Scenari

Sogin, i sindacati premono: serve una nuova guida

sogin

Filctem-Flaei-Uiltec: “Il governo deve nominare subito un nuovo cda e un vertice capace e attento alle esigenze del Paese e dei lavoratori”. L’ad Luca Desiata e il presidente Marco Enrico Ricotti sono in cerca di riconferma

“In questo fumoso contesto che sta affliggendo la società Sogin, il governo ha il dovere di prendersi le proprie responsabilità nominando immediatamente un nuovo cda e un vertice capace e attento alle esigenze del paese e dei lavoratori”. Firmato Filctem Cgil, Flaei Cisl, Uiltec Uil, le segreterie nazionali dei lavoratori che in una nota unitaria hanno manifestato la loro preoccupazione per quanto sta accadendo in Sogin.

I SINDACATI: INDISPENSABILE FAR RIPARTIRE LE ATTIVITÀ E RILANCIARE GLI INVESTIMENTI

“È indispensabile far ripartire le attività e rilanciare gli investimenti, assicurando la ripresa dei cantieri e soprattutto la messa in sicurezza degli impianti. Prendersi cura del territorio, deve essere il primo punto all’ordine del giorno per un governo che ha fatto dell’ambientalismo una giusta bandiera. Sono anni che Sogin non presenta un adeguato piano industriale, che punti allo sviluppo del decommissioning italiano e permetta alla società un rilancio. I vertici aziendali si sono dimostrati, in tal senso, inefficaci, questo sembra essere confermato anche dalle posizioni assunte dall’authority di regolazione per le reti, l’energia e l’ambiente (Arera), che ha certificato la grave crisi industriale del gruppo, a partire proprio dai progetti strategici sul trattamento dei rifiuti radioattivi”, concludono le tre sigle.

DESIATA E RICOTTI IN CERCA DI RICONFERMA?

Scaduto a luglio il cda, le nomine di Sogin hanno subito una battuta d’arresto con la caduta del governo gialloverde. Al momento, “l’ad Luca Desiata e il presidente Marco Enrico Ricotti” sono “in cerca di riconferma”, scriveva qualche giorno fa Sergio Rizzo su Repubblica Affari & Finanza.