Fact checking e fake news

Clara Poletti (Arera) eletta alla Presidenza del Comitato dei regolatori di Acer

Confermato ruolo rilevante di Arera e del sistema italiano anche all’interno dell’Agenzia europea delle Autorità nazionali dell’energia

Clara Poletti, componente del Collegio dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, è stata nominata per l’Italia Presidente del Comitato dei regolatori di ACER, l’Agenzia europea per la cooperazione delle Autorità nazionali dell’energia, istituita nell’ambito del Terzo pacchetto energia. Clara Poletti in ACER ricopriva già la carica di Vice -Chair del Comitato dei regolatori e Chair del Gas Working Group.

PER LA PRIMA VOLTA LA NOMINA VIENE CONFERITA A UNA DONNA

La nomina, per la prima volta dall’istituzione dell’Agenzia nel 2011 conferita a una donna, conferma il ruolo rilevante di ARERA e del sistema italiano nella regolazione dei settori energetici in Europa.
La designazione è avvenuta nel corso della 80esima riunione del Comitato dei regolatori, tenutasi oggi a Bruxelles, in cui sono rappresentati le Autorità nazionali dell’energia dei 28 Stati Membri dell’Unione.

INCARICO IN CONCOMITANZA CON LA RECENTE APPROVAZIONE DEL CLEAN ENERGY PACKAGE

La carica assume particolare rilevanza in quanto avviene in concomitanza con la recente approvazione del Clean Energy Package, che introduce nuove misure per rendere maggiormente competitiva l’Unione Europea nella transizione energetica e a ridisegnare il profilo del mercato elettrico europeo. Inoltre, la nomina si inserisce nel quadro di revisione del regolamento dell’Agenzia, che le attribuisce un ruolo sempre più importante nella definizione della regolazione europea con diretto impatto sugli assetti nazionali. In questo contesto il Comitato dei regolatori è destinato ad incidere sempre più tramite un dialogo costruttivo con gli altri organi dell’Agenzia, in particolar modo con il Direttore, attualmente Alberto Pototschnig, in carica fino alla conclusione della procedura di selezione per il rinnovo avviata in autunno.