Advertisement
skip to Main Content

Cosa dice il Rapporto 2022 di Agici sul binomio ‘servizio idrico e transizione ecologica’

Acqua

Interventi per 2,7 miliardi di €, nel periodo 2018-2023, per efficientamento di reti e impianti e digitalizzazione. I dati del quinto Rapporto annuale OSWI redatto da Agici

Si è tenuto oggi, 23 settembre 2022, il Workshop Annuale dell’Osservatorio Idrico OSWI, in cui è stato presentato Rapporto 2022 redatto da Agici.

IL RAPPORTO ANNUALE OSWI

Giunto alla sua V edizione, l’evento, che si è svolto all’interno della cornice del Festival dell’Acqua di Torino, è stato l’occasione per presentare il Rapporto 2022 redatto da Agici dal titolo “Sostenibilità, decarbonizzazione ed economia circolare nel SII. Strategie e investimenti per la transizione ecologica dell’acqua”, redatto da Agici.

Al Workshop hanno partecipato: Luca Bertoni (Accenture), Alessandro Fino (ASA), Enrico Pez- zoli (Como Acqua), Severino Borrini (GAIA), Maurizia Brunetti (Gruppo Hera), Paolo Pizzari (Italgas Acqua), Stefano Cetti (MM), Emilio Guidetti (Montagna 2000), Stefano Cavriani (Elet- tricità Futura), Marco Carta e Alessandra Garzarella (Agici).

I PUNTI DEL RAPPORTO AGICI

Tra i punti salienti del rapporto redatto da Agici, il settore idrico che riveste un importante ruolo nel percorso verso la transizione ecologica dato il suo stretto legame con le tematiche ambientali e i cambiamenti climatici. L’accele- razione degli investimenti infrastrutturali, la digitalizzazione e l’innovazione tecnologica divengono quindi necessari e prioritari.

Queste azioni sono ancora più urgenti alla luce del caro energia: la spesa energetica dei gestori idrici passerà dai 300 milioni di € del 2019 a 1,5 miliardi di € stimati per il 2022 (+500%). Gli investimenti in transizione ecologica delle utilities idriche, nel periodo 2018-2023, am- montano a 2,7 miliardi di € (800 milioni di € nel 2018-2019 e 1,9 miliardi di € previsti nel 2020-2023).

Inoltre, tra i punti, rientrano gli investimenti in efficientamento di reti e impianti che la fanno da padrone (77% nel 2018- 2019 e 65% nel 2020-2023): riduzione delle perdite, sostenibilità della risorsa, digitalizza- zione e sistemi di misura e smart meter.

Le strategie delle aziende del settore idrico riguardano maggiormente la sostenibilità (100% del campione): programmi di ricerca perdite o interventi mirati alla riduzione delle stesse, implementazione di tecnologie digitali in grado di efficientare i sistemi di controllo
o misurazione della risorsa, ecc.
Le strategie di sostenibilità – come indica il rapporto – sono seguite dalle campagne di comunicazione (86%) e dal
conseguimento di certificazioni (78%) in grado di attestare l’impegno di una azienda, ad esempio nella circolarità o nella gestione efficiente dell’energia. Qualche gradino più in basso si trovano le strategie di decarbonizzazione (67%), riguardanti in particolar modo l’uso di energie da fonte rinnovabile (FER) o interventi di efficienza energetica, seguite dalla predisposizione di bilanci di sostenibilità (65%) e dalle strategie di economia circolare (59%) per il riuso di risorsa e recupero di materia. All’ultimo posto, con poco più della metà di aziende del campione, si trovano le strategie di Ricerca e Sviluppo (55%).

Il rapporto redatto da Agici, inoltre, evidenzia che necessario individuare strumenti finanziari in grado di sostenere lo sviluppo di infra- strutture che garantiscano l’equo accesso all’acqua, rendano il SII più efficiente e resi- liente e coerente con gli obiettivi di carbon neutrality e siano al contempo in grado di abilitare il passaggio da un’economia lineare a una circolare.

PNRR RISORSA IMPORTANTE

Come sottolinea il rapporto 2022 redatto da Agici, PNRR può essere un’importante risorsa per accelerare il processo di transizione ecolo- gica e la realizzazione degli investimenti nelle infrastrutture di approvvigionamento idrico. Ma è necessario utilizzare i fondi a disposizione in modo rapido ed efficace.

GARZARELLA: SETTIRE IDRICO PUÒ CONTRIBUIRE A TRANSIZIONE

“Il settore idrico, impegnato da tempo nel raggiungimento degli obiettivi per la salvaguardia delle risorse naturali e della salute umana, può contribuire fortemente alla transizione ecologica – ha affermato in una nota la dott.ssa Alessandra Garzarella, direttrice dell’Observatory for a Sustainable Water Industry di Agici. Essa sarà in grado di generare non solo benefici ambientali per il settore, ma anche benefici economici, con la riduzione dei costi e l’aumento di competitività e resilienza delle aziende”.

“Per far fronte alla titanica sfida dei cambiamenti climatici e del caro energia occorre che il servizio idrico sia gestito da operatori industriali, tecnologicamente avanzati e robusti finanziariamente – ha affermato in una nota il dott. Marco Carta, Amministratore Delegato di Agici. È quindi auspicabile un processo di concentrazione del settore e una collaborazione ampia e struttu- rata tra utilities e aziende tecnologiche all’avanguardia”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore