skip to Main Content

Repsol e Iberia fanno il primo volo con biocarburante prodotto dai rifiuti in Spagna

Repsol

Il volo a bassa impronta di carbonio è un ulteriore passo verso la decarbonizzazione del settore dell’aviazione grazie all’uso di biocarburanti e una migliore efficienza energetica. Ha portato a una riduzione delle emissioni di 1,4 tonnellate di CO2.

Repsol e Iberia hanno completato la tratta Madrid-Bilbao con carburante sostenibile prodotto dai rifiuti del complesso industriale Petronor. Il volo è stato effettuato con un Iberia Air-bus A320neo, uno degli aerei più efficienti della compagnia aerea.

RIDUZIONE EMISSIONI DI 1,4 TONNELLATE DI CO2

Questo volo a bassa impronta di carbonio è un ulteriore passo verso la decarbonizzazione del settore dell’aviazione grazie all’uso di biocarburanti e una migliore efficienza energetica. Ha portato a una riduzione delle emissioni di 1,4 tonnellate di CO2.

Aena, in linea con il suo ruolo di promotore e facilitatore della decarbonizzazione del trasporto aereo, ha sostenuto questa iniziativa e sta anche lavorando a progetti di collaborazione per promuovere la produzione di carburante sostenibile per incoraggiarne l’uso da parte delle compagnie aeree.

Questa è la prima iniziativa derivante dall’accordo di collaborazione verso una mobilità più sostenibile firmato da Repsol e Iberia lo scorso luglio, che comprende lo sviluppo di carburanti per aerei a basse emissioni di carbonio.

REPSOL PIONIERA DI CARBURANTI SOSTENIBILI NELL’AVIAZIONE IN SPAGNA

Repsol è un pioniere nella produzione di carburanti sostenibili per l’aviazione in Spagna. Con questa produzione nei suoi complessi industriali, l’azienda sta anticipando le diverse misure che l’UE mira a stabilire per promuovere l’uso di carburanti aerei sostenibili.

Iberia basa la sua strategia di sostenibilità su tre pilastri: operazioni più efficienti, un’esperienza di viaggio più sostenibile per i suoi clienti e un impegno nella ricerca e nello sviluppo di carburanti sostenibili e altre tecnologie.

Back To Top