skip to Main Content

Zero emissioni entro il 2050 non sufficienti a limitare il riscaldamento a 1,5 gradi. Il report DNV

Emissioni

Il tempo è il freno chiave per realizzare il percorso verso le emissioni nette zero, piuttosto che il denaro.

Un percorso fattibile per limitare il riscaldamento planetario a 1,5 gradi richiede che alcuni paesi e settori scendano sotto lo zero netto e lo facciano ben prima della metà del secolo. È quanto emerge dal nuovo report “Pathway to Net Zero Emissions” di DNV, fornitore indipendente di assicurazioni e gestione del rischio, che opera in più di 100 paesi.

IL RAPPORTO IN VISTA DELLA COP 26: UE E USA NET ZERO ENTRO IL 2042

Il rapporto di DNV descrive un modo fattibile per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. In particolare i decisori politici si incontreranno a Glasgow per il vertice della COP 26 con l’obiettivo di raggiungere le emissioni zero entro il 2050. Ma perché ciò accada, il Nord America e l’Europa dovranno essere carbon neutral entro il 2042 e poi carbon negativ da allora in poi, secondo quanto emerge dall’analisi.

IL CASO DELLA CINA

Il percorso rileva inoltre che la Grande Cina dovrà ridurre le emissioni del 98% rispetto ai livelli del 2019 entro il 2050. Ci sono regioni che non possono realisticamente abbandonare completamente i combustibili fossili nello stesso lasso di tempo, come il subcontinente indiano, che ridurrà le emissioni del 64%.

RITMI DIVERSI A SECONDA DEL SETTORE

“Pathway to Net Zero Emissions” definisce anche il ritmo con cui i diversi settori industriali devono decarbonizzare. I cosiddetti settori hard to abate impiegheranno più tempo a decarbonizzarsi e settori come quello marittimo (-90% di emissioni di CO2 nel 2050) e siderurgico (-82%) saranno probabilmente ancora emettitori netti entro il 2050.

Mentre il DNV Energy Transition Outlook prevedeva il futuro energetico più probabile fino al 2050, il Pathway to Net Zero Emissions offre un modo fattibile per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. Il rapporto si distingue tra da altri in quanto è l’unico che parte dal punto in cui molto probabilmente saremo nel 2050 e poi cerca di colmare questo divario.

SCENDERE SOTTO LO ZERO NETTO PRIMA DEL 2050

“Zero non basta. Questo perché, per quanto ci provino, molte nazioni in via di sviluppo e settori hard to abate non saranno in grado di raggiungere le emissioni zero entro il 2050, la soglia critica per mantenere il mondo entro 1,5 gradi dal riscaldamento – ha affermato Remi Eriksen, Presidente del Gruppo e CEO di DNV -. Le nazioni sviluppate, le aziende leader e i settori facili da elettrificare dovranno quindi scendere sotto lo zero prima del 2050”.

LE TECNOLOGIE DI CATTURA E RIMOZIONE DEL CARBONIO SONO UN MUST SECONDO IL RAPPORTO PER RIMUOVERE IL 20% FINALE DELLE EMISSIONI

Il mix di energia primaria delineato nella relazione sullo zero netto è radicalmente diverso dall’attuale traiettoria. L’elettricità soddisfa poco più della metà (51%) della domanda di energia con l’eolico e il solare che forniscono l’86% dell’elettricità. L’idrogeno, vitale per decarbonizzare i settori difficili da abbattere, ha una quota del 13%. I combustibili fossili saranno ancora richiesti da paesi e industrie che non saranno in grado di decarbonizzarsi completamente entro il 2050. Il 21% del mix energetico è derivato da combustibili fossili (8% petrolio, 10% gas naturale e 3% carbone), anche se non ci saranno necessità di nuovi giacimenti di petrolio e gas dopo il 2028 in questo percorso. Le tecnologie di cattura e rimozione del carbonio sono un must secondo il rapporto per rimuovere il 20% finale delle emissioni. Il nucleare non ha un posto di rilievo perché è troppo costoso rispetto alle energie rinnovabili.

L’OBIETTIVO A MEDIO TERMINE DELL’ACCORDO DI PARIGI DI DIMEZZARE LE EMISSIONI RISPETTO AI LIVELLI DEL 2017 ENTRO IL 2030 È FUORI PORTATA

L’obiettivo a medio termine dell’accordo di Parigi di dimezzare le emissioni rispetto ai livelli del 2017 entro il 2030 è fuori portata e il rapporto pone la riduzione delle emissioni al 30% a questo punto. Tuttavia, affinché le tecnologie diventino scalabili in futuro, come l’idrogeno e la CCS, gli investimenti e la riformulazione delle politiche devono iniziare ora. Allo stesso tempo, un massiccio aumento di energia solare ed eolica deve iniziare immediatamente per accelerare l’elettrificazione verde del sistema energetico oltre l’attuale rapido ritmo di cambiamento.

IL FRENO CHIAVE È IL TEMPO PIU’ DEI SOLDI

Il tempo è il freno chiave per realizzare il percorso verso le emissioni nette zero, piuttosto che il denaro. Anche con investimenti molto ingenti richiesti, in particolare nel breve termine, (cumulativamente 55 trilioni di dollari nelle rinnovabili e 35 trilioni di dollari nelle reti in 30 anni) i costi aggiuntivi per raggiungere 1,5 gradi sono inferiori all’1% del PIL globale nei prossimi 30 anni, ha concluso il report.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore