Advertisement vai al contenuto principale
AIE Birol

Rapporto annuale AIE: la domanda mondiale di petrolio, gas e carbone entro il 2030 raggiungerà il picco

Nel suo annuale World Energy Outlook, l’AIE afferma che la transizione verso l’energia pulita “sta avvenendo in tutto il mondo ed è inarrestabile. Non è una questione di ‘se’, ma di ‘quanto presto’. E, prima è, meglio sarà per tutti”

Secondo l’AIE, la domanda mondiale di combustibili fossili è destinata a raggiungere il picco entro il 2030, man mano che sempre più auto elettriche arriveranno sulle strade e l’economia cinese crescerà più lentamente e si sposterà verso energie più pulite, minando la logica di qualsiasi aumento degli investimenti. Il rapporto dell’AIE – che fornisce consulenza ai Paesi industrializzati – contrasta con il punto di vista del gruppo di produttori di petrolio, l’OPEC, che vede la domanda di petrolio in aumento molto dopo il 2030 e chiede nuovi investimenti nel settore petrolifero per trilioni di dollari.

IL WORLD ENERGY OUTLOOK 2023 DELL’AIE

Nel suo World Energy Outlook annuale pubblicato oggi, l’AIE ha affermato che in questo decennio i picchi nella domanda di petrolio, gas naturale e carbone sono stati visibili nel suo scenario basato sulle attuali politiche dei governi. È la prima volta che avviene. “La transizione verso l’energia pulita sta avvenendo in tutto il mondo ed è inarrestabile. Non è una questione di ‘se’, ma di ‘quanto presto’ – e prima è, meglio è per tutti noi”, ha affermato il direttore esecutivo dell’IEA Fatih Birol, aggiungendo che “i governi, le aziende e gli investitori devono sostenere le transizioni verso l’energia pulita, anziché ostacolarle”.

Tuttavia, l’AIE ha anche affermato che, allo stato attuale delle cose, la domanda di combustibili fossili è destinata a rimanere troppo elevata per raggiungere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di limitare l’aumento della temperatura media globale a 1,5 gradi Celsius. “Questo – ha affermato l’agenzia in una nota – rischia non solo di peggiorare gli impatti climatici, dopo un anno di caldo record, ma anche di minare la sicurezza del sistema energetico, che è stato costruito per un mondo più fresco con eventi meteorologici meno estremi”.

AIE: SODDISFARE LE ESIGENZE DI SVILUPPO IN MODO SOSTENIBILE PER ANDARE PIÙ VELOCEMENTE

I picchi globali della domanda per ciascuno dei tre combustibili fossili mascherano importanti differenze tra le economie a diversi stadi di sviluppo. I fattori trainanti della crescita della domanda di servizi energetici nella maggior parte delle economie emergenti e in via di sviluppo restano molto forti. I tassi di urbanizzazione, di spazio costruito pro capite e di proprietà di condizionatori e veicoli sono molto più bassi rispetto alle economie avanzate. Si prevede che la popolazione mondiale entro il 2050 crescerà di circa 1,7 miliardi di persone, che si aggiungeranno quasi tutte alle aree urbane di Asia e Africa. L’India è la principale fonte mondiale di crescita della domanda energetica nello scenario STEPS (Stated Policies Scenario), davanti al Sud-Est asiatico e all’Africa. Trovare e finanziare modalità a basse emissioni per soddisfare la crescente domanda di energia in queste economie è un fattore determinante della velocità con cui l’uso globale di combustibili fossili diminuirà.

L’elettrificazione pulita, il miglioramento dell’efficienza e il passaggio a carburanti a basse o zero emissioni sono le leve chiave a disposizione delle economie emergenti e in via di sviluppo per raggiungere i propri obiettivi energetici e climatici nazionali. Mettersi sulla buona strada per raggiungere questi obiettivi, inclusi quelli sulle zero emissioni nette, ha ampie implicazioni per i percorsi futuri. In India, ciò significa che ogni dollaro di valore aggiunto dall’industria entro il 2030 si tradurrà in una riduzione del 30% di CO2 rispetto ad oggi, e ogni chilometro percorso da un’automobile, in media, emetterà il 25% in meno di CO2.

Circa il 60% dei veicoli a due e tre ruote venduti nel 2030 saranno elettrici, una quota 10 volte superiore a quella odierna. In Indonesia, la quota di energie rinnovabili nella produzione di energia entro il 2030 raddoppierà, superando il 35%. In Brasile, entro la fine del decennio, i biocarburanti copriranno il 40% della domanda di carburante per il trasporto stradale, rispetto al 25% di oggi. Nell’Africa sub-sahariana, raggiungere diversi obiettivi nazionali in materia di energia e clima significa che l’85% dei nuovi impianti di produzione di energia fino al 2030 saranno basati su fonti rinnovabili. Sono stati compiuti progressi significativi verso l’accesso universale all’energia moderna, con circa 670 milioni di persone che entro il 2030 avranno accesso ai moderni combustibili per cucinare e 500 milioni all’elettricità.

COME CAMBIA IL RUOLO DELLA CINA

L’AIE ritiene inoltre che il ruolo della Cina come fonte chiave di crescita della domanda energetica stia cambiando: se nell’ultimo decennio Pechino ha rappresentato quasi i due terzi dell’aumento del consumo globale di petrolio, lo slancio dietro la sua crescita economica sta diminuendo e, afferma il rapporto AIE, il Paese è “una potenza di energia pulita”. Oltre la metà delle vendite di veicoli elettrici nel 2022 sono avvenute in Cina.

Secondo l’AIE la chiave per una transizione ordinata è aumentare gli investimenti in tutti gli aspetti di un sistema energetico pulito, piuttosto che nei combustibili fossili. “La fine dell’era della crescita per i combustibili fossili non significa la fine degli investimenti nei fossili, ma mina la logica alla base di qualsiasi aumento della spesa”, si legge nell’outlook. Un rapporto OPEC di inizio ottobre afferma che gli appelli a fermare gli investimenti in nuovi progetti petroliferi “sono fuorvianti e potrebbero portare al caos energetico ed economico”.

AIE: BISOGNA ANDARE OLTRE, E PIÙ VELOCEMENTE

Sono disponibili politiche e tecnologie comprovate per allineare gli obiettivi di sicurezza energetica e sostenibilità, accelerare il ritmo del cambiamento in questo decennio e mantenere aperta la porta a 1,5°C. Lo scenario STEPS prevede un picco delle emissioni di CO2 legate all’energia verso la metà degli anni 2020, ma le emissioni rimangono sufficientemente elevate da spingere la temperatura media globale a circa 2,4°C nel 2100.

Questo risultato è migliorato rispetto alle edizioni successive dell’outlook, ma indica ancora degli impatti diffusi e gravi dei cambiamenti climatici. Le azioni chiave necessarie per abbassare la curva delle emissioni fino al 2030 sono ampiamente conosciute e nella maggior parte dei casi molto convenienti. Triplicare la capacità di energia rinnovabile, raddoppiare il ritmo dei miglioramenti dell’efficienza energetica al 4% annuo, aumentare l’elettrificazione e ridurre le emissioni di metano derivanti dalle operazioni con combustibili fossili forniscono, insieme, oltre l’80% delle riduzioni delle emissioni necessarie entro il 2030 per mettere il settore energetico in linea col limitare il riscaldamento a 1,5°C.

Inoltre, servono dei meccanismi di finanziamento innovativi e su larga scala per sostenere gli investimenti in energia pulita nelle economie emergenti e in via di sviluppo, così come misure per garantire un declino ordinato nell’uso dei combustibili fossili, compresa la fine di nuove approvazioni di centrali alimentate a carbone.

Ogni Paese deve trovare il proprio percorso, che dev’essere inclusivo ed equo per garantire l’accettazione pubblica, ma questo pacchetto di misure globali fornisce degli elementi cruciali per un esito positivo della conferenza sui cambiamenti climatici COP28 che si terrà a Dubai a novembre e dicembre.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su