Energie del futuro

Enel, accordo con israeliana Iec per innovazione infrastrutture e reti

Enel

La partnership è stata annunciata oggi nel corso di un evento che si è svolto a Haifa, in Israele, a cui hanno partecipato tra gli altri Gianluigi Benedetti, Ambasciatore italiano in Israele, Ofer Bloch, Amministratore Delegato di IEC, Ernesto Ciorra, Direttore Innovability di Enel e Livio Gallo, Direttore della Business Line Globale Infrastrutture e Reti di Enel.

Infralab, il laboratorio per l’innovazione dedicato alla digitalizzazione delle imprese del settore delle infrastrutture creato attraverso la joint venture tra Enel e Shikun & Binui, primaria società di costruzione israeliana, ha firmato un accordo strategico di partnership con Israel Electric Corporation, la società statale che produce e distribuisce elettricità a 2,9 milioni di clienti in Israele, con lo scopo di selezionare start-up e sviluppare soluzioni innovative nel campo delle infrastrutture e delle reti. La partnership è stata annunciata oggi nel corso di un evento che si è svolto a Haifa, in Israele, a cui hanno partecipato Gianluigi Benedetti, Ambasciatore italiano in Israele, Ofer Bloch, Amministratore Delegato di IEC, Yiftah Ron Tal, Presidente di IEC, Didi Paz, Chief Operating Officer di S&B, Karina Rubinstein, Direttore dello Sviluppo Commerciale all’interno della Divisione Start Up della Israel Innovation Authority (IIA), Ernesto Ciorra, Direttore Innovability di Enel e Livio Gallo, Direttore della Business Line Globale Infrastrutture e Reti di Enel.

CIORRA (ENEL): TRAGUARDO NEL PERCORSO DI ENEL VERSO IL MODELLO DI OPEN INNOVATION

“Questo accordo segna un traguardo importante nel percorso di Enel verso il modello di Open Innovation – ha dichiarato Ernesto Ciorra, Direttore Innovability di Enel. – Lo scambio reciproco di idee assume un valore inestimabile nello scenario sempre più competitivo del settore Infrastrutture e Reti e, attraverso la cooperazione con IEC, nella dinamica comunità delle start-up tecnologiche israeliane, ricercheremo e promuoveremo opportunità di innovazione che puntino a creare una rete di energia sempre più all’avanguardia, affidabile, sicura e resiliente”.

GALLO (ENEL): CON QUESTA PARTNERSHIP, VOGLIAMO PROMUOVERE UNO DEI SETTORI PIÙ INTERESSANTI AL MONDO PER LE START-UP,

Livio Gallo, Direttore della Business Line Globale Infrastrutture e Reti di Enel, ha dichiarato: “Enel è uno degli operatori di reti leader a livello globale. Abbiamo raggiunto questo status dedicando un’enorme importanza all’innovazione in quanto principale elemento della nostra strategia aziendale. Al fine di continuare a essere leader nell’innovazione, dobbiamo guardarci costantemente intorno impegnandoci a fondo in questa ricerca, come dimostrato attraverso Infralab. Con questa partnership, vogliamo promuovere uno dei settori più interessanti al mondo per le start-up, che può disegnare strade apparentemente infinite per rendere ancora più solidi, sicuri e digitalizzati la nostra significativa infrastruttura e il sistema energetico globale, promuovendo al contempo la transizione energetica attraverso l’accelerazione nell’elettrificazione e la decarbonizzazione”.

BENEDETTI (AMBASCIATORE ITALIANO IN ISRAELE): CONFERMA DI COME UN GRANDE GRUPPO ITALIANO CHE HA ACCOLTO LA LOGICA DELL’OPEN INNOVATION POSSA TROVARE IN ISRAELE NUMEROSE OPPORTUNITÀ

Gianluigi Benedetti, Ambasciatore italiano in Israele ha dichiarato: “L’accordo odierno tra Enel, attraverso Infralab, e IEC rappresenta l’ulteriore conferma di come un grande gruppo italiano che ha accolto la logica dell’open innovation possa trovare in Israele numerose opportunità per rafforzare le proprie capacità tecnologiche e allo stesso tempo diventare attore protagonista in uno degli ecosistemi dell’innovazione più avanzati al mondo. L’esperienza di Enel costituisce un modello per le altre aziende dipunta italiane che possono contare sul pieno sostegno dell’Ambasciata per inserirsi in questo Paese nel settore della ricerca e sviluppo e dimostra come una presenza aziendale stabile e strutturata in Israele costituisca un fattore determinante per intercettare le più promettenti opportunità di collaborazione e investimento nei settori hi-tech”.

IL FOCUS

Il focus principale per le start-up coinvolte, che include la resilienza, flessibilità e sicurezza delle reti, sarà legato al Network Digital Twin® di Enel, l’innovativa replica digitale dell’infrastruttura elettrica fisica recentemente riconosciuta dal World Economic Forum come una delle tecnologie più innovative dell’ultimo decennio per l’efficientamento della rete. Le start-up lavoreranno anche sulla individuazione di tecnologie utili ad accelerare i processi di costruzione, gestione e manutenzione degli impianti elettrici. Altri temi saranno la flessibilità della rete, il controllo e il monitoraggio da remoto delle reti, la transizione alle fonti energetiche rinnovabili e la difesa delle infrastrutture essenziali dagli attacchi informatici. Infralab, in qualità di partner tecnologico e strategico di IEC, semplificherà l’individuazione di specifiche sfide e lo scouting di start-up in collaborazione con Enel Innovation Hub di Tel Aviv. Infine, attraverso bootcamp, un team di esperti selezionerà i progetti più innovativi che verranno sviluppati e testati all’interno del programma.Seguendo il modello dell’Open Innovation perseguito da Enel, Infralab e IEC condivideranno il loro portafoglio di start-up, promuovendo riunioni periodiche e organizzando eventi comuni in cui le start-up potranno condividere le loro esperienze ed idee.

Oggi, Infralab ospita più di 15 start-up. Enel ha aperto il suo primo Innovation Hub a Tel Aviv nel 2016 e, da allora, ha collaborato con 35 start-up locali in settori quali Internet of Things (IoT), sicurezza informatica, mobilità elettrica, stoccaggio dell’energia e molti altri. L’Hub e Infralab fanno parte di una rete globale di 10 hub e 20 laboratori dedicati all’innovazione che Enel possiede nel mondo, in paesi quali Brasile, Cile, Italia, Russia, Spagna e Stati Uniti. Grazie a questa rete globale, Enel lavora con circa 300 start-up di tutto il mondo, promuovendo l’innovazione in tutte le sue attività globali.