Fact checking e fake news

Perchè la Gran Bretagna pesa sui conti di Eon

Tutti i dettagli sui conti di Eon

Read More...

Sostenibilità

L’eolico offshore britannico procede a gonfie vele

Sono partiti i lavori per il parco East Anglia One e le ordinazioni delle prime turbine di Siemens Gamesa per il progetto Hornsea. Infine, è stato inaugurato Race Bank, un nuovo parco eolico offshore da 573 MW Procede a gonfie vele l’industria eolica offshore britannica con tre parchi eolici programmati nel Mare del Nord che stanno lentamente prendendo forma in questi ultimi mesi. AL VIA I LAVORI PER IL PARCO EOLICO OFFSHORE EAST ANGLIA ONE Sono cominciati i lavori di

Read More...

Scenari

Al petrolio e al gas del Mare del Nord serve forza lavoro. Ecco perché

È quanto emerge da un rapporto di Opito, un ente britannico che si occupa di lavoro e della Robert Gordon University Il Mare del Nord ha bisogno di forza lavoro, almeno 10.000 nuovi posti in aree emergenti come la robotica e la gestione dei dati entro il 2035. È quanto emerge da un rapporto di Opito, un ente britannico che si occupa di lavoro e competenze che insieme alla Robert Gordon University ha prodotto una review sul settore petrolifero e

Read More...

Territori

Nucleare, chi e perché preoccupa la centrale britannica di Hinkley Point C

Che cosa ha detto l’autorità di regolamentazione britannica per il settore nucleare ha espresso a Edf Energy

Read More...

Scenari

Ecco le prime conseguenze (energetiche) dello scontro diplomatico fra Gran Bretagna e Russia

Le conseguenze dello scontro diplomatico tra Gran Bretagna e Russia si propagano fino al settore dell’energia, in particolare a quello del Gnl, il gas naturale liquefatto. L’articolo di Giampaolo Tarantino

Read More...

Sostenibilità

Eolico, quanto valgono gli investimenti in Ue? Report WindEurope

Tutti i numeri di un mercato in crescita nell’ultimo rapporto di WindEurope che  evidenzia però prospettive poco chiare

Read More...

Short News

Petrolio, accordo BP-Iraq per aumentare produzione a Kirkuk

Il paese ha aumentato le esportazioni giornaliere di petrolio del 4,5% a novembre Il ministro iracheno del petrolio Jabbar Luaibi e la britannica BP hanno firmato un memorandum d’intesa per espandere la produzione petrolifera nei giacimenti della provincia settentrionale di Kirkuk. Lo rendono noto alcune fonti internazionali. Già ad ottobre Iraq e Bp avevano deciso di istituire un gruppo di esperti per valutare la situazione a Kirkuk mentre il mese scorso, il ministero iracheno, aveva comunicato alle aziende internazionali la

Read More...