Sostenibilità

Cosa si è detto al meeting Irena di geopolitica energetica

IRena

Rinnovabili, ruolo del petrolio, e ascesa dell’idrogeno verde tra i temi toccati nell’incontro organizzato da Irena 

“Potremmo non vedere mai la domanda di petrolio tornare ai livelli del 2019”, ha detto il dottor Thijs De Graaf, autore principale di ‘ A New World ‘ – un influente rapporto pubblicato due anni fa dalla Commissione globale sulla geopolitica della trasformazione energetica convocata dall’IRENA , e partecipante al secondo meeting di IRENA Collaborative Framework sulla geopolitica della trasformazione energetica.

“Le riserve di petrolio nel terreno non possono più essere viste come denaro in banca”, ha spiegato, sottolineando che i cambiamenti osservati finora quest’anno nella domanda e nell’uso di energia a seguito delle misure applicate per controllare la diffusione del COVID-19, potrebbe aver cambiato irreversibilmente il panorama energetico.

Queste osservazioni hanno fatto da sfondo a un incontro che ha portato i rappresentanti di IRENA, insieme ad accademici e analisti del mercato energetico, a identificare e concordare aree di interesse specifico per guidare il lavoro futuro dell’associazione sull’argomento. La discussione è stata co-ospitata dal Direttore generale dell’IRENA, Francesco La Camera, Michael Klor-Berchtold, Direttore generale del Dipartimento per gli affari economici e lo sviluppo sostenibile, presso il Ministero degli affari esteri in Germania, e Nawal Al-Hosany, Rappresentante permanente degli Emirati Arabi Uniti presso IRENA. L’incontro prevedeva anche interventi speciali di accademici e strateghi.

LA PANDEMIA HA ANTICIPATO IL PICCO?

Kingsmill Bond, Energy Strategist presso Carbon Tracker, ha convenuto che la pandemia avrebbe probabilmente anticipato il picco dei combustibili fossili e avanzato la transizione. Con esso, ha detto, il pensiero degli investitori è passato dal “rifiuto, all’accettazione e all’entusiasmo” – un messaggio ai responsabili politici sul cambiamento delle preferenze degli investitori. “I mercati sono un indicatore principale del cambiamento che sta arrivando alla geopolitica; ignorare il loro messaggio è un rischio e un pericolo”, ha aggiunto.

L’IDROGENO VERDE

Al centro delle discussioni c’è stata la necessità di trovare il consenso sugli argomenti di maggior interesse per i membri, riconoscendo che qualsiasi lavoro futuro dovrebbe riflettere un equilibrio di interessi tra i membri. Uno di questi argomenti è stato l’idrogeno verde, una tecnologia emergente con il potenziale per svolgere un ruolo chiave nella decarbonizzazione di settori come i trasporti e l’industria.
“L’idrogeno avrà un impatto fondamentale sulla geopolitica e altererà la posizione degli stati nel sistema energetico internazionale e oltre – ha affermato Kirsten Westphal, Senior Associate, Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza-. L’emergere dell’economia dell’idrogeno spingerà i paesi a rivalutare le catene di produzione e del valore e ad approfondire le loro capacità di idrogeno”.

La Germania ha proposto di approfondire il lavoro sulla geopolitica dell’idrogeno verde insieme al nesso sempre più critico di clima e sicurezza come aree specifiche di ulteriore analisi: un suggerimento ha incontrato ampio consenso da parte dei membri.

CLIMA E SICUREZZA

Secondo Irena, non ci sono dubbi sul fatto che i profondi cambiamenti a cui si assiste oggi nel settore energetico stanno diventando sempre più importanti per il lavoro della comunità di politica estera globale. Le questioni relative al clima e alla sicurezza vengono sempre più presentate come punti all’ordine del giorno del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

“Il possibile picco del petrolio, gli NDC aggiornati (i contributi nazionali per la riduzione delle emissioni, ndr) e lo slancio politico per la trasformazione energetica stanno cambiando rapidamente il panorama energetico”, ha affermato Hans Olav Ibrekk, Direttore delle politiche, Sezione per l’energia e il clima, Ministero degli affari esteri norvegese, osservando che i principali attori globali devono anticipare e prepararsi alla nuova geopolitica per mitigare i rischi e anche per salvaguardare l’agenda climatica.

IRENA IN POSIZIONE UNICA PER AIUTARE A SUPERARE LE INCERTEZZE ATTUALI

I partecipanti hanno concordato sul fatto che IRENA si trova in una posizione unica per aiutare a superare le incertezze attuali e future mentre l’ascesa delle energie rinnovabili riconfigura la mappa geopolitica. I partecipanti hanno rafforzato l’importanza della leadership di IRENA sulla questione, sottolineando che il nuovo sistema energetico a basse emissioni di carbonio offre opportunità uniche per una società più giusta e inclusiva.

Il Direttore Generale di IRENA, Francesco La Camera, ha convenuto: “Per la natura stessa delle energie rinnovabili, il nostro futuro energetico sarà più giusto del sistema energetico del passato”. Ma ha riconosciuto il ruolo della comunità politica globale nel fornire quel futuro: “Stiamo assistendo all’intervento più significativo da parte dei responsabili politici nelle economie nazionali negli ultimi 50 anni. Il livello di sostegno senza precedenti proposto per ricostruire le economie deve essere incanalato correttamente”.

GERMANIA ED EMIRATI ARABI AGGIORNERANNO SULLA GEOPOLITICA DELL’ENERGIA

Nel corso del meeting è stato proposto che i co-facilitatori del Framework, Germania e Emirati Arabi Uniti, riferiscano alle due riunioni annuali del Consiglio IRENA, aggiornando i membri del Consiglio sugli sviluppi nella geopolitica dell’energia e sul lavoro intrapreso nell’ambito del lavoro IRENA.

LA CAMERA: TEMA FONDAMENTALE PER PLASMARE LE NUOVE RELAZIONI

Nelle osservazioni conclusive il direttore generale La Camera ha sottolineato che la cooperazione intorno alla geopolitica dell’energia è essenziale per plasmare relazioni nuove ed emergenti in un modo che sia vantaggioso per tutti. Qualunque cosa riservi il futuro, la necessità di un’analisi geopolitica più approfondita è urgente poiché la trasformazione energetica entra in una nuova fase. “La domanda di petrolio è in crescita da 200 anni – ha affermato Kingsmill Bond -. I mercati finanziari accelerano il processo di cambiamento. Gli investitori stanno ora valutando la transizione “.