Scenari

Eolico e solare? Più economici del carbone in Usa

rinnovabili

Le ultime stime mettono a repentaglio le speranze di Trump di rilanciare l’industria mineraria statunitense

Il costo della nuova generazione di energia eolica e solare è sceso al di sotto del costo di gestione delle centrali a carbone esistenti in molte parti degli Stati Uniti, minacciando di distruggere le speranze del presidente Donald Trump di rilanciare l’industria mineraria. Le nuove stime pubblicate dalla banca d’investimento Lazard, riferisce il Financial Times, mostrano che spesso può essere più redditizio per le società elettriche statunitensi chiudere le centrali a carbone in funzione e sostituire la loro produzione con energia eolica e solare.

ALCUNE CENTRALI A CARBONE USA SONO GIÀ AVVIATE ALLA CHIUSURA

CARBONE-cinaI calcoli di Lazard suggeriscono che la chiusura delle centrali a carbone potrebbe continuare, erodendo la domanda statunitense di carbone e mettendo a repentaglio l’ambizione di Trump di “rimettere al lavoro i minatori”. Il calo dei costi delle rinnovabili si aggiunge alla pressione esercitata dal gas a basso costo e dalla stagnazione della domanda di elettricità, che dal 2007 ha ridotto la produzione di carbone statunitense di oltre il 40 per cento. Si prevede che i pensionamenti delle centrali a carbone statunitensi raggiungeranno quest’anno un livello record, sulla scia di quanto stanno già facendo aziende come FirstEnergy e American Electric Power che negli ultimi mesi hanno annunciato ulteriori chiusure. Molti degli impianti in fase di chiusura stanno raggiungendo la fine della loro ciclo di vita lavorativa, ma anche la capacità relativamente nuova viene chiusa perché non più economicamente sostenibile. Vistra Energy, per esempio, l’anno scorso ha chiuso le centrali a carbone in Texas, compresa quella che messa in servizio per ultima unità solo nel 2009.

COSTO DELL’ELETTRICITÀ DI UN NUOVO PARCO EOLICO USA È DI 29-56 DOLLARI PER MEGAWATTORA

Secondo Lazard, il costo complessivo dell’elettricità di un nuovo parco eolico negli Stati Uniti è di 29-56 dollari per megawattora senza alcun sussidio – come il credito d’imposta federale sulla produzione, che verrà gradualmente eliminato entro il 2024 -. Il costo marginale di gestione di una centrale a carbone è di 27-45 dollari per MWh. Quindi ci sono spesso momenti e luoghi in cui la costruzione di un parco eolico anche senza alcuna sovvenzione ha senso. Se si aggiunge la componente del Production tax credit federale, che può ridurre il costo dell’energia eolica a soli 14 dollari per MWh, la convenienza diventa ancora più concreta

INDUSTRIA DEL CARBONE È CRESCIUTA LO SCORSO ANNO MA NEL 2018 ARRANCA carbone

La produzione di carbone statunitense è comunque aumentata lo scorso anno, aiutata dalle forti esportazioni. L’industria impiega circa 2.100 persone in più rispetto a quando Trump è entrato in carica, con un aumento di circa il 4%. Attualmente, invece, la produzione è in discesa e si prevede un ulteriore calo l’anno prossimo per avvicinarsi al livello del 2016, che era il più basso dai primi anni ’80. Westmoreland Coal, una società mineraria con sede in Colorado, ad esempio, il mese scorso ha presentato istanza di fallimento per debiti di circa 1,4 miliardi di dollari. L’amministrazione Trump ha esaminato numerose proposte per sovvenzionare il carbone e le centrali nucleari, con la motivazione che la crescente dipendenza delle reti americane dal gas e dalle rinnovabili li espone a rischi di blackout in condizioni estreme, come un periodo di freddo intenso. Un primo tentativo lanciato l’anno scorso è stato respinto dai regolatori federali, tuttavia, e sebbene Trump abbia accennato a un nuovo piano, l’amministrazione non ha ancora pubblicato alcuna proposta formale.