Fact checking e fake news

Exxon pronta a cedere asset upstream in Regno Unito e Germania

Rystad Energy

Le cessioni upstream, secondo alcune fonti vicine al dossier, potrebbero fruttare più di 2 miliardi di dollari

Exxon Mobil sta pensando di cedere gli asset upstream in Regno Unito e Germania entro le prossime settimane e per questo starebbe già valutando l’interesse degli acquirenti. A svelare la mossa della major americana è Bloomberg secondo cui la compagnia ha intenzione di cominciare con le attività presenti nel Mare del Nord per poi passare a quelli tedeschi. Le cessioni, secondo alcune fonti vicine al dossier, potrebbero fruttare più di 2 miliardi di dollari.

GLI ASSET GIA’ CEDUTI ALL’ESTERO

Sempre secondo Bloomberg, Exxon Mobil, come altre aziende americane, stanno vendendo beni all’estero per concentrarsi sul mercato nazionale. La Exxon, ad esempio, è uscita dalla Norvegia l’anno scorso quando ha venduto i suoi giacimenti di petrolio e gas naturale nel paese alla Var Energi AS per 4,5 miliardi di dollari. Ma ha anche preso in considerazione la vendita dei suoi campi petroliferi offshore in Malesia, che potrebbe fruttare fino a 3 miliardi di dollari, ha riferito Bloomberg in una notizia dello scorso ottobre.

NEL MARE DEL NORD EXXON COLLABORA CON LA SHELL

Exxon collabora con la banca d’investimento Jefferies Financial Group Inc. per valutare le opzioni per le sue attività nel Mare del Nord. Le operazioni offshore nel Regno Unito sono gestite principalmente attraverso una joint venture al 50% con Royal Dutch Shell Plc. La major statunitense è responsabile di circa il 5% della produzione di petrolio e gas del Regno Unito, e fornisce una media di 80.000 barili di petrolio e 441 milioni di piedi cubi di gas al giorno, come riporta l’azienda sul proprio sito web. Nel 2018, le attività tedesche della Exxon hanno prodotto, invece, circa 45.000 barili di petrolio equivalente al giorno.

AL MOMENTO ANCORA NESSUNA DECISIONE DEFINITIVA SULLE CESSIONI

In ogni caso, secondo le fonti interpellate da Bloomberg, al momento non ci sarebbero ancora decisioni definitive su quali asset verranno venduti e alcuni potrebbero essere mantenuti. Un rappresentante della Exxon ha detto che la società riesamina continuamente i suoi beni per cercare di ottenere contributi per il raggiungimento dei suoi obiettivi finanziari e il loro potenziale valore per gli altri. A novembre la Exxon aveva annunciato che il programma di disinvestimento della società, del valore di 15 miliardi di dollari, era in anticipo sui tempi previsti.