Advertisement vai al contenuto principale
Siemens

Energia, Siemens taglia 7000 posti di lavoro

Tagli netti di posti di lavoro in due divisioni di Siemens per l’energia tradizionale, circa il 2% della forza lavoro globale dell’azienda

Siemens prevede di tagliare circa 6900 posti di lavoro in tutte le sue attività che forniscono servizi alla produzione di energia e alle industrie del petrolio e del gas, che sono state colpite dalla rapida crescita delle energie rinnovabili. L’azienda effettuerà i tagli nella divisione Power & Gas e nella divisione Process Industries and Drives, che realizza grandi azionamenti meccanici per l’estrazione di petrolio e gas e le turbine.

Rappresenteranno cisiemensrca il 2% della forza lavoro globale dell’azienda. “Il settore della produzione di energia elettrica sta vivendo un’interruzione di portata e velocità senza precedenti”, ha detto in una nota l’amministratore delegato della Siemens, Lisa

 

 Davis. “L’azione di oggi segue uno sforzo di quasi tre anni per ridimensionare il business per questo mercato in evoluzione“.

Process Industries and Drives è stata l’attività meno redditizia di Siemens lo scorso trimestre, con un margine di profitto di appena il 2,9%. Siemens sta anche cedendo le operazioni al fine di rimodellare l’azienda per diventare una società di software industriale. Sta mettendo in vendita la sua unità sanitaria e mettendo le sue imprese eoliche e ferroviarie in joint venture.

Giovanni Malaspina

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su