skip to Main Content

Perché tre americani generano abbastanza emissioni di CO2 da uccidere una persona

CO2

Il costo sociale della CO2 nel 2020 è di 37 dollari a tonnellata, ma l’aggiunta del costo di mortalità da parte di Bressler porta questa cifra a 258 dollari a tonnellata

Lo stile di vita di circa tre americani medi creerà abbastanza emissioni di riscaldamento del pianeta da uccidere una persona, e le emissioni di una singola centrale elettrica a carbone è probabile che provochino più di 900 morti, secondo la prima analisi per calcolare il costo mortale delle emissioni di carbonio. La nuova ricerca si basa su quello che è noto come il “costo sociale del carbonio”, una cifra monetaria posta sul danno causato da ogni tonnellata di emissioni di anidride carbonica, assegnando un tributo di morti previsto dalle emissioni che causano la crisi climatica. Lo riporta The Guardian.

L’ANALISI

L’analisi, prosegue il quotidiano, si basa su diversi studi di salute pubblica che concludono che per ogni 4.434 tonnellate metriche di CO2 pompate nell’atmosfera oltre il tasso di emissioni del 2020, una persona a livello globale morirà prematuramente a causa dell’aumento della temperatura. Questa CO2 aggiuntiva è equivalente alle emissioni attuali di 3,5 americani nel corso della loro vita.

L’aggiunta di ulteriori 4 milioni di tonnellate sopra il livello dell’anno scorso, prodotte da una centrale a carbone americana media, costerà 904 vite in tutto il mondo entro la fine del secolo, secondo la ricerca. Su una scala più grande, l’eliminazione delle emissioni di riscaldamento del pianeta entro il 2050 salverebbe 74 milioni di vite in tutto il mondo in questo secolo.

Le cifre per le morti previste dal rilascio delle emissioni non sono definitive e potrebbero essere “una vasta sottostima” in quanto tengono conto solo della mortalità legata al calore piuttosto che delle morti per inondazioni, tempeste, perdita di raccolti e altri impatti che derivano dalla crisi climatica, secondo Daniel Bressler dell’Earth Institute della Columbia University, che ha scritto il documento.

8 MILIONI DI PERSONE A LIVELLO GLOBALE STANNO MORENDO OGNI ANNO PER GLI EFFETTI SULLA SALUTE DELL’ARIA TOSSICA

L’inquinamento atmosferico causato dalla combustione di combustibili fossili sta anche uccidendo direttamente le persone, con un importante studio dell’Università di Harvard pubblicato a febbraio che ha scoperto che più di 8 milioni a livello globale stanno morendo ogni anno per gli effetti sulla salute dell’aria tossica, ricorda The Guardian.

“Ci sono un numero significativo di vite che possono essere salvate se si perseguono politiche climatiche più aggressive dello scenario business as usual”, ha detto Bressler. “Sono rimasto sorpreso di quanto sia grande il numero di morti. C’è una certa incertezza su questo, il numero potrebbe essere più basso ma potrebbe anche essere molto più alto”.

RICERCA PUBBLICATA SU NATURE

La ricerca, pubblicata su Nature Communications, illustra le grandi disparità nelle emissioni generate dal consumo delle persone nei diversi paesi del mondo. Mentre ci vogliono solo 3,5 americani per creare abbastanza emissioni in una vita per uccidere una persona, ci vorrebbero 25 brasiliani o 146 nigeriani per fare lo stesso, secondo il documento citato da The Guardian.

Il costo sociale, o finanziario, del carbonio è diventato una metrica ampiamente utilizzata dopo la sua creazione da parte dell’economista William Nordhaus, che successivamente ha vinto un premio Nobel, negli anni ’90. La misurazione calcola i danni causati da una tonnellata di emissioni, sommati alla capacità di adattarsi al clima che cambia.

Secondo il modello DICE di Nordhaus, il costo sociale del carbonio nel 2020 è di 37 dollari a tonnellata, ma l’aggiunta del costo di mortalità da parte di Bressler porta questa cifra a 258 dollari a tonnellata. Questa modifica al modello implicherebbe che una politica economicamente ottimale sarebbe quella di ridurre radicalmente le emissioni per raggiungere la piena decarbonizzazione entro il 2050, uno scenario che è stato anche sostenuto dagli scienziati del clima come quello che eviterebbe le peggiori devastazioni del riscaldamento globale.

(Estratto dalla rassegna stampa estera di Epr Comunicazione)

live
Back To Top