Fact checking e fake news

Gas e luce: calano i prezzi, aumenta convenienza mercato libero

gas

Lo rivela l’ultima indagine SOStariffe.it che ha posto a confronto l’evoluzione dei prezzi gas e luce tra i due mercati

La riduzione delle tariffe luce e gas nel mercato tutelato, annunciata dall’Arera, ha avuto ripercussioni anche sul mercato libero. Con il risultato di favorire i clienti di quest’ultimo, soprattutto per il gas (-19,9%) e le tariffe dual fuel (-19,6%). L’ultima indagine SOStariffe.it ha posto a confronto l’evoluzione dei prezzi luce e gas tra i due mercati (maggior tutela e mercato libero) tra il primo e il secondo trimestre di quest’anno

Il mese di aprile è caratterizzato dalla convenienza grazie alla riduzione dei prezzi delle bollette nel mercato tutelato luce e gas. Anche il mercato libero, di pari passo, si è saputo adeguare, riducendo, mediamente, la spesa annua fino al 19% circa. Lo studio SOStariffe.it ha analizzato le differenze tra i due mercati, prendendo in considerazione l’andamento delle tariffe di luce, gas, ma anche le tariffe dual-fuel tra il primo e il secondo trimestre del 2020.

COSA È CAMBIATO TRA GENNAIO E APRILE

L’indagine SOStariffe.it ha posto a confronto l’evoluzione dei prezzi luce e gas tra i due mercati (maggior tutela e mercato libero) tra gennaio e aprile di quest’anno. Per il mercato libero è stato considerato l’importo annuo con la migliore offerta, individuata da SOStariffe.it, per i profili analizzati. Le rilevazioni e le proiezioni sono state condotte ad aprile 2020, con l’ausilio del comparatore offerte luce e gas SOStariffe.it . Le stime sono state elaborate sulla base di alcuni profili tipo. Per la luce si è considerato un consumo anno di 2700 kWh, utilizzati per metà in fascia F1 e per l’altra metà nelle fasce F2 ed F3. Per il gas, invece, si è tenuto conto di un profilo tipo di consumo annuo pari a 1400 metri cubi.

FATTURE LUCE E GAS: CON IL MERCATO LIBERO TARIFFE IN FORTE CALO (FINO A -19,9%)

Se consideriamo le bollette di luce e gas naturale, l’andamento dei costi premia il mercato libero. Se esaminiamo il mercato di maggior tutela ci accorgiamo come i prezzi calano, tra gennaio e da aprile, da 630 a 500 euro per luce e da 1034 euro a 962 euro annui per il gas, corrispondenti rispettivamente a -20,6% e -7%. Con un risparmio significativo per le famiglie.

Ma la convenienza del mercato libero è stabile o maggiore, soprattutto per le bollette gas. A gennaio 2020, infatti, i clienti passati al mercato libero del gas spendevano in media ogni anno 1028 euro, mentre ora ne spendono soltanto 823. Ciò significa che il secondo trimestre del 2020 ha comportato per loro un risparmio significativo, pari al 19,9%. Per le tariffe energia elettrica si registra un calo da 518 euro a 419 euro, segnando una diminuzione pari al 19,1%.

TARIFFE DUAL FUEL: AD APRILE SI SPENDE MENO NEL MERCATO LIBERO (-19,6%)

Anche in questo caso la ‘guerra’ di prezzi tra maggior tutela e mercato libero è vinta da quest’ultimo. Si definiscono dual-fuel le tariffe che comprendono sia la luce sia il gas. Nel mercato di maggior tutela le offerte luce più gas hanno subito una riduzione del 12,2%, passando dai 1665 euro annui di gennaio ai 1462 di aprile. Chi ha effettuato la transizione al mercato libero invece può risparmiare molto di più sulle tariffe combinate. Le dual fuel si sono ridotte dal primo trimestre al secondo infatti del 19,6%. Scendendo dai 1546 euro annui di gennaio ai 1242 attuali. Con una convenienza considerevole rispetto alla maggior tutela.

LA MIGLIORE COMPAGNIA DEL MERCATO LIBERO SI TROVA COSÌ

Nonostante la pandemia di coronavirus non è venuto meno il dovere di pagare le bollette. Possiamo però scegliere di risparmiare, portandoci avanti rispetto al definitivo passaggio al mercato libero fissato per il primo gennaio del 2022. Entro quella data sarà d’obbligo adeguarsi al nuovo regime. Ma facendolo già oggi potremmo avere dei vantaggi. Come orientarsi tra tante promozioni tutte all’apparenza simili? Anzitutto, per la luce meglio optare per le offerte a prezzo bloccato, che consentono di mantenere fermo il prezzo dell’energia per un periodo prestabilito di 12 o 24 mesi. Per il gas invece, le tipologie di offerte più convenienti sono quelle non indicizzate dall’Authority, il cui prezzo viene calcolato partendo dal costo all’ingrosso del gas a cui il fornitore del mercato libero aggiunge un fisso al metro cubo.