skip to Main Content

Auto elettriche, i problemi di fornitura dei materiali per le batterie aumenteranno la domanda di petrolio?

EV Auto Elettrica

Joseph Chang, global editor di ICIS, analizza il mercato elettrico anche alla luce del conflitto Russia-Ucraina

La transizione energetica globale sarà a dir poco accidentata con la guerra Russia-Ucraina, che aggiungerà ulteriori interruzioni e incentivi. I veicoli elettrici sono un aspetto chiave della transizione, e le interruzioni della fornitura dei minerali chiave potrebbero ridurre gli obiettivi di produzione delle auto elettriche e mantenere sulle strade più auto con motore a combustione interna, sostenendo così più a lungo la domanda e i prezzi del petrolio greggio.

L’impennata dei prezzi del greggio sulla scia della guerra in Ucraina sta influendo sui margini dei prodotti petrolchimici e della plastica soprattutto in Europa e in Asia, poiché questi produttori fanno affidamento su materie prime di nafta a base di greggio. Se i prezzi del petrolio rimanessero alti più a lungo, questo aggraverebbe il loro svantaggio strutturale rispetto ai produttori statunitensi e mediorientali, che utilizzano prevalentemente materie prime di GNL. Una più lenta transizione verso i veicoli elettrici ha delle conseguenze anche sulle aziende chimiche che sviluppano materiali per batterie, polimeri speciali e altri componenti per i veicoli elettrici.

LA QUESTIONE NICHEL, COBALTO E GLI ALTRI COMPONENTI DELLE BATTERIE

Il grosso problema è rappresentato dal nichel e dal cobalto, componenti essenziali nelle batterie delle auto elettriche. Secondo la newsletter di Elements, la russa Norilsk Nickel (Nornickel) è il più grande produttore mondiale di nichel, con una capacità di 236.000 tonnellate/anno. L’8 marzo scorso, il London Metal Exchange ha interrotto le negoziazioni di nichel perché i prezzi erano raddoppiati ad oltre 100.000 dollari/tonnellata a causa dei timori sull’offerta russa e di una breve stretta.

Secondo un dirigente di un’azienda chimica che conosce la situazione, il cobalto – gran parte del quale viene prodotto come sottoprodotto della raffinazione del nichel – potrebbe essere un problema ancor più grande dello stesso nichel: la maggior parte del nichel viene utilizzata nell’acciaio inossidabile, quindi se c’è una grave carenza, il materiale andrebbe al valore più alto sul fronte della batteria EV, a scapito della produzione di acciaio inossidabile di valore inferiore.

GLI INVESTIMENTI DI BASF SULLE BATTERIE PER VEICOLI ELETTRICI

BASF – una delle più grandi compagnie chimiche al mondo – sta investendo molto nei materiali delle batterie per veicoli elettrici, in particolare per aumentare la capacità dei (cathode active materials – CAM, materiali catodici attivi) per le batterie agli ioni di litio per auto. Questi materiali includono ossido di nichel cobalto alluminio e ossido di nichel cobalto manganese.

Il progetto CAM di BASF a Schwarzheide, in Germania, avviato nel novembre 2020 e che dovrebbe essere lanciato nel 2022, secondo la società potrebbe fornire circa 400.000 veicoli elettrici all’anno. Utilizzerebbe i materiali precursori CAM (PCAM) dello stabilimento BASF di Harjavalta, in Finlandia, in costruzione e anch’esso previsto per essere avviato nel corso di quest’anno.

Lo stabilimento di Harjavalta è in costruzione accanto alla raffineria russa di nichel e cobalto di Nornickel, e le società nel 2018 hanno firmato un accordo di fornitura a lungo termine per le materie prime di nichel e cobalto provenienti dalla raffineria.

Un portavoce di BASF ha detto ad ICIS (Independent Commodity Intelligence Services) che la società non perseguirà nuove attività in Russia e Bielorussia, ad eccezione di quelle relative alla produzione alimentare. Tuttavia, continuerà a condurre affari in Russia e Bielorussia per adempiere agli impegni esistenti.
“Questo vale anche per Nornickel, dove abbiamo contratti esistenti che vengono rispettati in linea con le leggi, i regolamenti e le norme internazionali applicabili. Attualmente non vi è alcun impatto sulle forniture dalla raffineria di Nornickel in Finlandia”, ha affermato il portavoce, aggiungendo che BASF valuterà periodicamente queste decisioni e altre questioni relative all’evoluzione della situazione.

ANCORA RITARDI PER LA DIFFUSIONE DELLE AUTO ELETTRICHE?

Se la fornitura di nichel e cobalto dalla Russia venisse interrotta e i prezzi diventassero proibitivi, ciò minaccerà gli ambiziosi obiettivi di produzione di veicoli elettrici delle case automobilistiche globali.
Ford punta a oltre 2 milioni di veicoli elettrici nel 2026, circa un terzo della sua produzione globale totale. Entro il 2030 si prevede che i veicoli elettrici rappresenteranno la metà della produzione.
GM prevede di eliminare completamente i veicoli a benzina e diesel entro il 2035, Volkswagen ritiene che i veicoli elettrici rappresenteranno la metà delle vendite entro il 2030 e che entro il 2040 i veicoli a emissioni zero saranno quasi l’intera flotta.

Adam Jonas, analista automobilistico di Morgan Stanley, ha affermato che gli investitori dovrebbero ridurre le loro aspettative sulla penetrazione dei veicoli elettrici nei prossimi anni in base all’aumento del prezzo del nichel, che potrebbe aggiungere circa 1.000 dollari al costo di produzione di un veicolo elettrico. L’analista delle batterie di UBS, Tim Bush, ha rivisto al rialzo le sue ipotesi sui costi delle batterie al nichel/ferro del 17-24% per riflettere gli aumenti dei prezzi e stima che, per compensare l’inflazione, i produttori di veicoli elettrici dovrebbero aumentare i prezzi di circa il 3%.

Se i prezzi del nichel stanno aumentando a causa dei timori di interruzioni dell’approvvigionamento russo, l’impatto a lungo termine potrebbe non essere così grave, se la Russia continuerà a vendere in Cina. “La Russia rappresenta il 17% della produzione di nichel per batterie e in questa fase non vediamo problemi con la Cina, che continua ad acquistare dalla Russia”, ha affermato Bush in una nota di ricerca.
“Nei prossimi anni ci aspettiamo una crescita significativa della fornitura di nichel per batterie dall’Indonesia e potremmo assistere ad un ribilanciamento in cui la Cina consumerà più nichel di classe 1 dalla Russia e l’Occidente farà più affidamento su fonti alternative”, ha concluso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore