Senza categoria

Fotovoltaico, nuovi parchi in costruzione in Italia. Senza incentivi

Limes Italia realizzerà nei prossimi tre anni progetti fotovoltaici non incentivati per 500 megawatt complessivi

 

500 nuovi megawatt di energia fotovoltaica per l’Italia. questi gli obiettivi di Limes Italia, che si è assicurata, con la collaborazione di Prothea Srl, il capitale per poter sviluppare i progetti senza ricevere incentivi.

I progetti di energia fotovoltaica avranno una taglia da 10 a 50 megawatt e dallo studio di fattibilità iniziale saranno portati allo stadio “ready to build”. Non lavorerà da sola Limes Italia, che intende stringere accordi con investitori, utilities e produttori di energia. “Il fotovoltaicoprogetto farà leva sulla riduzione progressiva del capitale d’investimento, sulla crescente domanda di PPA e in generale di energia, e delle aspettative di ritorno sull’investimento nel mercato secondario per progetti utility-scale non incentivati”, spiega l’azienda.

Sembra proseguire, dunque, il periodo d’oro del fotovoltaico.  nel 2017 si è registrato un boom di energia solare (24,8 TWh) e record per incidenza sul mix produttivo (8,7%).

La produzione netta da fotovoltaico si è attestata lo scorso anno a circa 24,8 TWh, oltre 3 TWh piu’ dello scorso anno (+14% come gia’ visto) e circa 2,2 TWh piu’ del precedente record assoluto, risalente del 2015, con un rialzo del 9,8%. Da record, come dievamo, anche l’incidenza della generazione da fonte solare sul totale della produzione netta, salita all’8,7% nel 2017 contro l’8,2% del 2015, e sul totale dell’energia richiesta sulla rete (7,7% contro il 7,1% del 2015).

Nonostante i numeri da record del solare, non ha tuttavia impedito alla produzione complessiva da fonti rinnovabili di ridursi di circa 3,5 TWh rispetto al 2016 a circa 103,4 TWh, sempre stando ai dati preliminari diffusi dal Tso. In lieve flessione anche l’incidenza delle Fer sulla produzione netta totale, al 32,3% contro il 34% del 2016. A pesare sul totale delle fonti verdi il -14,3% dell’idroelettrico e il contributo stabile dell’eolico (-0,2%).