Scenari

Cinque anni da record per i progetti offshore. Il report Rystad Energy

offshore

L’attività in acque ultra profonde offshore si concentrerà principalmente in Sud America, con oltre il 50% del valore totale impegnato, mentre è probabile che il Medio Oriente guidi gli sviluppi degli shelf con il 40% del valore totale

Gli impegni per i progetti offshore non solo si riprenderanno in futuro, ma il loro numero raggiungerà anche un nuovo record nei prossimi cinque anni e precisamente verso il 2025, quando si conteranno complessivamente quasi 600 progetti. È quanto emerge dall’ultimo report di Rystad Energy secondo cui gli impegni in acque profonde godranno della maggiore crescita visto che il loro costo è ora diventato molto più competitivo rispetto alle riserve di piattaforma continentale greenfield.

CRESCITA DI TUTTE LE TIPOLOGIE

Nell’analisi Rystad Energy ha definito che un progetto impegnato quando più del 25% del suo investimento complessivo greenfield viene assegnato tramite contratti.

Guardando a intervalli di cinque anni, gli impegni totali per progetti offshore sono diminuiti nel periodo 2016-2020 a 355 progetti, dai 478 nel periodo 2011-2015. Dall’inizio del 2021 e fino alla fine del 2025, la previsione esatta di Rystad Energy è per 592 impegni, con una crescita a tutti i livelli di profondità: acque basse (0-125 metri), acque profonde (125-1500 metri) e acque ultra profonde (oltre 1500 metri).

Sebbene gli impegni per le acque poco profonde assorbiranno la quota maggiore della torta totale del progetto offshore, salendo a 356 da appena 206 negli ultimi cinque anni, l’aumento è più modesto – circa il 10% – rispetto al conteggio 2011-2015 di 323 progetti. La crescita più impressionante è quella degli impegni in acque profonde, con il numero di progetti che sale a 181, da 106 nel 2016-2020 e 115 nei cinque anni precedenti, osserva la società di analisi.

AUMENTO ANCHE PER LE ACQUE ULTRA-PROFONDE

Anche gli impegni in acque ultra profonde aumenteranno, ma non con margini simili, poiché i costi continuano a mordere il freno. “Ci aspettiamo circa 55 progetti da quest’anno fino al 2025, rispetto ai 43 dei cinque anni precedenti”, ha spiegato Rystad Energy.

CHANDRASEKHAR: STIMOLO IN VISTA ANCHE PER LA DOMANDA DI NAVI GALLEGGIANTI

“La crescita degli impegni stimolerà la crescente domanda di navi galleggianti di produzione, stoccaggio e scarico, nonché di tieback sottomarini. La ricerca di nuovi grandi giacimenti in acque profonde e remote è diventata molto più redditizia dal punto di vista economico dopo che le tariffe giornaliere per gli impianti di perforazione e le navi di rifornimento offshore sono diminuite sulla scia del crollo del prezzo del petrolio nel 2014 e 2015. Ciò offre un supporto significativo per le aziende interessate alle acque profonde”, ha commentato Rajiv Chandrasekhar, analista dei servizi energetici presso Rystad Energy.

L’ultimo rapporto di benchmarking dei costi offshore di Rystad Energy mostra che la differenza nel costo delle riserve di piattaforma greenfield rispetto alle acque profonde è diminuita drasticamente dai massimi visti nel 2014, da oltre 5 dollari per barile di petrolio equivalente a solo circa 1 dollaro / boe nel 2020.

AUMENTO PER LE STRUTTURE OFFSHORE

A causa della crescita prevista dell’attività E&P nei prossimi cinque anni, il numero di nuove strutture offshore è destinato ad aumentare, il che significa che anche i galleggianti e i tieback sottomarini dovrebbero aumentare. È probabile che il settore E&P preferisca gli FPSO in leasing rispetto alle unità di proprietà, sulla base sia dei dati riportati che delle ipotesi formulate dagli operatori. Rystad Energy prevede un aumento del 50% del numero di FPSO di proprietà che dovrebbero essere utilizzate nei prossimi progetti fino al 2025.

“I tieback sottomarini sono significativamente meno intensivi di capitale rispetto alle tecnologie fisse e flottanti e facilitano anche tempi di consegna più rapidi dall’inizio dello sviluppo del campo al primo petrolio – ha spiegato Rystad Energy -. Inoltre, l’elevato numero di strutture fisse preesistenti ha reso progressivamente più facile optare per sistemi di produzione sottomarini che possono essere legati a queste piattaforme. Anche in acque poco profonde al di sotto dei 125 metri, gli impegni sottomarini e galleggianti vedranno probabilmente aumentare notevolmente la loro quota di mercato nei prossimi cinque anni, sebbene le piattaforme fisse rimarranno ancora la soluzione dominante”.

IMPEGNI DI SPESA OLTRE I 480 MLD DI DOLLARI

“In termini di spesa greenfield, prevediamo che gli impegni per progetti offshore nel 2021-25 supereranno i 480 miliardi di dollari, eclissando del 50% il conteggio 2016-20 di circa 320 miliardi di dollari. Tuttavia, questo è ancora ben lontano dal ritmo fissato nel periodo 2011-15, quando sono stati presi impegni per circa 673 miliardi di dollari”, ha sottolineato la società di analisi.

SUD AMERICA E MEDIO ORIENTE IN PRIMA LINEA

“Prevediamo che l’attività in acque ultra profonde si concentrerà principalmente in Sud America, con oltre il 50% del valore totale impegnato, mentre è probabile che il Medio Oriente guidi gli sviluppi degli shelf con il 40% del valore totale. Si prevede che gli investimenti in acque profonde dipenderanno meno da una particolare regione, con un quarto della spesa greenfield prevista in Europa”, ha concluso Rystad Energy.