Territori

Auto, Confcommercio Veneto chiede incentivi

carburanti

– Sina: Vorremmo che gli incentivi non si concentrassero solo sulle soluzioni ‘green’ e tenessero in considerazione anche le auto con motori tradizionali

“Fra gennaio e marzo le immatricolazioni d’auto in Veneto sono state in tutto 25 mila, il 41% in meno rispetto al primo trimestre 2019. Il confronto limitato a marzo dà un crollo più che doppio: -85%. Una proiezione sull’intero 2020 potrebbe assestarsi ad una perdita tra il 30% e il 35%, più che sufficiente ad indurre il gruppo Confcommercio Veneto auto-moto a chiedere alla Regione incentivi per il rinnovo del parco auto, tenendo conto che il 45% di esse ha più di dieci anni e che un ringiovanimento si tradurrebbe anche in un consistente contributo in termini di riduzione delle emissioni”. È quanto si legge sul Corriere di Verona.

TENERE CONTO DEI CAMBIAMENTI DEI MODELLI DI VITA

“La richiesta è stata avanzata ieri dal presidente della sezione merceologica, Giorgio Sina, che non esclude una risalita della tendenza, dopo il gelo del Coronavirus, nella parte conclusiva dell’anno che, tuttavia, non compenserà abbastanza le sofferenze delle concessionarie, a cui fanno capo in Veneto 30 mila addetti”, prosegue il quotidiano che aggiunge: “’Chi aveva in mente di cambiare auto a inizio marzo probabilmente lo farà a breve – osserva Sina – ma è bene tener conto dei possibili cambiamenti dei modelli di vita. Da un lato i rischi connessi ai trasferimenti sui mezzi pubblici potrebbero tradursi in un incoraggiamento all’acquisto di auto private; dall’altro la possibilità che molti lavori si stabilizzino su modelli di smart-working potrebbe, al contrario, rendere superfluo il possesso di più veicoli per ciascun nucleo familiare’”.

INCENTIVI ANCHE AI MOTORI TRADIZIONALI

“Rispetto ai nuovi acquisti, secondo Sina non cambieranno gli orientamenti degli italiani solitamente per il 45% rivolti ai segmenti A e B (utilitarie fino a 4 metri). ‘L’ibrido nelle sue declinazioni cresce e tocca il 6% del mercato totale – aggiunge l’esponente di Confcommercio – ma l’elettrico è ancora relegato a quote minime sia per ragioni di costo che di scarsità di punti di ricarica, oltre che per un approccio culturale ancora modesto. Per questo – conclude – se la Regione accogliesse il nostro invito agli incentivi, vorremmo che non si concentrassero solo sulle soluzioni ‘green’ e tenessero in considerazione anche i veicoli con motori tradizionali’”, conclude il quotidiano.