Sostenibilità

Rinnovabili, Eurostat: Italia ha già raggiunto i target Ue 2020

rinnovabili

L’Italia risulta ben posizionata se si considerano gli obiettivi nazionali per le rinnovabili al 2020: nel 2018 è al 17,8%, sopra l’obiettivo vincolante del 17%

Le fonti rinnovabili hanno “pesato” per il 18% del consumo lordo finale di energia nell’Ue nel 2018, con un trend che si conferma in salita rispetto al 17,5% del 2017 e più del doppio rispetto al 2004 quando la percentuale era pari all’8,5%. A offrire questa panoramica è Eurostat, l’ufficio di statistica europeo.

ITALIA BEN POSIZIONATA

Secondo i dati Eurostat, l’Italia risulta ben posizionata se si considerano gli obiettivi nazionali al 2020: nel 2018 è al 17,8%, sopra l’obiettivo vincolante del 17%, raggiunto già dal 2015. Il nostro paese ha già raggiunto i target prefissati al pari di altri undici paesi, tra i quali spiccano Svezia, Finlandia, Grecia e Danimarca.

SVEZIA AL PRIMO POSTO IN UE, 12 PIU’ ATTARDATI TRA I QUALI SPICCA L’OLANDA

Leggermente più indietro ci sono quattro Paesi che stanno per raggiungere gli obiettivi al 2020, cioè distano meno di un punto percentuale dai loro target Altri nove distano da uno a quattro punti e tre sono oltre 4 punti percentuali sotto i target.

Il Paese Ue che più sfrutta le fonti energetiche pulite è la Svezia, dove ben il 54,6% del consumo finale, al lordo delle dispersioni dovute alla trasmissione, viene dalle rinnovabili. Seguono Finlandia (41,2%), Lettonia (40,3%), Danimarca (36,1%). In fondo alla classifica si posizionano l’Olanda, che è 6,6 punti sotto il target (al 7,4% rispetto al 14%), la Francia, che è al 16,6% rispetto al 23%, l’Irlanda (4,9 punti al di sotto dell’obiettivo) e la Slovenia (3,9 punti sotto).