Scenari

Usa, le 5 opzioni di Biden per implementare regole clima

Biden

Ma l’ambizioso piano climatico Usa da 2 trilioni di dollari richiederà tempo e risorse

Durante la campagna elettorale il neo presidente eletto Joe Biden aveva affermato a chiare note l’intenzione di voler intraprendere un’azione decisa per combattere il riscaldamento globale. Ma il suo ambizioso piano climatico da 2 trilioni di dollari richiederà tempo e risorse. In attesa di raggiungere i traguardi previsti, Bloomberg ha stilato un elenco di passi più piccoli e immediati che può compiere e “alcuni che sono probabilmente molto più difficili di quanto sembri”.

IL MODO PIÙ SEMPLICE PER RALLENTARE IL FRACKING

Biden è stato irremovibile sul fatto che non vieterà il fracking, ma c’è un altro modo in cui può frenare la produzione e le emissioni di combustibili fossili: bloccando il processo di leasing federale di petrolio e gas. “Il presidente eletto può richiedere una revisione completa del programma di leasing del Bureau of Land Management, un processo che potrebbe richiedere anni, ha affermato Katie Bays, analista di FiscalNote Markets. E mentre si porta avanti questa politica l’agenzia potrebbe non essere autorizzata a emettere nuovi contratti di locazione con l’industria che non potrebbe fare appello o bloccare la mossa fino al completamento della revisione”, sottolinea Bloomberg.

D’altronde, prosegue il quotidiano “il presidente Barack Obama ha fatto la stessa cosa con l’estrazione del carbone nel 2016. Sarebbe più facile di un divieto assoluto di nuovi contratti di locazione federali, che probabilmente porterebbe a ingiunzioni legali”.

LA CARBON TAX

Far passare una tassa sul carbonio attraverso un Congresso diviso “sarebbe difficile, ma c’è un’agenzia che può preparare il terreno per i prezzi regionali del carbonio: la Federal Energy Regulatory Commission, che sovrintende ai mercati dell’elettricità degli Stati Uniti”, prosegue Bloomberg.

Biden, infatti “può nominare immediatamente un nuovo presidente della commissione e, entro pochi mesi, trasferire il controllo del panel ai Democratici. L’agenzia sta già esaminando il prezzo del carbonio nei mercati energetici regionali e potrebbe finalizzare la sua posizione il prossimo anno, secondo Timothy Fox, vicepresidente di Clearview Energy Partners”.

LA SEC

Il presidente eletto può anche nominare un nuovo presidente della Securities and Exchange Commission, “ponendo le basi sui mercati finanziari per valutare meglio il rischio climatico. La nuova presidenza potrebbe richiedere alle aziende di rivelare le minacce legate al clima che devono affrontare le loro risorse, ha affermato David Victor, professore di relazioni internazionali presso l’Università della California a San Diego”.

LE SCAPPATOIE DELL’INQUINAMENTO ATMOSFERICO

La politica climatica di Obama, il Clean Power Plan, aveva un grosso problema: la regolamentazione delle emissioni di carbonio nell’ambito del Clean Air Act si è rivelata giuridicamente controversa. “Biden probabilmente cercherà di far rivivere le regole sul carbonio, questa volta con un’enfasi sulle emissioni di gas naturale, lo sforzo potrebbe incorrere in ritardi legali – ha precisato il sito del quotidiano economico -. Nel frattempo, Biden può annunciare rapidamente nuovi limiti agli inquinanti delle centrali elettriche diversi dalla Co2, come il particolato, l’anidride solforosa o l’ossido di azoto, ha affermato John Coequyt, direttore della politica climatica al Sierra Club. Circa tre quarti di tutte le centrali elettriche statunitensi, escluse quelle che sono già programmate per essere ‘pensionate’, mancano di alcuni componenti importanti per limitare le emissioni delle tossine”.

L’EOLICO

C’è abbastanza energia nei venti al largo delle coste statunitensi per alimentare l’intero paese, e gli sviluppatori che cercano di sfruttarla hanno annunciato piani per oltre 29 gigawatt di turbine offshore, l’equivalente di un terzo della flotta nucleare americana. Ma nessuno dei grandi progetti è stato approvato dal governo.

“Biden potrebbe accelerare il processo assegnando più denaro al Bureau of Ocean Energy Management, che valuta le domande. Più dipendenti potrebbero lavorare attraverso gli 11 progetti che hanno già presentato proposte, così come i quattro previsti nel prossimo futuro dall’American Wind Energy Association”, si legge ancora

GLI OBIETTIVI NAZIONALI SONO MENO FACILI

Biden vuole una rete elettrica completamente ecologica entro il 2035, ma il suo piano non specifica come realizzarlo. “Il percorso ovvio – obiettivi nazionali di energia rinnovabile – sarebbe un’enorme sfida politica, ha affermato Fox di Clearview. Per cominciare, dovrebbe passare attraverso il Congresso. Anche se i Democratici controllassero entrambe le camere, sarebbe difficile trovare un’unica politica supportata da ogni stato. E alcuni stati, come la California e New York, hanno già i propri obiettivi. ‘Probabilmente otterrebbe l’opposizione unanime dei repubblicani, e non otterrebbe il sostegno unanime dei democratici’, ha detto Fox”.

I GASDOTTI, IL NODO DEL DAKOTA ACCESS

Biden ha accolto ripetuti appelli per annullare il controverso Dakota Access, una mossa che sarebbe una grande vittoria per gli attivisti per il clima. “Ma staccare la spina a un’attività operativa rappresenterebbe una minaccia per i banchieri che hanno finanziato il progetto da 3,8 miliardi di dollari. E solleverebbe interrogativi sul fatto che anche i futuri progetti energetici possano essere annullati con un tratto di penna presidenziale”, ha evidenziato Bloomberg.