skip to Main Content

Pandemia è stata opportunità persa per accelerare transizione energetica. Il report DNV

Emissioni

Le emissioni di gas serra legate all’energia dovrebbero aumentare del 3% nel 2021 rispetto all’anno scorso, quando sono diminuite di circa il 6%

Il mondo ha perso un’opportunità per accelerare la transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili a causa dei pacchetti Recovery per mitigare gli effetti del Covid -19 dei vari paesi che non hanno fatto altro che radicare i sistemi esistenti. È quanto ha affermato la società di consulenza energetica globale DNV.

OPPORTUNITÀ PERSA

DNV, che l’anno scorso prevedeva che la domanda di petrolio aveva probabilmente raggiunto il picco nel 2019 grazie alle restrizioni sui viaggi e ad altri mezzi per frenare il virus, ha affermato che la sua previsione da allora è diventata meno certa.

“Dal punto di vista della transizione energetica, la pandemia è stata un’opportunità persa”, ha affermato l’amministratore delegato di DNV, Remi Eriksen. “I pacchetti di Recovery si sono in gran parte concentrati sulla protezione piuttosto che sulla trasformazione delle industrie esistenti”.

EMISSIONI IN AUMENTO DEL 3% NEL 2021

I progressi nella riduzione delle emissioni di settori difficili da abbattere, come l’industria pesante, che sono responsabili di circa un quarto di tutte le emissioni, sono stati ostinatamente lenti, ha affermato DNV.

Le emissioni di gas serra legate all’energia dovrebbero aumentare del 3% nel 2021 rispetto all’anno scorso, quando sono diminuite di circa il 6%, ha affermato DNV.
L’uso del petrolio è destinato a crescere fino alla metà del decennio in corso, ha affermato la società di consulenza norvegese, ma non è chiaro se sarà in grado di tornare ai livelli pre-pandemia.

“La nostra domanda prevista (per il petrolio) tra il 2019 e il 2025 differisce solo dell’1%”, ha scritto DNV.

DOMANDA DI PETROLIO IN CALO DOPO IL 2025

La domanda di petrolio diminuirà di nuovo dopo il 2025 insieme a un previsto aumento delle vendite di auto elettriche e si prevede che sarà inferiore del 45% entro il 2050, ha aggiunto DNV. Allo stesso tempo, tuttavia, la domanda di gas diminuirà solo del 10%. La quota totale di combustibili fossili, incluso il carbone, nel mix energetico globale dovrebbe scendere al 50% entro il 2050 da circa l’80% di oggi, a testimonianza dell’inerzia dell’energia fossile in un’era di decarbonizzazione, ha concluso DNV.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore