Scenari

Superbonus, Lega: Senza proroga in manovra si rischia flop

Clima

Arrigoni e Ripamonti annunciano la presentazione di numerosi emendamenti per ottenere la proroga del Superbonus e l’estensione della platea dei beneficiari

”Niente proroga nella legge di bilancio per il Superbonus al 110%! La misura al momento non va oltre il 2021, nonostante le sacrosante richieste di proprietari di casa, amministratori di condominio, imprese di costruzioni e liberi professionisti. Il Governo sembra voler perdere questa occasione, facendo cadere le proprie promesse nel vuoto. Considerate le molte criticità contenute nella norma e nei decreti attuativi, i dubbi interpretativi e la montagna di documentazione da produrre, senza un adeguato orizzonte temporale la misura rischia di essere un flop”. Lo dichiarano i senatori della Lega Paolo Arrigoni, responsabile del Dipartimento Energia del partito e Paolo Ripamonti, vicepresidente della commissione Attività Produttive del Senato, annunciando la presentazione di numerosi emendamenti per ottenere la proroga del Superbonus e l’estensione della platea dei beneficiari.

”L’auspicato effetto espansivo previsto dal Governo con questo incentivo rischia di essere fortemente ridimensionato a causa del limite temporale fissato dal decreto ‘Rilancio’ al 31 dicembre 2021, troppo ravvicinato per consentire la realizzazione di interventi che richiedono, specie per i condomini, il tempo necessario per valutare la tipologia dei possibili interventi, verificarne la fattibilità, affidare la progettazione e i lavori – spiegano Arrigoni e Ripamonti -. ‘Tenuto conto delle tante incertezze, oltre che dell’emergenza Covid, è seriamente ipotizzabile che registreremo un’impennata di rinunce nel fare gli interventi, ovvero che un numero consistente di lavori possa avere inizio non prima della primavera del prossimo anno, creando una domanda enormemente superiore alla capacità delle imprese di costruzione – continuano i senatori leghisti -. Chiediamo quindi al Governo di varare urgentemente una proroga del Superbonus almeno fino alla fine del 2024, e che tale proroga venga prevista entro la fine dell’anno con la legge di bilancio, per offrire sia ai proprietari degli immobili, sia ai professionisti che agli operatori della filiera delle costruzioni un quadro adeguato e chiaro, che ora invece resta avvolto nell’incertezza”.