Advertisement vai al contenuto principale
Ev

Auto elettrica, bluff o svolta? Ecco cosa pensano i consumatori

L’auto elettrica è un bluff o rappresenta la vera svolta per la transizione green dell’automotive? Ecco cosa pensano i consumatori
L’inchiesta di Report sui “prezzi nascosti” ha aperto il vaso di pandora delle auto elettriche. La domanda è: le vetture a batteria sono un bluff o la vera svolta per la transizione dell’automotive? Ecco cosa pensano i consumatori.

AUTO ELETTRICA, BLUFF O TOP?

Le vendite di automobili elettriche non decollano e diversi acquirenti sono scontenti. Infatti, i proprietari di veicoli elettrici hanno mediamente più problemi rispetto ai proprietari di veicoli di automobili con motori a combustione interna, secondo l’ultimo sondaggio di Consumer Reports. Difficoltà che, da quest’anno, riguardano tre nuove aree: motore, ricarica, batteria elettrica e ibrida.

In totale i settori sono 20 e il primato negativo spetta agli ibridi plug-in. Infatti, questa tipologia di alimentazione ha il 146% in più di problemi rispetto ai veicoli a gas. Al secondo posto troviamo le vetture elettriche, che richiedono il 79% in più di interventi rispetto alle endotermiche.

Lexus, Toyota, e Mini sono i tre marchi più affidabili, secondo la classifica di affidabilità del marchio stilata da Consumer Reports.

I PROBLEMI CHE RALLENTANO LE EV

La maggior parte degli acquirenti di nuove automobili non vogliono acquistare veicoli elettrici. È l’allarme lanciato da un gruppo di concessionari americani. Quali sono le ragioni?

“Mentre sempre più EV entrano nel mercato e le case automobilistiche costruiscono nuovi modelli in numero sempre maggiore, stiamo vedendo che alcuni di loro hanno problemi con i motori del sistema di azionamento EV, i sistemi di ricarica EV e le batterie (che sono diverse dalle batterie a bassa potenza da 12 volt che alimentano gli accessori),” si legge nel report.

“I proprietari della Ford F-150 Lightning e Mustang Mach-E, Genesis GV60, Hyundai Ioniq 5, Kia Niro EV e EV6, Subaru Solterra, Toyota bZ4X, e Volkswagen ID.4 hanno tutti segnalato alcuni di questi problemi.”

AUTO ELETTRICA, IL MERCATO EUROPEO

Le stesse problematiche rischiano di gravare ulteriormente anche sul mercato europeo, che non se la passa certo meglio. Infatti, lo scorso mese si è registrato un aumento delle vendite di automobili elettriche del 53,1%. Percentuali che sembrano far ben sperare, ma che sono in calo rispetto agli anni precedenti.

Numeri che vanno di pari passo con la lenta ripresa del mercato dell’auto, che si stima potrebbe tornare alla normalità non prima del 2025, o addirittura del 2026.

COSA SUCCEDE IN ITALIA

L’Italia nel mese scorso si è posizionata al secondo posto per aumento di immatricolazioni nei maggiori mercati automotive dell’Ue, con una percentuale del 20%. Al primo posto troviamo la Francia (+21,9%), mentre la Spagna sale sul gradino più basso del podio (+18,1%). Secondo i dati di ACEA, le autovetture elettrificate hanno rappresentato il 47,3% del mercato di ottobre, mentre nel cumulato hanno una quota del 44,4%, con volumi in crescita (+27,3% nel mese e +25,3% nel cumulato).

In particolare, le ibride mild e full sono aumentate del 28% rispetto a settembre, toccando una quota di mercato del 39%. Le immatricolazioni di auto ricaricabili sono cresciute del 24% rispetto a settembre. Le auto elettriche hanno raggiunto una quota del 4,1%, + 57,2% rispetto a settembre.

Guardando alle case automobilistiche, nello stesso periodo Stellantis ha registrato numeri in netta crescita (+10,8%). La Fiat ha fatto segnare invece 10,3%.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su