skip to Main Content

Emissioni da flaring al minimo di 10 anni, ma il rimbalzo è all’orizzonte

Gas Flaring

Il flaring rappresenta circa il 30% delle emissioni totali di anidride carbonica prodotte dall’industria petrolifera e del gas

L’attività di gas flaring nel settore globale usptream è scesa lo scorso anno al livello più basso in un decennio a causa del miglioramento della produttività, della maggiore consapevolezza ambientale e della minore domanda di carburante causata dai blocchi di Covid-19 e dalle restrizioni di viaggio. Secondo quanto emerge da una ricerca di Rystad Energy, le stime mostrano che il flaring upstream ha emesso circa 276 milioni di tonnellate di anidride carbonica (CO2) nel 2021, in lieve calo rispetto ai 283 milioni di tonnellate del 2020, continuando una tendenza al ribasso dall’inizio della pandemia di Covid-19.

MIGLIORAMENTI NELLO SHALE USA DETERMINANTI

I miglioramenti nel settore dello scisto negli Stati Uniti sono stati un fattore determinante del calo dell’attività di flaring. Il settore del tight oil, dominato dagli Stati Uniti, ha bruciato l’equivalente di circa 12 milioni di tonnellate di CO2 nel 2021, meno della metà dei 30 milioni di tonnellate visti nel 2019. I miglioramenti nel mercato offshore in Africa sono particolarmente positivi dal punto di vista climatico, comprese le significative riduzioni in Algeria. Un calo della produzione continentale, così come la riduzione della produzione da pozzi offshore maturi, hanno contribuito a ridurre l’impatto ambientale dell’Africa associato al flaring.

POSSIBILE UN RIMBALZO QUEST’ANNO

Tuttavia, quest’anno è probabile che possa registrarsi un rimbalzo dell’attività, poiché la domanda globale di combustibili fossili aumenta con l’allentamento delle restrizioni legate al Covid-19 e l’offerta rimane limitata a causa delle sanzioni sul carburante russo per l’invasione dell’Ucraina a fine febbraio, ha osservato Rystad Energy.

IL FLARING RAPPRESENTA IL 30% DELLE EMISSIONI TOTALI DI CO2 DELL’INDUSTRIA DEGLI IDROCARBURI

“Il flaring rappresenta circa il 30% delle emissioni totali di anidride carbonica prodotte dall’industria petrolifera e del gas e negli ultimi anni la pratica è stata oggetto di un maggiore controllo sul suo impatto ambientale. Anche sullo sfondo della pandemia e del calo dell’offerta, ci sono ancora segnali che gli ultimi miglioramenti potrebbero essere parzialmente sostenuti”, ha affermato Dzenana Tiganj, analista di Rystad Energy.

ATTIVITA’ DI FLARING PRESSOCHE’ PIATTA NEGLI ULTIMI 10 ANNI

Molti attori del settore esplorazione e produzione hanno fissato obiettivi ambiziosi per porre fine al flaring e per molti campi la sua riduzione rimane il primo passo nel percorso di abbattimento. Attraverso la stima dei dati satellitari, Rystad Energy ha rilevato che gli sforzi globali di riduzione del flaring non hanno visto alcun effetto significativo visto che l’attività di flaring è rimasta relativamente piatta negli ultimi 10 anni. Tuttavia, il 2020 ha segnato un passo nella giusta direzione e le stime per il 2021 suggeriscono che la tendenza sta continuando.

RIDUZIONE NEL SETTORE SHALE LA PIU’ SORPRENDENTE

Lo slancio al ribasso nel settore shale è la riduzione più sorprendente degli ultimi anni. Su base per barile di petrolio equivalente (boe), il tight oil flaring è diminuito del 60% dal 2019 al 2021. Continuano a spiccare altri flaring di produzione onshore, con un’intensità di flaring superiore a 7 chilogrammi di CO2 per boe nel 2021. L’altro i segmenti di offerta mostrano andamenti molto marginali, quasi piatti.

RIPARTIZIONE REGIONALE

Africa, Nord America, Australia ed Europa mostrano un’attività di flaring in costante diminuzione, mentre altre regioni rimangono piatte. L’Africa continua la tendenza al ribasso con sviluppi significativi nel segmento offshore. Le emissioni di CO2 del continente derivanti dal flaring offshore sono diminuite di 4 milioni di tonnellate dal 2019 al 2021. Il Nord America ha guidato le diminuzioni dei flaring globali dal 2019 in poi, con lo shale incentrato sui miglioramenti dell’efficienza operativa. La produzione di scisto statunitense ha contribuito per circa il 38% al flaring upstream in Nord America nel 2021, rispetto al 68% nel 2019. Considerando tutti i segmenti di fornitura, compreso lo shale, gli Stati Uniti hanno continuato a registrare buone performance per tutto il 2021, con una diminuzione di oltre 4 milioni di tonnellate di CO2 rispetto al 2020 e una riduzione complessiva dell’intensità del flaring di circa il 30%, raggiungendo 1 chilogrammo per boe in 2021. L’Europa offshore continua a ridurre il flaring di routine, con il Regno Unito al centro del processo grazie a una riduzione delle emissioni di quasi il 40% dal 2019 al 2021.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore