Territori

Aqp: In lista nove candidati per la newco

Aqp

Sul tavolo di Aqp anche le proposte di Suez, Snam, A2A, Ireti e Italgas. Appalti da 637 milioni sul taglio delle perdite

“Acquedotto Pugliese non parla più di newco, ma di progetto ‘Risanamento reti’. Fatto sta che l’idea di creare una società di scopo per progettare e realizzare i lavori di ricerca perdita non si ferma. Anzi: il primo passaggio, ovvero l’invito a presentare candidature (o meglio ‘avviso di consultazione preliminare di mercato’), si è chiuso con nove manifestazioni d’interesse”. È quanto riferisce il Corriere del Mezzogiorno, sottolineando che si tratta “del primo step che avvia l’iter per selezionare un socio privato in grado di realizzare 637 milioni di appalti per il risanamento delle reti idriche”.

SUL TAVOLO DI AQP LE PROPOSTE DI SUEZ, SNAM, A2A, IRETI E ITALGAS

L’avviso è stato pubblicato su Gazzetta ufficiale dell’unione europea, Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana e tre quotidiani a diffusione nazionale – ha spiegato il quotidiano -. Tra le società che hanno mostrato interesse (ma attendono il bando di gara per presentare i business plan) ci sono Suez, Snam, Ireti, A2A e Italgas. Quindi la ‘Fase 2’ risulterà decisiva per comprendere i contorni dell’operazione. Nell’avviso, infatti, si affidava ai proponenti l’indicazione della formula da utilizzare per realizzare la newco perché si poteva scegliere di partecipare sia come singole realtà (evidentemente multinazionali) o come soggetti raggruppati in modalità consortile o di raggruppamento d’imprese”.

I FINANZIAMENTI PER GLI INVESTIMENTI? IN PARTE DELLE RISORSE PROVENIENTI DALL’INCREMENTO DELLA TARIFFA

“Ma da dove attingere i finanziamenti per gli investimenti? Una parte sarà coperta dal trasferimento delle risorse provenienti dall’incremento della tariffa. La restante parte dipenderà da indici che saranno inclusi nel bando. ‘All’Aip – conclude Di Cagno – dimostreremo che le tariffe non aumenteranno e che gli utenti non avranno aggravi di costi. Acquedotto ha le risorse per poter affrontare questo step e nel caso sarà il socio privato a trovare linee di finanziamento aggiuntive’”, prosegue il quotidiano.

AQP HA CONCLUSO LA SELEZIONE PER UN ADVISOR

“L’accelerazione nella ricerca perdite arriva dai nuovi criteri in materia dettati dall’Arera, l’agenzia nazionale che regolamenta il settore. L’obiettivo di riduzione va dall’attuale 50% al 23-24% (stimato in 12 anni), ma la newco, essendo una società di scopo, dovrebbe concludere gli investimenti in sei anni. Tale format è stato anche oggetto di attenzioni anche all’interno di Utilitalia (Federazione delle imprese energetiche, idriche e ambientali). Ma non è tutto. Per portare a termine la gara Aqp ha concluso la selezione per un advisor necessario a impostare la gara. Si sono presentate 13 realtà del mondo della consulenza e gli uffici di Aqp stanno analizzando la documentazione per assegnare l’incarico”, ha concluso il quotidiano.