skip to Main Content

Csea, in Gazzetta il nuovo regolamento di organizzazione

Csea

Il decreto firmato dal Mef prevede per la Cassa una dotazione organica di 90 unità di cui 5 dirigenti

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del ministero dell’Economia – registrato alla Corte dei conti il 19 febbraio 2021 – con il regolamento di organizzazione e funzionamento della Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA): “La dotazione organica della CSEA è individuata in novanta unità, di cui cinque appartenenti al ruolo dirigenziale, oltre al direttore generale”.

L’ORGANIZZAZIONE

Il decreto modifica, in particolare, l’articolo 3 del regolamento di organizzazione e funzionamento di Csea: “Gli uffici della Cassa sono organizzati, su proposta del direttore generale, con deliberazione del Comitato di gestione, approvata dall’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico”.

IL PIANO ASSUNZIONI

“Il piano di assunzioni è deliberato dal Comitato di gestione, su proposta del direttore generale e viene eseguito attraverso selezioni pubbliche, per titoli ed esami”.

PERSONALE DALL’ARERA

“Al fine di assicurare lo svolgimento dei compiti propri della Cassa, può essere utilizzato, nei limiti della dotazione organica” di 90 unità “in assegnazione temporanea, personale appartenente all’Autorità per progetti afferenti alle attività di interesse della stessa”.

IL COMITATO DI GESTIONE

“I responsabili delle unità organizzative di primo livello della CSEA sono nominati con deliberazione del Comitato di gestione,su proposta del direttore generale”. Inoltre le “modalità di cessione del contratto saranno definite nel rispetto del codice civile e del contratto collettivo nazionale del settore elettrico. I piani delle assunzioni, sin dalla prima applicazione, sono deliberati dal Comitato di gestione, su proposta del direttore generale, individuando i profili professionali necessari allo svolgimento dei compiti e delle funzioni della Cassa ed in coerenza con le necessità organizzative, tecniche e gestionali”.

LE CONVENZIONI

Infine, “la Cassa, nei limiti delle risorse finanziarie disponibili, può stipulare accordi, convenzioni, contratti con enti pubblici, nonché conferire incarichi per lo svolgimento di attività che non possono essere realizzate con le professionalità già presenti in organico”.

Back To Top