati. Oggi i prezzi del greggio Brent e del Wti hanno registrato un calo evidente. Dalle prime ore della giornata, infatti, il Brent è sceso del 3% a 85,65 dollari e il benchmark statunitense, il greggio WTI, è sceso di nuovo al di sotto di 80 dollari al barile, a 78,70 dollari. Già a inizio settimana, il calo del greggio WTI era stato importante: raggiungendo il livello di 75 dollari al barile, il più basso da gennaio scorso.

MOSCA PERDE MA CHI GUADAGNA?

“Poiché le principali compagnie di spedizioni e assicurazioni del mondo hanno sede nei paesi del G7, il limite di prezzo renderebbe molto difficile per Mosca vendere il suo petrolio a un prezzo più alto”, ricordava sempre Reuters analizzando le prime reazioni. D’altronde, l’obiettivo del cap è economico e non strettamente tecnico.

Francia e Germania sono favorevoli al limite di prezzo, riservando i giudizi solo per la capacità di applicazione. Invece, Paesi come Grecia, Cipro e Malta hanno sollevato questioni di natura più tecnica. Ad opporsi rimangono Polonia e Ungheria. Varsavia vorrebbe un intero altro pacchetto di sanzioni mentre Budapest si dice non convinta dalla misura.

Dunque, è Mosca a perderci. Ma come? Spedendo sempre meno barili di petrolio verso Rotterdam, unico porto rimasto nel Vecchio Continente per le consegne via mare. Si è passati, infatti, da oltre un milione di barili quotidiani (fino a inizio febbraio) ai 95mila odierni. Le destinazioni coinvolgono invece l’Asia per tre quarti dei traffici. Cina, India e Turchia sono ormai sempre più protagonisti e danno nuova vita alle petroliere in circolazione. Pechino potrebbe, ad esempio, guadagnare dalla fissazione di un tetto occidentale ottenendo greggio a prezzi scontati. Ma lo stesso discorso vale per Nuova Delhi. Anche se il Dragone si è detto formalmente contrario al limite su cui ragiona il G7 per la questione di disponibilità di greggio.

Invece, per quanto riguarda Ankara, stanno aumentando i controlli sulle coperture assicurative delle petroliere transitanti negli stretti. Questo per mettere in sicurezza i traffici alle porte di casa: ciò però implica anche maggiori difficoltà per Mosca nelle esportazioni extra-Ue. Negli ultimi sei mesi, la Russia ha trasportato quasi 650mila barili di greggio al giorno provenienti dal porto di Novorossiysk, sul mar Nero, attraverso lo stretto dei Dardanelli, secondo i dati di Bloomberg. La potenza anatolica non partecipa alle sanzioni europee ma pretende comunque garanzie.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore