Scenari

Transizione energetica, perché le compagnie petrolifere statali scommettono sul passato

petrolifere

Le compagnie petrolifere statali sono sul punto di investire 400 miliardi di dollari in progetti incompatibili con l’accordo di Parigi. Se falliscono, potrebbe innescare una crisi del debito dei mercati emergenti.

Il rientro degli Stati Uniti nell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e gli annunci di Cina e Giappone che hanno intenzione di raggiungere anch’esse gli obiettivi di emissioni nette zero, hanno riportato la speranza negli sforzi per limitare l’aumento della temperatura globale a meno di 2 gradi sopra i livelli preindustriali.

MINORI PROFITTI PER BIG OIL?

“Questo aspetto, insieme al rapido calo del costo delle energie rinnovabili, suggerisce prezzi più bassi e minori profitti per l’industria petrolifera e del gas nei prossimi decenni “, hanno commentato Patrick RP Heller (consulente presso il Natural Resource Governance Institute e senior visiting fellow presso il Center for Law, Energy & the Environment presso l’Università della California, Berkeley) e David Manley, (analista economico senior presso il Natural Resource Governance Institute) in un intervento su Foreign Policy.

POCA ATTENZIONE DA PARTE DELLE COMPAGNIE PETROLIFERE STATALI (NOC)

In sostanza “dopo molti anni di recalcitranza, alcune compagnie petrolifere potrebbero recepire il messaggio, aumentando la loro attenzione sulle fonti di energia rinnovabile e cancellando attività che non produrranno profitti se il mondo smetterà davvero di bruciare così tanto petrolio e gas. Si è detto molto sulle decisioni di BP, Total e Shell, i nomi che dominano i fondi pensione e le stazioni di servizio lungo le strade, di accorciare i loro portafogli di petrolio e gas e aumentare gli investimenti in tecnologie rinnovabili. Al contrario, le compagnie petrolifere nazionali (NOC) di proprietà statale, dall’Algeria all’Angola e all’Azerbaigian, hanno ricevuto poca attenzione. La maggior parte dei NOC ha condiviso pochi, se non nessun dettaglio sull’adattamento delle proprie strategie” al nuovo corso Green mentre “molti stanno pianificando di spendere molto per nuovi progetti di petrolio e gas upstream”, hanno osservato i due autori.

LA FORZA DEI NOC: PRODUCONO META’ DEL PETROLIO E DEL GAS DEL MONDO

I NOC producono la metà del petrolio e del gas del mondo. Nel prossimo decennio “produrranno più di 300 miliardi di barili di petrolio. A questo ritmo, i soli NOC rappresenteranno la maggior parte della quantità che l’industria petrolifera nel suo insieme potrebbe pompare se il mondo vuole mantenere le emissioni al di sotto dei limiti fissati a Parigi – hanno scritto gli analisti su Foreign Policy -. Gli esperti del clima sostengono che la produzione globale di petrolio deve diminuire del 4% nel prossimo decennio per intraprendere un percorso coerente con Parigi. Ma i NOC stanno invece pianificando di aumentare ulteriormente la loro produzione, anche di circa il 6% l’anno prossimo se la domanda si riprenderà dopo la pandemia”.

2020 Report

DECISIONI DI INVESTIMENTO DEI NOC FATTORE CRITICO PER IL CLIMA: DUE GLI SCENARI

Non solo. Secondo i due autori dell’articolo “i NOC contribuiranno anche al 40% della spesa in conto capitale in petrolio e gas, circa 1,9 trilioni di dollari. Tali investimenti rappresentano un flusso importante di denaro pubblico – in gran parte dai paesi in via di sviluppo ed emergenti – nel settore del petrolio e del gas. Le decisioni di investimento dei NOC sono quindi un fattore critico per limitare le emissioni di gas serra e stabilizzare il progresso economico di molti dei paesi più poveri e volatili del mondo”.

Per capire come, Heller e Manley hanno citato i due possibili scenari delineati in un recente report del Natural Resource Governance Institute: “In un futuro, la transizione globale dai combustibili fossili alle energie rinnovabili è lenta e la domanda di combustibili fossili è sufficiente per mantenere prezzi elevati. In questo scenario, la maggior parte o tutti gli 1,9 trilioni di dollari di investimenti NOC previsti vanno in pareggio. Ma in questo futuro, il mondo non riesce a raggiungere gli obiettivi sul cambiamento climatico stabiliti nell’accordo di Parigi. Le temperature globali salgono a livelli catastrofici”.

Nell’altro futuro, la transizione nell’uso dell’energia è rapida. “I paesi accelerano lo sviluppo delle energie rinnovabili e aumentano le loro flotte di veicoli elettrici. La quantità di petrolio e gas che le persone consumano diminuisce in modo significativo, consentendo al mondo di rimanere entro il limiti globali del carbonio. Ma affinché questo futuro accada, la domanda (e di conseguenza i prezzi di) petrolio e gas devono diminuire in modo sostanziale. I NOC e i paesi che dipendono da tali entrate ne soffrono. In un simile futuro, dei 1,9 trilioni di dollari di investimenti previsti dalle compagnie petrolifere nazionali, un quinto – più di 400 miliardi – sarebbe in progetti ad alto costo che non raggiungeranno il pareggio. Questo numero aumenterebbe ulteriormente se le tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio non fossero implementate, nel qual caso la domanda di combustibili fossili dovrebbe diminuire ancora più drasticamente che nel nostro caso base per rispettare l’accordo di Parigi”.

I PAESI CHE SOFFRIRANNO DI PIU’

A soffrire di più in questo quadro sarebbero Angola, Colombia e Messico che “hanno costi di progetto elevati e una quota maggiore dei loro nuovi potenziali progetti non potrebbe sopravvivere a un drammatico allontanamento dai combustibili fossili”. In paesi come “Nigeria, Russia e Turkmenistan, gli importi che i NOC stanno rischiando in progetti ad alto costo superano i budget sanitari annuali dei loro governi. La compagnia petrolifera statale mozambicana ENH potrebbe spendere l’equivalente di quasi il 180% dell’intera spesa annuale del suo governo in un progetto per il gas che quasi certamente perderebbe denaro in una rapida transizione energetica”, osservano gli analisti del Natural Resource Governance Institute evidenziando che quando le autorità investono fondi pubblici in progetti di idrocarburi potenzialmente non redditizi, “deviano denaro dallo sviluppo e dall’adozione di tecnologie verdi, dall’adattamento al clima che cambia e dallo sviluppo di industrie che possono prosperare in un futuro a basse emissioni di carbonio”.

Solo per citare un esempio, l’algerina Sonatrach prevede di investire l’equivalente di un terzo della spesa annuale totale del suo governo, in parte per garantire sufficienti esportazioni di petrolio e gas in Europa e in parte per il proprio fabbisogno energetico del paese. “Ma l’Algeria, insieme a gran parte del Nord Africa, ha un sole abbondante per alimentare i pannelli solari per soddisfare le proprie esigenze e si trova abbastanza vicino all’Europa da esportare parte di questa energia in Spagna, Italia e oltre. Il governo potrebbe aumentare la sua industria solare in fase embrionale spostando miliardi di dollari dalla spesa per gli idrocarburi a monte tramite il suo NOC”, sottolineano Heller e Manley.

RISCHIO TENSIONI FINANZIARIE E CATASTROFE ECONOMICA

“Ad aggravare questo rischio, la tensione finanziaria sui NOC che potrebbe assorbire ancora più denaro pubblico nel petrolio sotto forma di salvataggi governativi. Il Messico è un buon esempio; lì, il governo ha già speso 5 miliardi di dollari per salvare la tormentata Pemex. Moody’s stima che i sussidi governativi all’azienda potrebbero raggiungere annualmente fino al 2,3% del PIL del paese”.

Insomma, “le enormi quantità di denaro che i NOC stanno investendo (in relazione alle dimensioni delle economie dei loro paesi), insieme ai debiti sostanziali che alcuni NOC già detengono, rischiano una catastrofe economica e una crisi del debito sovrano nelle economie emergenti. Insieme a Pemex, la SOCAR dell’Azerbaigian e la Sonangol dell’Angola detengono debiti per importi pari a oltre il 60% delle entrate annuali dei loro governi. A differenza delle compagnie petrolifere internazionali come Shell, ExxonMobil e Total, la maggior parte delle compagnie petrolifere nazionali deve affrontare un controllo pubblico relativamente limitato da parte di azionisti e analisti. Nonostante il rumore dei tamburi che preannuncia una transizione affrettata dai combustibili fossili, molti leader di NOC cercheranno di mantenere le loro posizioni di mercato o addirittura mireranno a obiettivi elevati per diventare operatori di livello mondiale”.

“Il Resource Governance Index ha mostrato che mentre alcune società statali, tra cui YPF argentina e Equinor norvegese, hanno iniziato a divulgare maggiori informazioni, queste società rimangono in gran parte opache. Gli attivisti per il clima devono garantire che il capitale disinvestito dalle compagnie petrolifere internazionali non finisca nuovamente nell’industria petrolifera tramite operatori statali. La comunità finanziaria deve capire in che modo i fallimenti delle compagnie petrolifere nazionali potrebbero influenzare la fattibilità dei governi e del mercato del debito sovrano. E nelle economie dipendenti dai combustibili fossili, i governi e i cittadini devono decidere quanto sono a loro agio con le compagnie petrolifere nazionali che giocano d’azzardo con il loro futuro” hanno concluso Heller e Manley.