Advertisement vai al contenuto principale
Emissioni

Ecco perché il mondo ha “meno probabilità che mai” di raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi

DNV prevede che le emissioni globali legate all’energia raggiungeranno il picco nel 2024, ma scenderanno troppo lentamente per essere favorevoli all’accordo di Parigi, con un taglio del 46% a metà del secolo

Una nuova analisi, pubblicata dalla società di gestione del rischio DNV, rileva che mantenere l’aumento della temperatura a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali – l’obiettivo ambizioso dell’Accordo di Parigi – “è meno probabile che mai”, nonostante la rapida espansione delle energie a basse emissioni.

La prospettiva a lungo termine di DNV fa parte di una serie di rapporti (sia attualmente pubblicati che futuri) che aiutano ad inquadrare le discussioni della COP28 e oltre. Esplora come la rapida diffusione delle energie rinnovabili e di altre tecnologie rispettose del clima stia rallentando notevolmente la crescita dei combustibili fossili, prevenendo alcuni dei peggiori risultati climatici futuri. Mentre il carbone si è stabilizzato, però, le fonti pulite devono ancora invertire la crescita complessiva dei fossili, per non parlare di iniziare a spingere le emissioni verso il basso abbastanza velocemente da mantenere in vista l’obiettivo degli 1,5°C.

LA DOMANDA E L’OFFERTA DI ENERGIA DA QUI AL 2050         

Entro il 2050, DNV prevede che la popolazione mondiale aumenterà di circa il 20%, raggiungendo i 9,6 miliardi di persone e che l’economia globale quasi raddoppierà, raggiungendo i 320 trilioni di dollari. Un mondo più prospero e popolato utilizzerà circa il 90% in più di servizi energetici (ad esempio beni prodotti, chilometri di trasporto e metri quadrati riscaldati) rispetto ad oggi.

A quel punto, il sistema energetico mondiale sarà molto più elettrificato di oggi e, quindi, molto più efficiente. I consumatori faranno molto di più con l’energia che ricevono. Così, mentre le utilities

raddoppieranno all’incirca fino alla metà del secolo, la domanda finale di energia crescerà solo del 10%, passando da 441 a 489 exajoule (EJ).

L’offerta globale di energia primaria raggiungerà il suo massimo nel 2038, a quota 663 EJ all’anno, il 9% in più rispetto ad oggi, prima di ridursi a 656 EJ nel 2050. Questo perché le perdite di conversione si riducono notevolmente con l’aumento della quota di energia non fossile. A metà secolo la quota di energia da combustibili fossili scenderà dall’80% di oggi al 48%. Il calo più rapido sarà per il carbone, che nei prossimi 27 anni passerà dal 26% al 10%, seguito dal petrolio, che nello stesso periodo scenderà dal 29% al 17%. La quota di gas naturale resterà pressoché invariata.

LE POLITICHE SUI SISTEMI ENERGETICI IN TUTTO IL MONDO

Rispetto all’Outlook DNV dello scorso anno, molti Paesi stanno progressivamente intervenendo nei sistemi energetici e allineando i propri obiettivi climatici, industriali e di sicurezza energetica. L’elenco delle priorità per i policy maker è lungo: infrastrutture, capacità produttiva, autorizzazioni, creazione della domanda e mantenimento della sicurezza energetica, mantenendo i costi sotto controllo. Nelle regioni all’avanguardia, la transizione energetica sta stimolando una corsa nelle politiche industriali e nel sostegno al posizionamento nelle catene del valore dell’energia pulita:

– La pianificazione globale e il sostegno della Cina indirizzano i settori energetici verso il picco delle emissioni nel 2030 e la neutralità del carbonio nel 2060;

– Nell’area OCSE del Pacifico la Green Transformation Policy (GX) del Giappone mira a favorire la crescita economica attraverso la mitigazione delle emissioni;

– In Europa, il piano industriale del Green Deal europeo mira ad aumentare le capacità net zero ed integra il pacchetto Fit for 55 e il piano REPowerEU, che mira a ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi;

– In Nord America, sia il Canada che gli Stati Uniti hanno approvato degli atti legislativi fondamentali per la decarbonizzazione e gli investimenti puliti, in particolare l’Infrastructure Investment and Jobs Act (IIJA) e l’Inflation Reduction Act (IRA) degli Stati Uniti, per accelerare lo sviluppo e l’implementazione su larga scala di tecnologie ad alto costo, ma potenzialmente ad alto rendimento.

“UNA DINAMICA DI TRANSIZIONE POSITIVA” VERSO LE ENERGIE PULITE

L’allineamento degli obiettivi climatici, industriali ed energetici crea una dinamica di transizione positiva in termini di accelerazione dell’energia pulita e di “corsa verso l’alto” nel settore delle tecnologie pulite. Tuttavia, sebbene sia comprensibile che la spesa per la transizione miri ad accumulare principalmente benefici interni, lo svantaggio delle politiche protezionistiche è il rallentamento della cooperazione globale, la mancanza di trasferimento di tecnologia e degli standard tecnici sviluppati separatamente, che rischiano di mettere a repentaglio una risposta efficace, armonizzata e globale per affrontare il cambiamento climatico.

Inoltre, c’è un grande rischio che i Paesi a medio e basso reddito restino indietro nella corsa alle tecnologie pulite. A meno che non si punti alla collaborazione e alla spesa per le opportunità di transizione in modo inclusivo a livello globale, la riduzione delle emissioni fallirà nelle regioni a basso reddito, con la possibilità, in futuro, di rischi a cascata e di una crisi a livello planetario.

LE PREVISIONI DI DNV SULLE EMISSIONI DI CO2

Secondo il CEO di DNV, Remi Eriksen, “a livello globale la transizione energetica non è iniziata, se per transizione intendiamo che l’energia pulita sostituisce l’energia fossile in termini assoluti”. DNV prevede che le emissioni globali legate all’energia raggiungeranno il picco nel 2024, ma scenderanno troppo lentamente per essere favorevoli all’accordo di Parigi, con un taglio del 46% a metà del secolo. I rischi geopolitici – in particolare l’attacco della Russia all’Ucraina – hanno aumentato l’attenzione sulla sicurezza energetica e sulle forniture locali. “Questa tendenza sta favorendo le energie rinnovabili e l’energia nucleare in tutte le regioni e il carbone in alcune regioni”, si legge nel rapporto DNV.

La previsione più probabile di DNV prevede un aumento della temperatura di 2,2°C entro il 2100. Si tratta di un dato ben al di sotto dei livelli catastrofici che qualcuno ipotizza, in assenza di una forte crescita dell’energia a zero emissioni di carbonio, ma è comunque una ricetta per le ondate di caldo, le tempeste e altri importanti eventi dannosi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su