Fact checking e fake news

Gas Naturale: sfatiamo i falsi miti

 

Proviamo a capire perchè il gas naturale potrebbe essere la risorsa ideale per condurre il mondo verso un futuro low carbon

Il gas potrebbe essere la fonte di energia ideale per fare da ponte tra un’economia basata sul carbone e un futuro low carbon. Questa risorsa è ampiamente diffusa sulla terra, ma spesso vittima di falsi miti.

Cosa è il Gas naturale

Il gas naturale è un combustibile fossile, proprio come lo sono il petrolio e il carbone, costituito da una miscela di idrocarburi. Il componente principale del Gas naturale è rappresentato dal metano, ma è composto anche da anidride carbonica, azoto, idrogeno solforato e, in qualche caso, elio, radon e cripton.

Prima che il Gas venga avviato all’utilizzo per la produzione di energia, viene trattato in modo da eliminare l’anidride carbonica, l’azoto e l’idrogeno solforato, tossico e corrosivo.

Fonte fossile più pulita

Dopo il trattamento, quello che resta del Gas naturale è prevalentemente metano. È per questo che si dice che il gas naturale sia molto più pulito delle altre fonti fossili. La sua molecola è costituita, infatti, da 4 atomi di idrogeno e uno di carbonio (CH4): bruciando, è l’idrocarburo che libera la minor quantità di carbonio.

Per comprendere quanto stiamo dicendo, basti sapere che il metano produce emissioni di CO2 inferiori del 25% rispetto alla benzina, del 16% rispetto al Gpl, del 30% rispetto al diesel e del 70% rispetto al carbone. La sua capacità di formare ozono è inferiore del 80% rispetto alla benzina e del 50% rispetto a gasolio e Gpl.

E c’è di più. Facendo particolare riferimento al mondo dei trasporti, possiamo dire che la combustione non rilascia nell’aria residui carboniosi, benzene e polveri ultrasottili PM10, a differenza di benzine e gasolio.

I miti da sfatare sul Gas Naturale

1.Il gas è troppo caro

Partiamo da quello che più interessa le famiglia: il costo. Il Gas non è la fonte di energia più cara. Anzi secondo le più recenti statistiche diffuse dalla UE, già tra il 2010-2012 , il prezzo del gas ad uso domestico e industrialelo leggeva a opzione più economica per kilowatt ora (kwh). Per le famiglie il costo medio dell’elettricità era di $0,23/kWh rispetto a $0,08/kwh per il gas. Anche per le aziende il gas era la soluzione più conveniente: per le industrie il prezzo medio dell’elettricità era di $0,13/kwh e di $0.04/kwh per il gas.

 

gas naturale

 

 

2. Il gas è una fonte fossile. E inquina come tutti gli altri

Di questo abbiamo già accennato quando abbiamo introdotto questa fonte di energia. Il gas, vero, è un combustibile fossile, ma è anche vero che è quella con le minori emissioni di biossido di carbonio (CO2), anche in base alle statistiche diffuse dalla Amministrazione per l’Informazione sull’Energia della UE  (EIA).

E allora, mentre cresce la diffusione delle energie rinnovabili, il gas naturale potrebbe essere la soluzione ponte verso il futuro low carbon.

3.Il gas è un “combustibile del passato”

Il futuro è delle rinnovabili, ma non possiamo ancora permetterci di affidarci solo a queste. È ancora troppo presto, non possiamo e non riusciamo (per ora) abbandonare i combustibili fossili. E allora, perchè non scegliere quella fonte che al momento sembra quella più conveniente in termini di costi sia monetari sia ambientali?

4.Meglio l’elettricità del gas naturale

La risposta giusta è “dipende”. Sì, dipende da dove arriva l’elettricità: sa proviene da una centrale a carbone, è facile dunque spiegare perchè sarebbe meglio sfruttare il gas naturale.

Secondo un rapporto del World Energy Council “Decidere il futuro: scenari di politica energetica fino al 2050”, entro il 2050 le forniture mondiali dovranno raddoppiare per soddisfare le richieste energetiche del pianeta. Ed è lo stesso rapporto che indica il gas naturale come uno fonte fosile da sfruttare per ridurre le emissioni di gas serra provenienti dalla produzione di energia elettrica.

 

 

5.La guerra del Gas non ci permette di fare affidamento sul Gas

Non c’è niente di più sbagliato che pensare che non possiamo fare affidamento sul gas naturale come fonte di energia a causa della guerra fra Russia e Ucraina sulle forniture e sui prezzi del gas, che ha portato all’interruzione completa della fornitura all’Ucraina nel 2015 e alla minaccia russa di interrompere nel 2018 le forniture agli altri paesi europei attraverso l’Ucraina.

Come affermato da Bloomberg, infatti, mentre l’Europa sta già provvedendo ad incrementare la quota di gas ed è a lavoro a nuove ed importanti infrastrutture.