skip to Main Content

Danimarca, entro il 2050 stop alla produzione di petrolio e gas del Mare del Nord

Gas

L’anno scorso, la Danimarca ha adottato una nuova ambiziosa legge sul clima che si impegna a tagliare il 70% delle sue emissioni entro il 2030

Il governo danese ha deciso di porre fine all’esplorazione e produzione di petrolio e gas nel Mare del Nord entro il 2050, oltre ad annullare il suo ultimo round di licenze.

STIAMO PONENDO FINE ALL’ERA DEL FOSSILE

In un accordo politico con il parlamento, il governo ha dichiarato di aver acconsentito all’annullamento dell’ottavo round di licenze nel Mare del Nord e di non volerne realizzare più. “Stiamo ora ponendo fine all’era fossile e tracciare una linea retta tra le nostre attività nel Mare del Nord e l’obiettivo della neutralità climatica del Climate Act nel 2050”, ha affermato in una dichiarazione il ministro del clima Dan Joergensen.

PRODUZIONE DANESE IN CALO DA ANNI

La produzione di petrolio e gas della Danimarca è in calo da anni. La produzione di petrolio ha raggiunto il picco nel 2004 a 390.000 barili al giorno e quest’anno è stata in media di circa 70.000 barili al giorno, secondo i dati della DEA danese. La produzione di gas ha raggiunto il picco nel 2005 a 9,2 miliardi di metri cubi e recentemente è stata di circa 136 milioni di piedi cubi / giorno, secondo quanto mostrano i dati del governo.

L’ULTIMO ROUND DI LICENZE NEL 2016

L’ultimo round di offerte ha assegnato 16 nuove licenze nella settima gara d’appalto per l’esplorazione di petrolio e gas nella parte danese del Mare del Nord nel 2016. DONG Energy, Edison International, Hess, Wintershall e una serie di operatori minori, nonché a compagnia petrolifera e del gas Nordsofonden si sono aggiudicate i blocchi a tutto tondo.

GLI IMPEGNI DANESI

L’anno scorso, la Danimarca ha adottato una nuova ambiziosa legge sul clima che si impegna a tagliare il 70% delle sue emissioni entro il 2030. La legge mira alla neutralità carbonica entro il 2050 e include un solido sistema di monitoraggio.

PER GREENPEACE È UN MOMENTO DI SVOLTA

Greenpeace ha applaudito la mossa della Danimarca di porre fine alla produzione e all’esplorazione di petrolio e gas, chiedendo al governo britannico di seguire l’esempio.

“Questo è un momento di svolta. La Danimarca ora fisserà una data di fine alla produzione di petrolio e gas e darà l’addio ai futuri round di licenze per il petrolio nel Mare del Nord, in modo che il paese possa affermarsi come un precursore verde e ispirare altri paesi a finire la nostra dipendenza dai combustibili fossili che distruggono il clima. Questa è una grande vittoria per il movimento per il clima e per tutte le persone che hanno spinto per molti anni a farlo accadere”.

“Se il primo ministro britannico Boris Johnson vuole tenere il passo e creare uno slancio globale per la transizione verso l’energia pulita, deve annullare il prossimo round di licenze per petrolio e gas, porre fine a tutte le esplorazioni future e abbandonare l’obbligo legale di estrarre il più possibile dal bacino del Mare del Nord “, ha concluso Greenpeace, secondo quanto riferito da S&P Global Platts.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore