Sostenibilità

Rinnovabili, proroga di due mesi in Spagna per le richieste di allaccio alla rete

spagna

La Spagna ha attualmente 34 GW di eolico e fotovoltaico installati e 112 GW di progetti che possiedono un permesso di accesso alla rete.

Il governo spagnolo ha deciso di prorogare di due mesi le procedure di richiesta per il permesso di connessione alla rete rinnovabile per evitare che le domande più vecchie scadano e si perdano gli investimenti fatti.

PROROGA DI DUE MESI PER VIA DEL CORONAVIRUS

Il governo, riferisce S&P Global Platts, ha annunciato in Gazzetta che la proroga sarà di due mesi dopo l’ipotetica conclusione dell’attuale stato di allerta, dichiarato il 14 marzo e prorogato fino all’11 aprile dovuto alla diffusione dell’epidemia di coronavirus.

Tutti coloro che hanno presentato richiesta di allaccio delle rinnovabili alla rete nel 2013 o prima sono tenuti ad ottenere l’autorizzazione per i nuovi impianti entro il 31 marzo o a vedere scadere i loro permessi di accesso e di connessione, ma le procedure amministrative sono state influenzate dalle misure del governo per contenere la diffusione di COVID-19.

I NUMERI ‘GREEN’ DELLA SPAGNA

La Spagna ha attualmente 34 GW di eolico e fotovoltaico installati e 112 GW di progetti che possiedono un permesso di accesso alla rete. Altri 28 GW sono in corso di realizzazione e un totale di 93 GW di progetti sono stati finora respinti, secondo l’operatore di rete Red Electrica de Espana (REE).

Il paese ha registrato un mese record in termini di produzione solare a marzo, con 1,0 TWh di produzione solare fotovoltaica e 250 GWh di CSP (Concentrating Solar Power ).

IL PNIEC SPAGNOLO

Il picco di produzione di 6,1 GW è stato raggiunto i il 29 marzo, coprendo circa un quarto della produzione nazionale del periodo. Il governo ha anche presentato alla Commissione europea il suo Piano Nazionale per il Clima e l’Energia al 2030. Questo include 50,3 GW di eolico, rispetto ai 28 GW del 2020, 39,2 GW di solare fotovoltaico, rispetto ai 9,1 GW del 2020, 7,3 GW di CSP, rispetto ai 2,3 GW del 2020, e 9,5 GW di idro-pompaggio, rispetto ai 6 GW del 2020.

PREZZI IN CALO A CAUSA DELLA RIDUZIONE DI DOMANDA

Tuttavia, l’aumento della produzione di energia rinnovabile, insieme alla riduzione della domanda dovuta allo stato di allerta, ha comportato un calo dei prezzi delle curve a termine che potrebbe minacciare il mercato in espansione dei PPA per il fotovoltaico in Spagna, con stime iniziali da parte di fonti di settore che prevedono u dimezzamento per le nuove aggiunte di capacità nel 2020.

QUANTO COSTA L’ENERGIA SPAGNOLA

Il prezzo a termine della Spagna sulla borsa OMIP mostra il terzo trimestre 2020 a 33,20 euro/MWh e il Cal 2021 a 39,52 euro/MWh, mentre l’attuale indice PPA in Spagna è più basso di entrambi, a 32,46 euro/MWh, secondo il gruppo svizzero Pexapark.