Fact checking e fake news

Ecco come Enel cambia pelle in Italia

Enel

Dal 1 gennaio 2020 via libera a Enel Italia. La holding del gruppo sarà affidata a Carlo Tamburi. Prossima tappa della riorganizzazione studiata da Starace sarà il Nord America

Enel ha deciso di riorganizzare tutte le attività nazionali italiane in un’unica holding, sulla scia di quanto fatto in Spagna, Cile, Brasile, Argentina, Perù e Russia. Secondo una nota della Flaei-Cisl, dal 1° gennaio 2020 confluiranno sotto la nuova realtà le società Enel Energia, Servizio Elettrico Nazionale, Enel Produzione, Enel Green Power Italia srl, E-distribuzione e le società operative italiane di Enel X. Sarà inoltre creata Enel Global Services srl. Alla riorganizzazione saranno interessati 4.300 lavoratori. E a breve la stessa operazione andrà in scena in Nord America

SI COMPLETA IL RIASSETTO VOLUTO DA STARACE

“Si va completando, così, il riassetto voluto dall’amministratore delegato Francesco Starace per semplificare la struttura e ridurre i riporti – si legge su Mf-Milano Finanza -. ‘La creazione di una holding nazionale anche in Italia permette di finalizzare il percorso organizzativo già intrapreso e di razionalizzare le attività, separando le risorse indirizzate allo sviluppo dalle funzioni globali e dalle partecipazioni estere’, così dal gruppo spiegano la ratio dell’operazione”.

LA HOLDING SARA’ GUIDATA DA CARLO TAMBURI

“Per Enel Distribuzione, in parallelo, è previsto un investimento di 660 milioni di euro in quattro anni per digitalizzare la rete. Di fatto, Enel Italia srl, guidata da Carlo Tamburi, acquisisce tutte le attività legate all’Italia, con effetto dal 1° gennaio prossimo”.

COME CAMBIA L’ASSETTO DEI VERTICI

“Le società che hanno azzerato il board hanno conservato lo stesso responsabile: Enel Produzione (Luca Solfaroli Camillocci), Enel Energia (Nicola Lanzetta), Enel X Italia (Alessio Torelli), Enel Global Trading (Claudio Machetti) e naturalmente l`Enel Italia di Tamburi. Hanno invece conservato l’attuale assetto di governance, mantenendo il consiglio d’amministrazione, E-Distribuzione, Servizio Elettrico Nazionale ed Enel X Financial Services, in continuità con la normativa, anche regolatoria, sotto la quale queste tre società ricadono”, conclude Mf.