Scenari

Gas, ecco perché nemmeno i tagli russi possono aiutare il surplus in Europa

gas

I prezzi del Title Transfer Facility (Ttf) olandese, il più grande mercato del gas d’Europa, sono scesi a 3,365 euro a megawattora il mese scorso, ovvero circa 40 dollari per 1.000 metri cubi.

L’Europa sta annegando in un mare di gas come non mai in questo periodo. Le ragioni? Semplici: la domanda è crollata in linea con l’economia globale per via della pandemia di coronavirus, i siti di stoccaggio sono più pieni del solito e si registra anche uno scarso import di Gnl anche con prezzi di riferimento vicini ai minimi storici.

DOMANDA DEBOLE

In genere, riferisce Bloomberg, i trader guardano ai segnali provenienti dai produttori chiave come Russia e Norvegia, allineando le loro policy in base a un aumento o a un calo dei flussi. Gazprom PJSC, che ha uno dei più bassi costi marginali tra gli importatori verso l’Europa, ha ridotto brevemente i flussi attraverso Bielorussia e Polonia. Ma anche così la mossa russa non è stata sufficiente a dare una spinta sostenibile ai prezzi.

“La domanda di gas naturale è molto debole e i prezzi bassi stanno mandando segnali che l’offerta deve essere tagliata – ha detto Trevor Sikorski, analista del gas presso la Energy Aspects Ltd. di Londra -. I prezzi rimarranno in un intervallo in grado di fornire pressione sulle forniture. E i tagli faranno scendere ulteriormente i prezzi”.

COSA STA FACENDO LA RUSSIA

“I flussi dalla Russia attraverso il gasdotto Yamal-Europe che attraversa la Bielorussia e la Polonia fino a Mallnow, in Germania, sono ripresi lunedì dopo essere scesi a zero la scorsa settimana”, ha ricordato Bloomberg. “Con la scadenza di un accordo di transito a lungo termine per il gasdotto Yamal, Gazprom deve ora prenotare capacità per utilizzare il collegamento. Ci saranno giorni in cui il percorso non sarà utilizzato e la decisione di fermare le esportazioni si basa sui costi a breve termine”.

La mossa della Russia di tagliare i flussi è vista come temporanea, ha invece ammesso sempre al quotidiano finanziario Hadrien Collineau, analista senior del settore gas alla WoodMackenzie Ltd.. “È probabile che le esportazioni aumenteranno a giugno, quando il produttore di gas avrà più contratti di capacità a lungo termine che costano meno delle prenotazioni giornaliere”.

Inoltre, “sebbene la domanda totale di gas in Europa sia in calo rispetto allo scorso anno, le riduzioni delle importazioni di gas di produzione nazionale e di gasdotti russi hanno creato più spazio per l’assorbimento del Gnl. Tuttavia, la principale differenza fondamentale rispetto al 2019 è costituita dalle vaste scorte di gas in Europa, che attualmente si attestano a massimi record stagionali e ridurranno la capacità del continente di assorbire il surplus globale di gas liquefatto nel terzo trimestre 2020 “, ha dichiarato Wood Mackenzie in una nota.

I PREZZI AL TTF OLANDESE IN CALO

I prezzi del Title Transfer Facility (Ttf) olandese, il più grande mercato del gas d’Europa, sono scesi a 3,365 euro a megawattora il mese scorso, ovvero circa 40 dollari per 1.000 metri cubi. Questi livelli indicano che l’economia è peggiorata anche per i produttori a basso costo come Gazprom, che paga circa 47 dollari in media ogni 1.000 metri cubi di costi di transito per condotte diverse dal suo collegamento Nord Stream nel Mar Baltico, secondo VTB Capital. “Non c’è domanda di gas e i prezzi sono così bassi al momento con tutti i fornitori in difficoltà”, ha detto Collineau.

IL QATAR NON RIDURRA’ L’EXPORT DI GNL

Gazprom ha già detto che le sue esportazioni scenderanno a circa 167 miliardi di metri cubi quest’anno, rispetto ai quasi 199 miliardi di metri cubi dell’anno scorso. Ma qualsiasi riduzione dell’offerta deve ancora adattarsi agli obblighi contrattuali dei produttori e ai loro sforzi per preservare la quota di mercato. Il Qatar, il più grande fornitore mondiale di Gnl, ha già detto che non ridurrà le spedizioni. E anche se gli Stati Uniti, il produttore di Gnl in più rapida crescita, hanno cancellato alcuni carichi per giugno e luglio, le esportazioni sono ancora in aumento di circa il 10% su base annua, secondo Dmitry Loukashov di VTB Capital.

Insomma, ammette Blolmberg, “con i futures del gas naturale statunitense per la consegna fino a settembre, ora più alti dei prezzi nei Paesi Bassi, il carburante sembra sempre meno attraente per gli acquirenti in Europa”.

COSA FA LA NORVEGIA

I flussi della Norvegia sono diminuiti di circa l’11% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il paese potrebbe rimandare la produzione dai suoi due campi – Troll e Oseberg – il più possibile a causa delle cattive condizioni di mercato, ha detto Sikorski di Energy Aspects.