skip to Main Content

Economia circolare, accordo tra Hera e l’aeroporto Marconi

Eni

Gli scarti di mense e ristoranti andranno nella bioraffineria di Eni a Venezia e all’impianto Hera di SantAgata Bolognese

Recupero degli oli vegetali usati in mensa e nei ristoranti per produrre biodiesel, rifiuti organici per produrre biometano, nuove colonnine di ricarica per le auto elettriche, alternativa alla plastica monouso. Sono alcuni progetti previsti da un accordo triennale firmato ieri dall’Aeroporto di Bologna con Hera per rendere più sostenibile il Marconi, che nel frattempo comincia a vedere qualche segnale positivo per il turismo”. È quanto si legge su La Repubblica edizione Bologna. “Il protocollo fra le due aziende si inserisce in un percorso gia avviato dallo scalo bolognese che, come altri 200 aeroporti europei, punta a zero emissioni di CO2 entro il 2050 e prevede già da tempo interventi di mitigazione ambientale, come una fascia boscata da realizzare a nord, nuove piste ciclabili e incentivi all’uso dei mezzi non inquinanti. Le prime azioni
previste dal protocollo firmato ieri – si legge sul quotidiano – puntano dunque al recupero degli scarti di mense e ristoranti, che andranno nella bioraffineria di Eni a Venezia e all’impianto Hera di SantAgata Bolognese, che oggi produce 8 milioni di metri cubi di biometano”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore