skip to Main Content

Biden ce la farà a raggiungere il suo obiettivo sull’eolico offshore?

Biden

Secondo IHS Markit, ci sono una serie di sfide he renderebbero impossibile raggiungere l’obiettivo dei 30 GW di eolico offshore

L’obiettivo dichiarato a inizio anno dell’amministrazione Biden era di costruire capacità di generazione di energia eolica offshore fino a 30 GW entro il 2030, creando oltre 44.000 posti di lavoro diretti e quasi 33.000 indiretti. Ad oggi, gli Stati Uniti hanno una capacità eolica di 118 GW. Di questi, solo 42 MW sono eolici offshore. E secondo IHS Markit, l’obiettivo di capacità aggiuntiva di 30 GW sarà quasi certamente mancato.

BOOM 2019 E 2020 DELL’EOLICO CONDIZIONATI DA FINE CREDITO D’IMPOSTA

L’anno scorso, gli Stati Uniti hanno stabilito un record nell’aumento della capacità di energia eolica, con 14,2 GW aggiunti durante l’anno della pandemia. Si è trattato di un aumento in scia con il 2019, anno che ha anche stabilito un record nelle aggiunte di capacità eolica, secondo i dati dell’Energy Information Bureau. Tuttavia, la ragione di questo boom non è stata una semplice risposta alla maggiore domanda di energia eolica. In effetti, la ragione dei record stabiliti sia nel 2019 che nel 2020 è stata l’imminente eliminazione del credito d’imposta sulla produzione, che ha stimolato lo spiegamento di massa di impianti eolici e solari.

GLI INCENTIVI USA

A dicembre, il Congresso aveva esteso il credito d’imposta sulla produzione , che ha fornito agli operatori dei parchi eolici un credito di 0,025dollari per kWh, fino alla fine di quest’anno. Ci sono anche altri incentivi a disposizione dell’industria eolica. Il più grande è il credito d’imposta sugli investimenti, che copre tra il 12 e il 30% dei costi all’inizio del progetto. A partire da dicembre, il Congresso ha stabilito un credito d’imposta sugli investimenti del 30% per i progetti che inizieranno la costruzione entro dicembre 2025.

https://www.epa.gov/lmop/renewable-electricity-production-tax-credit-information

I FATTORI DI DIFFICOLTA’

In sostanza, con così tanto aiuto da parte del governo l’obiettivo dei 30 GW nell’eolico offshore dovrebbe essere un gioco da ragazzi da raggiungere. Tuttavia, ci sono altri fattori in gioco oltre agli incentivi governativi e sono questi fattori, secondo IHS Markit, che renderebbero impossibile raggiungere l’obiettivo di 30 GW.

PROCESSI AUTORIZZATIVI E MANCANZA DI NAVI

Per cominciare, il processo di autorizzazione per i progetti eolici offshore è lungo e complicato, ha scritto Andre Utkin di IHS Markit in una recente analisi dell’argomento. Quindi, non ci sono abbastanza impianti di produzione per le turbine, le pale e altre attrezzature che entrano in un parco eolico su scala industriale. Anche il processo di installazione è complicato: secondo la legislazione degli Stati Uniti, solo le navi battenti bandiera degli Stati Uniti possono navigare lungo le coste del paese. E non ci sono abbastanza navi da installazione e servizio per le turbine eoliche battenti bandiera Usa, secondo Utkin di IHS.

IL NODO DELLE INFRASTRUTTURE DI TRASMISSIONE

C’è poi la questione delle infrastrutture di trasmissione. Secondo la società di ricerca, questo non è sufficiente per ospitare altri 30 GW di capacità di energia eolica.. All’inizio di quest’anno, Utkin di IHS ha riferito che la capacità globale di energia eolica offshore dovrebbe espandersi di sei volte entro il 2030 grazie ai progressi tecnologici, alla riduzione dei costi e agli incentivi governativi. Tuttavia, ha aggiunto, “l’industria deve svilupparsi rapidamente e investire in nuove infrastrutture per raggiungere questi piani ambiziosi”.

I RITARDI DEL BUREAU OF OCEAN ENERGY MANAGEMENT

Infine, c’è un ostacolo normativo, anche se non insormontabile. Il Bureau of Ocean Energy Management tende a condurre lunghe indagini sugli impatti della costruzione di parchi eolici sull’ambiente, che probabilmente ritarderanno anche i progetti.

IL COSTO DEL RAME

Infine, un altro esempio, è il costo della costruzione dell’infrastruttura di trasmissione necessaria. Il recente accordo infrastrutturale bipartisan da 550 miliardi di dollari concluso tra il Senato e la Casa Bianca prevede finanziamenti per 73 miliardi di dollari per la generazione e la trasmissione di energia pulita. Eppure i prezzi del rame sono in aumento e l’eolico offshore richiede enormi quantità di rame per le sue infrastrutture. I 73 miliardi di dollari potrebbero semplicemente non essere sufficienti per questo e per modernizzare la vecchia rete statunitense.

Back To Top